Home Approfondimenti 6 aprile 1917, prima guerra mondiale: Gli Stati Uniti entrano ufficialmente in Guerra

6 aprile 1917, prima guerra mondiale: Gli Stati Uniti entrano ufficialmente in Guerra

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Due giorni dopo che il Senato degli Stati Uniti ha votato 82 contro 6 per dichiarare guerra alla Germania, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti approva la dichiarazione con un voto di 373 contro 50 e l’America entra formalmente nella prima guerra mondiale.

Quando scoppiò la prima guerra mondiale nel 1914, il presidente Woodrow Wilson promise la neutralità per gli Stati Uniti, una posizione che vide la stragrande maggioranza degli americani favorevole. La Gran Bretagna, tuttavia, era uno dei partner commerciali più stretti dell’America, e presto sorsero tensioni tra Stati Uniti e Germania per il tentativo di quarantena delle isole britanniche da parte di quest’ultima.

Diverse navi statunitensi che viaggiavano in Gran Bretagna furono danneggiate o affondate dalle mine tedesche e nel febbraio 1915 la Germania annunciò una guerra senza restrizioni contro tutte le navi, neutrali o meno, che entravano nella zona di guerra intorno alla Gran Bretagna.

Un mese dopo, la Germania annunciò che un incrociatore tedesco aveva affondato la William P. Frye, una nave americana privata. Il presidente Wilson era indignato, ma il governo tedesco si è scusato e ha definito l’attacco uno sfortunato errore.

Il 7 maggio, il transatlantico Lusitania di proprietà britannica è stato silurato senza preavviso appena al largo delle coste irlandesi. Dei 1.959 passeggeri, 1.198 furono uccisi, inclusi 128 americani. Il governo tedesco sostenne che la Lusitania trasportava munizioni, ma gli Stati Uniti chiesero riparazioni e la fine degli attacchi tedeschi contro navi passeggeri e mercantili disarmate.

Ad agosto, la Germania si è impegnata a provvedere alla sicurezza dei passeggeri prima di affondare navi disarmate, ma a novembre ha affondato senza preavviso un transatlantico italiano, uccidendo 272 persone, di cui 27 americani. Con questi attacchi, l’opinione pubblica negli Stati Uniti iniziò a rivoltarsi irrevocabilmente contro la Germania.

Nel 1917, la Germania, determinata a vincere la sua guerra di logoramento contro gli Alleati, annunciò la ripresa della guerra senza restrizioni nelle acque della zona di guerra. Tre giorni dopo, gli Stati Uniti ruppero le relazioni diplomatiche con la Germania e poche ore dopo il transatlantico americano Housatonic fu affondato da un sottomarino tedesco. Il 22 febbraio, il Congresso ha approvato un disegno di legge per gli stanziamenti di armi da 250 milioni di dollari inteso a rendere gli Stati Uniti pronti per la guerra.

Alla fine di marzo, la Germania ha affondato altre quattro navi mercantili statunitensi e il 2 aprile il presidente Wilson è apparso davanti al Congresso e ha chiesto una dichiarazione di guerra contro la Germania. Quattro giorni dopo, la sua richiesta è stata accolta.

Il 26 giugno, le prime 14.000 truppe di fanteria statunitensi sbarcarono in Francia per iniziare l’addestramento al combattimento. Dopo quattro anni di sanguinosa situazione di stallo lungo il fronte occidentale, l’ingresso nel conflitto delle forze ben fornite dell’America ha segnato un importante punto di svolta nella guerra e ha aiutato gli alleati alla vittoria. Quando la guerra finalmente finì, l’11 novembre 1918, più di due milioni di soldati americani avevano prestato servizio sui campi di battaglia dell’Europa occidentale e circa 50.000 di loro avevano perso la vita.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento