Home Attualità Le forze di sicurezza del Myanmar con granate fucilate uccidono oltre 80 manifestanti

Le forze di sicurezza del Myanmar con granate fucilate uccidono oltre 80 manifestanti

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

Venerdì le forze di sicurezza del Myanmar hanno sparato granate contro i manifestanti in una città vicino a Yangon, uccidendo più di 80 persone, hanno riferito il gruppo di monitoraggio dell’Associazione di assistenza per i prigionieri politici (AAPP) e un organo di stampa nazionale.

I dettagli del bilancio delle vittime nella città di Bago, 90 km a nord-est di Yangon, non erano inizialmente disponibili perché le forze di sicurezza hanno ammucchiato i corpi nel composto della pagoda Zeyar Muni e hanno isolato l’area.

L’agenzia di stampa AAPP e Myanmar Now ha riferito sabato che 82 persone sono state uccise durante la protesta contro il colpo di stato militare del 1 febbraio nel Paese. Il fuoco è iniziato prima dell’alba di venerdì e ha continuato nel pomeriggio, ha detto Myanmar Now.

“È come un genocidio”, ha detto il notiziario citando un organizzatore di proteste chiamato Ye Htut. “Stanno sparando a ogni ombra”. Molti residenti della città sono fuggiti.

L’AAPP, che ha mantenuto un conteggio giornaliero dei manifestanti uccisi e arrestati dalle forze di sicurezza, ha precedentemente affermato che 618 persone sono morte dal colpo di stato.

Questa cifra è contestata dai militari, che dicono di aver inscenato il colpo di stato perché le elezioni di novembre vinte dal partito di Aung San Suu Kyi sono state truccate. La commissione elettorale ha respinto l’affermazione.

Il portavoce della giunta, il maggiore generale Zaw Min Tun, ha dichiarato venerdì in una conferenza stampa nella capitale, Naypyitaw, che l’esercito ha registrato 248 morti civili e 16 morti di polizia, e ha detto che nessuna arma automatica è stata usata dalle forze di sicurezza.

Un’alleanza di eserciti etnici in Myanmar che si è opposta alla repressione della giunta ha attaccato sabato una stazione di polizia nell’est e almeno 10 poliziotti sono stati uccisi, hanno detto i media nazionali.

La stazione di polizia di Naungmon, nello stato di Shan, è stata attaccata la mattina presto da combattenti di un’alleanza che include l’Esercito di Arakan, l’Esercito di liberazione nazionale di Ta’ang e l’Esercito dell’Alleanza democratica nazionale del Myanmar, hanno riferito i media.

Shan News ha detto che almeno 10 poliziotti sono stati uccisi, mentre il notiziario di Shwe Phee Myay ha fissato il bilancio delle vittime a 14.

I governanti militari del Myanmar hanno detto venerdì che le proteste contro il suo governo stanno diminuendo perché la gente vuole la pace e che si terranno le elezioni entro due anni.

I legislatori del Myanmar cacciati venerdì hanno esortato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a prendere provvedimenti contro i militari.

“Il nostro popolo è pronto a pagare qualsiasi costo per riavere i propri diritti e la propria libertà”, ha detto Zin Mar Aung, che è stato nominato ministro degli Esteri ad interim per un gruppo di legislatori estromessi. Ha esortato i membri del Consiglio ad esercitare pressioni sia dirette che indirette sulla giunta.

“Il Myanmar è sull’orlo del fallimento”, ha detto Richard Horsey, un consigliere senior per il Myanmar con l’International Crisis Group, alla riunione informale delle Nazioni Unite, la prima discussione pubblica del Myanmar da parte dei membri del consiglio.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento