Home Attualità L’Iran giura vendetta e incolpa Israele per l’attacco alla centrale nucleare di Natanz

L’Iran giura vendetta e incolpa Israele per l’attacco alla centrale nucleare di Natanz

by Freelance

Di Raimondo Pastellato

L’Iran lunedì ha accusato l’arcinemico Israele di sabotare il suo sito nucleare chiave di Natanz e ha promesso vendetta per un attacco che sembrava essere l’ultimo episodio di una guerra segreta di lunga durata.

L’Iran ha detto che la persona che ha causato un’interruzione di elettricità in uno dei capannoni di produzione dell’impianto sotterraneo di arricchimento dell’uranio è stata identificata. “Si stanno prendendo le misure necessarie per arrestare questa persona”, hanno riferito i media statali iraniani, senza fornire ulteriori dettagli.

L’incidente è avvenuto durante gli sforzi diplomatici dell’Iran e degli Stati Uniti per rilanciare l’accordo nucleare di Teheran del 2015 con le principali potenze, un accordo a cui Israele si è ferocemente opposto, dopo che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump lo aveva abbandonato tre anni fa.

La scorsa settimana, l’Iran e le potenze globali hanno tenuto quelli che hanno descritto come colloqui “costruttivi” per salvare l’accordo, che è stato violato dall’Iran per l’arricchimento sensibile dell’uranio da quando Trump ha reimposto dure sanzioni a Teheran.

Le autorità iraniane hanno descritto l’incidente il giorno prima come un atto di “terrorismo nucleare” e hanno affermato che Teheran si riserva il diritto di agire contro gli autori.

Lunedì, il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha esplicitamente accusato Israele. “I sionisti vogliono vendicarsi a causa dei nostri progressi nel modo di revocare le sanzioni … Non cadremo nella loro trappola … Non permetteremo che questo atto di sabotaggio influenzi i colloqui sul nucleare”, è stato citato Zarif dallo Stato TV come dire.

Diversi media israeliani hanno citato fonti di intelligence anonime che affermano che il servizio di spionaggio del Mossad del paese ha effettuato con successo un’operazione di sabotaggio al complesso sotterraneo di Natanz, potenzialmente ritardando il lavoro di arricchimento lì di mesi.

Israele – la cui esistenza l’Iran non riconosce – non ha formalmente commentato l’incidente. La Casa Bianca ha affermato che gli Stati Uniti non sono stati coinvolti nell’attacco e non hanno commentato le speculazioni sulla causa dell’incidente.

In una lettera al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, Zarif ha affermato che le persone coinvolte “hanno commesso un grave crimine di guerra” e “qualsiasi potere con conoscenza o acquiescenza in questo atto deve essere ritenuto responsabile in quanto complice di questo crimine di guerra”.

Il capo dell’energia nucleare iraniano Ali Akbar Salehi ha detto che a Natanz è stato attivato un sistema di alimentazione di emergenza per compensare l’interruzione. “L’arricchimento dell’uranio non si è fermato nel sito.”

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento