Home Approfondimenti 8 aprile 563: Nasceva Gautama Buddha, secondo i buddisti

8 aprile 563: Nasceva Gautama Buddha, secondo i buddisti

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

L’8 aprile, i buddisti celebrano la commemorazione della nascita di Gautama Buddha, il fondatore del buddismo, che si pensa sia vissuto in India dal 563 a.C. al 483 a.C. In realtà, la tradizione buddista che celebra il suo compleanno l’8 aprile originariamente collocava la sua nascita nell’XI secolo a.C., e fu solo nell’era moderna che gli studiosi determinarono che era più probabile che fosse nato nel VI secolo a.C., e forse a maggio e non ad aprile.

Secondo il Tripitaka, che è riconosciuto dagli studiosi come la prima testimonianza esistente della vita e dei discorsi del Buddha, Gautama Buddha nacque come principe Siddhartha, il figlio del re del popolo Sakya. Il regno dei Sakyas era situato ai confini dell’attuale Nepal e India. La famiglia di Siddhartha era del clan Gautama. Sua madre, la regina Mahamaya, lo ha dato alla luce nel parco di Lumbini, nell’attuale Nepal meridionale. Un pilastro posto lì in commemorazione dell’evento da un imperatore indiano nel III secolo a.C. è ancora in piedi.

Alla sua nascita, era stato predetto che il principe sarebbe diventato un grande monarca mondiale o un Buddha, un insegnante estremamente illuminato. I brahmani dissero a suo padre, il re Suddhodana, che Siddhartha sarebbe diventato un sovrano se fosse stato tenuto isolato dal mondo esterno. Il re si prese cura di proteggere suo figlio dalla miseria e da qualsiasi altra cosa che potesse influenzarlo verso la vita religiosa.

Siddharta fu allevato nel grande lusso, si sposò e generò un figlio. All’età di 29 anni, decise di vedere più del mondo e iniziò le escursioni fuori dai giardini del palazzo sul suo carro. In viaggi successivi, vide un vecchio, un malato e un cadavere, e poiché era stato protetto dalle miserie dell’invecchiamento, della malattia e della morte, il suo auriga dovette spiegare cosa fossero. Infine, Siddhartha vide un monaco e, impressionato dal comportamento pacifico dell’uomo, decise di andare nel mondo per scoprire come l’uomo potesse essere così sereno in mezzo a tanta sofferenza.

Siddhartha lasciò segretamente il palazzo e divenne un asceta errante. Ha viaggiato a sud, dove si trovavano i centri di apprendimento, e ha studiato meditazione con gli insegnanti Alara Kalama e Udraka Ramaputra. Presto padroneggiò i loro sistemi, raggiungendo stati elevati di realizzazione mistica, ma era insoddisfatto e uscì di nuovo alla ricerca del nirvana, il più alto livello di illuminazione.

Per quasi sei anni ha intrapreso il digiuno e altre austerità, ma queste tecniche si sono rivelate inefficaci e le ha abbandonate. Dopo aver ripreso le forze, si sedette sotto un albero di pipal in quella che ora è Bodh Gaya nell’India centro-occidentale e promise di non alzarsi fino a quando non avesse raggiunto l’illuminazione suprema. Dopo aver combattuto contro Mara, uno spirito malvagio che lo tentò con comodità e desideri mondani, Siddhartha raggiunse l’illuminazione, diventando un Buddha all’età di 35 anni.

Il Gautama Buddha si è poi recato al parco dei cervi vicino a Benares, in India, dove ha tenuto il suo primo sermone e ha delineato le dottrine di base del buddismo. Secondo il buddismo, ci sono “quattro nobili verità”: (1) l’esistenza è sofferenza; (2) questa sofferenza è causata dal desiderio umano; (3) c’è una cessazione della sofferenza, che è il nirvana; e (4) il nirvana può essere raggiunto, in questa vita o in quelle future, attraverso l ‘”ottuplice sentiero” di giuste visioni, retta risoluzione, retta parola, retta azione, retta sussistenza, retto sforzo, retta consapevolezza e retta concentrazione.

Per il resto della sua vita, il Buddha insegnò e radunò discepoli nel suo sangha, o comunità di monaci. Morì all’età di 80 anni, dicendo ai suoi monaci di continuare a lavorare per la loro liberazione spirituale seguendo i suoi insegnamenti. Il buddismo alla fine si diffuse dall’India all’Asia centrale e sud-orientale, alla Cina, alla Corea, al Giappone e, nel XX secolo, all’Occidente.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento