Home News Ucraina, Biden e Putin: Confronto su una polveriera

Ucraina, Biden e Putin: Confronto su una polveriera

by Freelance

Di Mirko Fallacia

I presidenti Joe Biden e Vladimir Putin dovranno colmare un abisso di reciproca sfiducia all’incontro virtuale di domani all’ombra di quella che gli Stati Uniti credono sia una minacciata invasione russa.

“Uno stato deplorevole”, è stato il modo in cui il Cremlino ha descritto le relazioni in vista della videoconferenza estesa, che dovrebbe iniziare intorno alle 15.00 GMT.

Washington ha accusato la Russia di aver ammassato truppe vicino al confine con l’Ucraina per intimidire un aspirante membro della NATO, suggerendo che potrebbe essere una ripetizione del copione di Mosca del 2014, quando ha conquistato la penisola della Crimea nel Mar Nero. L’Occidente minaccia dure sanzioni contro la Russia nel caso in cui si dia seguito ad un’invasione.

Il Cremlino ha rigettato le accuse negando il fatto che le sue forze siano pronte a invadere l’Ucraina e ha affermato che le sue truppe si muovono intorno al proprio territorio per scopi puramente difensivi.

Per Mosca, il crescente abbraccio della NATO a una vicina ex repubblica sovietica – e quella che vede come la possibilità da incubo di missili dell’alleanza in Ucraina mirati contro la Russia – è una “linea rossa” che non può essere attraversata.

Putin ha chiesto garanzie di sicurezza giuridicamente vincolanti che la NATO non si espanderà più a est o collocherà le sue armi vicino al territorio russo; Washington ha ripetutamente affermato che nessun paese può porre il veto alle speranze della NATO dell’Ucraina. “Non accetto le linee rosse di nessuno”, ha detto Biden venerdì.

Andrey Kortunov, capo del Consiglio per gli affari internazionali russo che è vicino al ministero degli Esteri, ha affermato che è improbabile che le loro posizioni si riconciliano.

“L’unica cosa su cui probabilmente possono essere d’accordo – se si rivela una buona conversazione – è che tutti coloro che sono coinvolti direttamente o indirettamente nella situazione dovrebbero dimostrare moderazione e impegno a ridurre l’escalation. Ma per il resto non vedo come Biden possa promettere a Putin che la NATO non miri ad est”.

Un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha affermato che Washington voleva evitare una crisi e una spirale negativa nelle relazioni più ampie attraverso la diplomazia e la riduzione dell’escalation.

Alcuni analisti russi e statunitensi hanno suggerito che i leader potrebbero concordare di avviare colloqui di riduzione dell’escalation e il Cremlino ha chiarito che vuole un nuovo vertice Putin-Biden il prossimo anno.

Mentre i funzionari statunitensi hanno ripetutamente affermato di non conoscere le intenzioni di Putin nei confronti dell’Ucraina, un funzionario dell’amministrazione Biden ha detto che gli Stati Uniti ritenevano che un’opzione che stava valutando fosse un’offensiva militare all’inizio del 2022 che coinvolgesse 175.000 soldati, unità corazzate e artiglieria.

Gli Stati Uniti hanno stimato che metà di quelle unità russe erano già vicine al confine ucraino, ha detto lo stesso funzionario.

La scorsa settimana gli Stati Uniti si sono offerti di mediare tra Russia e Ucraina per porre fine alla guerra di sette anni tra le forze governative ucraine e i separatisti sostenuti dalla Russia sulla base degli accordi di Minsk del 2014 e del 2015.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che Mosca non ha obiezioni in linea di principio.

Ma Vladimir Frolov, analista di politica estera ed ex diplomatico russo negli Stati Uniti, ha affermato che coinvolgere Washington in quel processo sembrerebbe una sconfitta per Mosca.

Né era sicuro che Putin si sarebbe accontentato di una vaga promessa di colloqui sulla futura architettura di sicurezza dell’Europa.

“Chiedendo garanzie legalmente vincolanti, Mosca ha ristretto lo spazio di manovra per la sua diplomazia, il che ti dice che non stanno davvero scommettendo sulla diplomazia per avere successo”, ha detto Frolov.

A Kiev, il presidente Volodymyr Zelenskiy ha affermato che le forze armate ucraine sono in grado di respingere qualsiasi attacco dalla Russia, poiché lunedì il paese ha celebrato la giornata dell’esercito nazionale con un’esposizione di veicoli corazzati e motovedette statunitensi.

‘NON PIU’ FORZA’

Le persone intervistate per le strade della capitale ucraina avevano aspettative contrastanti sui colloqui di martedì.

“Crediamo che Biden sia un grande amico del nostro Paese. Finora si è dimostrato una persona che vuole sinceramente aiutare l’Ucraina a uscire da questa situazione insensata”, ha detto Volodymyr Pylypyuk, 71 anni.

E mentre i leader giocano a ‘Risiko’, i poveri cittadini Ucraini sperano fortemente si possa scongiurare il rischio di uno scenario a dir poco catastrofico; ma dal tavolo rovente di Putin, Biden e Zelenskiy, purtroppo, non pare spuntare alcun ramoscello di ulivo, e l’ipotesi di vedere incrociate le baionette in nome della pace si fa sempre più probabile per quei tre.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento