Home In evidenza L’UE punterà a una forza militare per essere indipendente dagli Stati Uniti entro il 2025

L’UE punterà a una forza militare per essere indipendente dagli Stati Uniti entro il 2025

by Freelance

Di Gaia Marino

L’Unione europea sta valutando una forza militare congiunta fino a 5.000 soldati entro il 2025 per intervenire in una serie di crisi e senza fare affidamento sugli Stati Uniti, secondo una bozza di piano.

La “capacità di dispiegamento rapido dell’UE” dovrebbe essere costituita da componenti terrestri, marittime e aeree che potrebbero essere scambiati dentro e fuori da qualsiasi forza permanente, a seconda della crisi.

I ministri degli esteri e della difesa dell’UE hanno iniziato a discutere il piano lunedì sera a Bruxelles e hanno continuato martedì, con l’obiettivo di definire un documento finale entro marzo del prossimo anno.

Italia e Francia, due delle potenze militari dell’UE, hanno accolto con favore il progetto. Il punto di vista del prossimo governo di coalizione federale tedesco, atteso a breve, si rivelerà critico.

“Il documento unisce un alto livello di ambizione ma fa anche proposte concrete e operative. È un buon equilibrio”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro delle Forze armate francese Florence Parly.

Il suo omologo italiano, Lorenzo Guerini, ha affermato che sarebbe anche complementare alla NATO e rafforzerebbe i legami transatlantici.

Due decenni dopo che i leader dell’UE hanno concordato per la prima volta di istituire una forza di 50.000-60.000 uomini ma non sono riusciti a renderla operativa, la bozza di strategia del capo della politica estera del blocco Josep Borrell è lo sforzo più concreto per creare una forza militare autonoma che non si basi sui beni statunitensi.

“Abbiamo bisogno di più rapidità, robustezza e flessibilità per intraprendere l’intera gamma di compiti di gestione delle crisi militari”, ha affermato il progetto, chiamato “Compass strategico”.

“Dobbiamo essere in grado di rispondere a minacce imminenti o reagire rapidamente a una situazione di crisi, ad esempio una missione di salvataggio ed evacuazione o un’operazione di stabilizzazione in un ambiente ostile”, afferma la bozza.

Non tutti i 27 Stati dell’UE avrebbero bisogno di partecipare, anche se l’approvazione di qualsiasi spiegamento richiederebbe il consenso.

La bussola strategica è la cosa più vicina che l’UE potrebbe avere a una dottrina militare e simile al “Concetto strategico” della NATO guidato dagli Stati Uniti che stabilisce gli obiettivi dell’alleanza.

Fondamentale per l’UE, Borrell vuole che gli stati dell’UE si impegnino a “fornire risorse associate e i necessari fattori strategici”.

Ciò significa sviluppare la logistica, il trasporto aereo a lungo raggio e le capacità di comando e controllo degli Stati Uniti su cui hanno fatto affidamento gli alleati europei nella NATO.

Borrell ha detto ai giornalisti che ora sono in fase di sviluppo 60 progetti militari congiunti dell’UE per armi e altre capacità, dopo che martedì ne sono stati approvati altri 14, incluso uno chiamato “Trasporto aereo strategico per carichi fuori misura”.

Gli Stati Uniti hanno esortato gli europei a investire in truppe dispiegabili e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che tali mosse sarebbero complementari alla NATO. L’UE ha mantenuto gruppi tattici di 1.500 soldati dal 2007 ma non sono mai stati utilizzati, nonostante gli sforzi per dispiegarli in Ciad e in Libia. Suddividere i gruppi tattici in unità più piccole potrebbe renderli più flessibili e più schierabili.

“L’uso dei moduli ci darà una maggiore flessibilità per adattare la nostra forza alla natura della crisi… Questa è la chiave se vogliamo superare gli ostacoli che abbiamo dovuto affrontare in passato”, afferma la bozza del piano strategico.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento