Home In evidenza Italia e Francia rafforzano i legami strategici mentre l’uscita di Merkel mette alla prova l’Europa

Italia e Francia rafforzano i legami strategici mentre l’uscita di Merkel mette alla prova l’Europa

by Nik Cooper

L’Italia e la Francia hanno firmato venerdì un trattato per rafforzare i legami bilaterali e rafforzare il loro coordinamento all’interno dell’Europa, in un momento in cui la diplomazia dell’UE è messa a dura prova dalla partenza della cancelliera tedesca Angela Merkel.

Il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente francese Emmanuel Macron firmano il nuovo patto al Palazzo del Quirinale a Roma.

“Il trattato … segna un momento storico nelle relazioni tra i nostri due paesi. Francia e Italia stanno ulteriormente consolidando i nostri legami diplomatici, commerciali, politici e culturali”, ha detto Draghi ai giornalisti.

La cerimonia della firma è avvenuta pochi giorni dopo l’accordo di un nuovo patto di coalizione in Germania, che ha posto fine a 16 anni di governo della Merkel, che era il leader indiscusso dell’Europa e ha stretto legami particolarmente stretti con i successivi leader francesi.

La nuova amministrazione di Berlino dovrebbe essere più introversa, soprattutto all’inizio del suo mandato, e sia Parigi che Roma sono desiderose di approfondire le relazioni in un periodo offuscato dall’incertezza economica, dalla pandemia, da una Russia più assertiva, da una Cina in ascesa e Stati Uniti più disinteressati.

Macron ha affermato che il Trattato del Quirinale non ha messo in discussione le relazioni francesi con la Germania, ma è stato complementare e mirato a dare impulso a tutta l’Europa.

“Tra gli obiettivi enunciati nel documento di 15 pagine c’era l’impegno a rafforzare i collegamenti militari, anche a livello industriale, e a lavorare in tandem per potenziare le capacità di difesa dell’Europa”.

“L’obiettivo che stiamo perseguendo… è avere un’Europa più forte e sovrana… un’Europa che sappia proteggere i propri confini e difendersi”, ha detto Macron.

Il trattato era stato originariamente previsto nel 2017, ma i negoziati si sono fermati nel 2018 quando il governo super populista si è insediato a Roma e si è scontrato ripetutamente con Macron soprattutto sull’immigrazione.

C’è stato un rinascimento quest’anno dopo la nomina di Draghi alla guida di un governo di unità italiano, e i due uomini si sono incontrati ripetutamente negli ultimi mesi, lavorando a stretto contatto su aree che erano precedentemente focolai, come gli sforzi per porre fine ad anni di conflitto in Libia.

Il Trattato del Quirinale, vagamente modellato su un patto franco-tedesco del 1963, porterà Parigi e Roma a cercare un terreno comune prima dei vertici dell’UE, proprio come la Francia coordina già le principali mosse politiche europee con la Germania.

Draghi ha detto che le due nazioni lanceranno “nuove forme di cooperazione” nel campo dell’energia, della tecnologia, della ricerca e dell’innovazione. Ha aggiunto che almeno una volta ogni trimestre, un ministro italiano parteciperà a una riunione del gabinetto francese e viceversa.

Anche Francia e Italia si sono impegnate a lavorare insieme nel settore spaziale, e faciliterebbero “investimenti reciproci” e definirebbero “strategie comuni nei mercati internazionali”.

Le aziende francesi hanno investito molto in Italia negli ultimi anni, ma i politici italiani hanno accusato Parigi di essere meno disponibile quando le aziende italiane cercano accordi transfrontalieri.

All’inizio di quest’anno, l’offerta del costruttore navale statale Fincantieri di rilevare il suo pari francese Chantiers de l’Atlantique è fallita, vanificata dai problemi di concorrenza dell’UE. Funzionari italiani sospettavano che Parigi cercasse attivamente di minare l’accordo dietro le quinte.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento