Home In evidenza La Polonia punta i cannoni ad acqua sui migranti

La Polonia punta i cannoni ad acqua sui migranti

by Freelance

Di Miriam Lestingi

Martedì le forze di sicurezza polacche hanno sparato con cannoni ad acqua contro i migranti che lanciavano sassi al confine con la Bielorussia. La NATO ha ribadito il suo sostegno a Varsavia in una crisi che ha lasciato migliaia di persone bloccate alla frontiera a causa delle temperature gelide.

Le riprese video rilasciate dalle autorità polacche hanno mostrato che i migranti lanciavano bottiglie e tronchi attraverso una recinzione di confine di filo spinato e usavano bastoni per cercare di sfondare.

Sette poliziotti sono rimasti feriti nelle violenze, l’ultima di una crisi che l’Unione Europea dice essere orchestrata dalla Bielorussia – alleata della Russia – in rappresaglia per le sanzioni dell’UE imposte per un giro di vite sulle proteste politiche, un’accusa che Minsk nega.

Fino a 4.000 migranti, principalmente dall’Iraq e dall’Afghanistan, stanno ora aspettando nelle gelide foreste su quella che non è solo la frontiera della Polonia, ma è anche il confine esterno dell’UE e della NATO, l’alleanza militare occidentale.

“Siamo profondamente preoccupati per il modo in cui il regime (leader bielorusso Alexander) Lukashenko stia usando i migranti vulnerabili come tattica ibrida contro altri paesi”, ha detto il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ai ministri della difesa dell’alleanza riuniti a Bruxelles. “Siamo solidali con la Polonia e tutti gli alleati colpiti”.

Anche Lituania e Lettonia, che come la Polonia sono membri della NATO e dell’UE, hanno registrato un forte aumento dei tentativi di attraversamento dalla Bielorussia dall’estate.

Almeno otto migranti sono morti alla frontiera durante la crisi. Uno, un siriano di 19 anni, è stato sepolto martedì nel villaggio polacco nord-orientale di Bohoniki.

Un bambino curdo di nove anni a cui sono state amputate entrambe le gambe era tra quelli bloccati tra laghi, paludi e foreste alla frontiera dopo che la Polonia si è rifiutata di farli entrare e le forze bielorusse hanno impedito loro di tornare indietro.

“Possiamo vedere un’enorme sofferenza delle persone che sono lasciate in un limbo”, ha affermato Dunja Mijatovic, commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, un organismo europeo di vigilanza sui diritti che è più grande dell’UE e che annovera anche la Russia tra i suoi membri.

Dopo aver visitato un centro di assistenza per migranti in una città polacca vicino al confine, ha detto: “Dobbiamo trovare un modo per ridurre l’escalation, per assicurarci che l’obiettivo sia fermare la sofferenza”.

Le relazioni tra la Bielorussia e l’UE sono peggiorate dopo le contestate elezioni presidenziali dello scorso anno in cui Lukashenko, al potere dal 1994, ha rivendicato la vittoria. Ciò ha innescato proteste di massa di strada e, a sua volta, un giro di vite della polizia.

L’UE ha deciso lunedì di imporre ulteriori sanzioni alla Bielorussia per colpire le compagnie aeree, le agenzie di viaggio e le persone coinvolte nello spingere i migranti verso il confine.

L’Ue e la Nato hanno chiesto alla Russia, il più importante alleato di Lukashenko, di fargli uscire dalla crisi. L’Occidente ha anche messo in guardia il Cremlino su quello che la NATO dice sia un accumulo militare russo al confine con la vicina Ucraina.

A questa strumentalizzazione insostenibile dei migranti risponde il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, che ha affermato: “L’Occidente sta agendo insieme per condannare fermamente il regime bielorusso”.

Il presidente russo Vladimir Putin e Lukashenko hanno discusso della questione martedì, secondo quanto affermato dall’agenzia di stampa statale russa TASS, citando il Cremlino.

L’agenzia di stampa statale bielorussa BELTA ha affermato che le guardie di frontiera hanno iniziato a trasferire i migranti che si sono radunati in un valico chiuso verso un centro di accoglienza più lontano dalla frontiera.

Mosca ha respinto un commento del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti secondo cui la crisi aveva lo scopo di distrarre l’attenzione dall’Ucraina, da cui la Russia ha annesso la Crimea nel 2014. La Russia ha anche sostenuto i separatisti che combattono le truppe governative nell’Ucraina orientale.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento