Home In evidenza L’UE sentenzia la Russia: relazioni compromesse per il caso Navalny

L’UE sentenzia la Russia: relazioni compromesse per il caso Navalny

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Il massimo diplomatico dell’Unione europea ha detto venerdì alle autorità russe che il trattamento riservato al politico dell’opposizione in carcere Alexei Navalny ha rappresentato un punto basso nei legami. Navalny è comparso nuovamente in tribunale per un caso di calunnia.

Navalny, il critico più eminente del presidente Vladimir Putin, è stato incarcerato questa settimana per quasi tre anni per violazioni sulla libertà condizionale che ha definito inventate, un caso che l’Occidente ha condannato e che ha stimolato a parlare di sanzioni.

Josep Borrell, il capo della politica estera dell’UE, ha iniziato venerdì i colloqui con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov. Prima di quei colloqui, ha detto di voler affrontare questioni difficili come il caso Navalny.

Lavrov si è detto pronto a impegnarsi e si è lamentato dello stato dei legami UE-Russia. In precedenza ha accusato l’Occidente di isteria e doppi standard sul caso Navalny, mentre il Cremlino ha avvertito che risponderà alle dure critiche di Borrell.

Nonostante gli stretti legami commerciali e l’interdipendenza energetica, le relazioni politiche della Russia con l’Unione europea si sono inasprite dopo che Mosca ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014.

Navalny è tornato in tribunale venerdì, accusato di aver calunniato un veterano della seconda guerra mondiale che ha preso parte a un video promozionale a sostegno delle riforme lo scorso anno che ha permesso a Putin di correre per altri due mandati al Cremlino dopo il 2024 se lo desidera. Navalny all’epoca descriveva le persone nel video come traditori e lacchè. Nega l’accusa di calunnia.

“Questo caso in generale era inteso come una sorta di processo di pubbliche relazioni perché il Cremlino ha bisogno dei titoli dei giornali: Navalny ha calunniato un veterano”, ha detto alla corte.

“Lo trovo davvero disgustoso e insopportabile … Lo hai usato (il veterano) come un burattino … stai prendendo in giro un uomo di 95 anni”.

Sebbene l’accusa sia attualmente punibile fino a due anni di carcere, i suoi avvocati affermano che non può affrontare una pena detentiva perché il presunto crimine è stato commesso prima che la legge fosse modificata per renderlo un reato detentore.

La prigione di Navalny ha scatenato le richieste occidentali per il suo rilascio e ha aggiunto un nuovo motivo di irritazione alle relazioni tese tra Russia e Occidente.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento