Home Cronaca Adolescente armato uccide 19 bambini e 2 insegnanti di una scuola elementare del Texas

Adolescente armato uccide 19 bambini e 2 insegnanti di una scuola elementare del Texas

by Freelance

Di Gaia Marino

Martedì, un adolescente armato ha ucciso almeno 19 bambini e due insegnanti dopo aver fatto irruzione in una scuola elementare del Texas, l’ultimo attacco di uccisioni di massa con armi da fuoco negli Stati Uniti e la peggiore sparatoria in una scuola della nazione in quasi un decennio.

La carneficina è iniziata con il sospetto di 18 anni, identificato come Salvador Ramos, che ha sparato a sua nonna, che è sopravvissuta, hanno detto le autorità.

È fuggito da quella scena e si è schiantato con la sua auto vicino alla Robb Elementary School di Uvalde, in Texas, una città a circa a 130 km a ovest di San Antonio. Lì ha lanciato una sanguinosa furia che si è conclusa quando è stato ucciso, apparentemente colpito dalla polizia. Il motivo non è stato subito chiaro.

Le forze dell’ordine hanno visto l’uomo armato uscire dal veicolo schiantato e portandosi un fucile con se è riuscito ad entrare nell’edificio e ad aprire il fuoco.

Parlando dalla Casa Bianca ore dopo, un presidente degli Stati Uniti visibilmente scosso ma che ha fatto pochissimo per la lotta alle armi ha esortato gli americani a opporsi alla lobby politicamente potente delle armi degli Stati Uniti, che ha accusato di aver bloccato l’emanazione di leggi più severe sulla sicurezza delle armi da fuoco.

Biden, il presidente dei cliché, ha ordinato che le bandiere sventolassero a mezz’asta tutti i giorni fino al tramonto di sabato in osservanza della tragedia.

“Come nazione, dobbiamo chiederci: ‘Quando in nome di Dio ci alzeremo alla lobby delle armi?'”, dice Biden alla televisione nazionale, suggerendo di ripristinare il divieto degli Stati Uniti sulle armi in stile assalto.

Le sparatorie di massa in America hanno spesso portato a proteste pubbliche e richieste di controlli più rigorosi sui precedenti delle vendite di armi e di altri controlli sulle armi da fuoco comuni in altri paesi, ma tali misure hanno ripetutamente fallito di fronte alla forte opposizione di alcuni esponenti politici, in prevalenza repubblicani.

Le autorità hanno affermato che il sospettato degli omicidi di martedì ha agito da solo. Il governatore Greg Abbott ha affermato che l’assassino è stato apparentemente ucciso dalla polizia che lo ha affrontato a scuola e che due agenti sono stati colpiti da colpi di arma da fuoco, anche se il governatore ha affermato che le loro ferite non erano gravi.

Dopo i primi resoconti contrastanti del bilancio delle vittime, i funzionari della pubblica sicurezza del Texas hanno dichiarato martedì sera che 19 scolari e due insegnanti erano morti durante l’assalto.

La comunità, nel profondo della regione di Hill Country dello stato, ha circa 16.000 residenti, quasi l’80% dei quali ispanici o latini, secondo i dati del censimento degli Stati Uniti.

“Il mio cuore è spezzato oggi”, ha detto il sovrintendente del distretto scolastico Hal Harrell ai giornalisti a fine giornata, la sua voce tremante per l’emozione. “Siamo una piccola comunità e abbiamo bisogno delle vostre preghiere per farcela”.

Una sparatoria di massa 10 giorni prima ha causato 10 vittime a Buffalo, New York, in un quartiere prevalentemente nero.

Le autorità hanno accusato un diciottenne che, secondo loro, aveva viaggiato per centinaia di miglia fino a Buffalo e aveva aperto il fuoco con un fucile d’assalto in un negozio di alimentari.

Lo spargimento di sangue di martedì è iniziato quando il sospetto ha sparato a sua nonna prima di andare a scuola, ha detto l’ufficiale del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas Chris Olivarez su Fox News, uno sviluppo menzionato da Abbott all’inizio della giornata.

L’ospedale universitario di San Antonio ha dichiarato su Twitter di aver ricevuto due pazienti della sparatoria a Uvalde, una donna di 66 anni e una ragazza di 10 anni, entrambe elencate in condizioni critiche.

L’Uvalde Memorial Hospital ha detto che 15 studenti della Robb Elementary sono stati curati nel suo pronto soccorso, con due trasferiti a San Antonio per ulteriori cure, mentre un terzo paziente era in attesa di trasferimento. Non è stato immediatamente chiaro se tutti quegli studenti fossero sopravvissuti.

Questo episodio è stato l’ultimo di una serie di sparatorie di massa nelle scuole che hanno periodicamente riacceso un acceso dibattito tra i sostenitori di controlli più severi sulle armi e coloro che si oppongono a qualsiasi legislazione che possa compromettere il diritto costituzionale degli americani di portare armi.

Gli strumenti della morte continuano a dare potere ai prevaricatori e a mietere ancora più vittime e il ragionamento più semplice è anche quello più ovvio, se il giovane Salvador Ramos non avesse avuto a disposizione un arma così letale, oggi, non si piangerebbero così tante vittime innocenti morte per nulla.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento