Home Attualità Guerra ucraina: Giorgia Meloni alla ricerca di credibilità

Guerra ucraina: Giorgia Meloni alla ricerca di credibilità

by Nik Cooper

Per Giorgia Meloni, il modo per guadagnare il rispetto dei poteri forti passa attraverso il presidente russo Vladimir Putin.

Nell’ultimo anno e mezzo, la leader del partito di estrema destra, Fratelli d’Italia, ha conquistato il primo posto nei sondaggi martellando senza sosta il governo del Primo Ministro Mario Draghi.

La leader di Fratelli d’Italia, unico grande partito politico all’opposizione, ha criticato l’ex capo della Banca Centrale Europea su tutto, dall’uso dei certificati COVID alle riforme del diritto della concorrenza per gli stabilimenti balneari.

Ma sull’argomento politico più caldo – il sostegno militare all’Ucraina – la Meloni si dice favorevole a Draghi molto di più rispetto a molti leader della sua litigiosa coalizione.

Meloni ha descritto l’invasione di Mosca come un “atto di guerra inaccettabile su larga scala della Russia di Putin contro l’Ucraina” e sostiene l’invio di armi al governo di Kiev.

Anche se c’è un gruppo elettorale piuttosto ampio a destra critico nei confronti della NATO e solidale con la posizione della Russia, Meloni ha scelto di guardare avanti e inviare un messaggio chiaro.

Giorgia Meloni non ci sta ad essere perseguitata dai poteri forti che oggi sono alla base di istituzioni internazionali e “vuole segnalare che è un’ala destra responsabile con cui il mondo può fare affari”.

La linea dura di Meloni su Putin è relativamente nuova. Di recente, nel 2018, ha celebrato la vittoria elettorale del presidente russo come rappresentante della “volontà inequivocabile del popolo russo”.

Come capo del più grande partito della coalizione di destra Meloni è in pole position per guidare il prossimo governo.

Avendo costruito la sua ascesa sulla reputazione di guerriera della cultura di destra su questioni come l’immigrazione e i diritti LGBTQ+, il suo sostegno alla NATO e all’Ucraina le offre la possibilità di posizionarsi come una persona meno radicale — una moderata su una delle questioni più importanti del giorno.

Insomma, Giorgia Meloni ha messo in pratica il suo trasformismo sulla questione Russia e, nonostante la sua posizione su Putin sia cambiata, la sua radicalizzazione sul tema armi non cambia. Chissà perché.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento