Home Cronaca Che disastro Boris Johnson

Che disastro Boris Johnson

by Nik Cooper

Nonostante nelle ultime ore siano finiti sul banco degli imputati il suo Cancelliere Rishi Sunak e il Segretario alla Salute Sajid Javid il presidente britannico non pare cadere, almeno per il momento.

Mentre i suoi ministri si sono dimessi entrambi martedì sera, Johnson non si muoverà dal suo posto, secondo i suoi alleati. In totale, 10 persone nell’amministrazione di Johnson si sono dimesse, inclusi due inviati commerciali non pagati.

La turbolenza segna l’escalation di una crisi che ha inghiottito il governo Johnson per mesi. Una serie di rivelazioni, prima sulle feste contro il blocco del coronavirus a cui hanno partecipato figure chiave ai vertici della politica britannica, incluso lo stesso Johnson, e poi sulla cattiva gestione da parte del governo delle successive accuse di comportamento abusivo da parte di parlamentari conservatori, hanno messo in imbarazzo non poco il primo ministro.

Accompagnati da una scarsa performance in due recenti elezioni suppletive, molti conservatori di alto livello riferiscono un consenso sul fatto che il tempo di Johnson al potere sta volgendo al termine.

Ma i capricci del sistema politico britannico, in particolare nelle mani di un primo ministro che secondo i critici dovrebbe essere trascinato fuori dal potere scalciando e urlando, rendono probabile che Johnson resisterà ancora per un po’.

Non esiste un meccanismo immediato per rimuoverlo. La convenzione impone che un primo ministro faccia la cosa giusta e che si dimetta da gentiluomo volontariamente una volta che perde la fiducia del suo partito.

Johnson è sopravvissuto per un soffio a un voto di fiducia nella sua leadership a giugno e, secondo le attuali regole del Partito conservatore, è immune da un’altra sfida fino a quando non sono trascorsi 12 mesi.

Ma i ribelli anti-Johnson stanno lavorando per farsi eleggere nell’esecutivo del comitato dei backbenchers dei Tory del 1922 – che sovrintende alle regole – al fine di eliminare questa regola e innescare un precedente voto di fiducia.

L’esecutivo del comitato si incontrerà mercoledì per fissare la data delle elezioni, ampiamente previste per il 13 luglio.

Il primo ministro deve anche affrontare un’indagine da parte del comitato per i privilegi, un gruppo di parlamentari che è stato incaricato di esaminare se ha fuorviato la Camera dei Comuni con le sue dichiarazioni sui partiti che rompono il blocco al numero 10 di Downing Street. I risultati di tale indagine sono attesi in autunno e potrebbero far scattare le sue dimissioni.

Un altro modo più improbabile per estromettere Johnson è perdere un voto di sfiducia alla Camera dei Comuni, uno scenario che richiederebbe un numero sufficiente di parlamentari conservatori per schierarsi con i partiti di opposizione per costringerlo a ritirarsi con una maggioranza semplice.

Infine, la sua posizione potrebbe diventare politicamente insostenibile se avesse dovuto affrontare le dimissioni di massa del gabinetto, con più membri della sua leadership dimessi in massa.

Tutti i segni di martedì erano che il primo ministro sarebbe rimasto immobile, con un provocatorio rimpasto della sua squadra superiore progettato per rafforzare la sua posizione.

Nadhim Zahawi è stato nominato cancelliere – il ministro delle finanze del Regno Unito e la seconda figura più anziana del governo – e Steve Barclay è diventato segretario alla salute, dove supervisionerà il SSN.

Sfortunatamente per Johnson, il costante battito di tamburi dei parlamentari di backbench che esprimono insoddisfazione per la sua leadership è solo cresciuto e la sua leadership è stata messa in discussione.

Il primo ministro sembrava anche avere il sostegno sanguinante dei membri del partito conservatore e degli elettori.

Mercoledì, Johnson dovrà affrontare le cosiddette domande del primo ministro in parlamento e una grigliata da parte del potente comitato di collegamento, che è composto dai presidenti dei comitati selezionati dei Comuni.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento