Home Approfondimenti Le ambizioni dell’UE sul clima si schiantano sul muro degli Stati Uniti

Le ambizioni dell’UE sul clima si schiantano sul muro degli Stati Uniti

by Freelance

Di Mirko Fallacia

L’UE potrebbe essere costretta ad attenuare le sue ambizioni di trasparenza aziendale sui cambiamenti climatici per mantenere gli Stati Uniti nell’accordo globale.

Mentre ondate di caldo e siccità attanagliano il continente quest’estate. L’UE, sotto indicazione degli Usa, sta portando avanti un piano all’interno dei propri confini per rivedere il modo in cui le aziende riferiscono sul cambiamento climatico.

L’idea è quella di richiedere alle grandi aziende di divulgare informazioni ecologiche con lo stesso rigore e controlli esterni utilizzati per le divulgazioni finanziarie, fornendo anche un quadro più chiaro ai loro investitori della potenziale minaccia che il riscaldamento globale potrebbe rappresentare per l’azienda.

I legislatori e le capitali dell’UE hanno concordato un accordo a giugno che richiederà a 50.000 aziende con sede nel blocco di pubblicare informazioni sulla loro impronta ambientale e sul potenziale impatto che il cambiamento climatico potrebbe avere sulle loro operazioni. Ma l’accordo alla fine riguarderà le società straniere che operano all’interno del blocco.

Bruxelles sta ora lavorando sugli standard dettagliati che saranno alla base di tali informative riguardanti i cambiamenti climatici, l’inquinamento, le risorse idriche e marine, la biodiversità, l’economia circolare, le questioni sociali e di governance, attraverso un organismo contabile chiamato European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG).

È un argomento che sta prendendo slancio anche a livello internazionale poiché i governi intensificano i loro sforzi per combattere il cambiamento climatico e indirizzare più soldi verso progetti verdi.

Tuttavia, mentre l’UE potrebbe voler aprire la strada a livello globale in materia di divulgazioni ecologiche, si trova anche sempre più isolata.

Questo perché al centro dei piani dell’UE c’è il concetto di “doppia materialità”, in cui le aziende devono non solo riferire sull’impatto finanziario fondamentale che i cambiamenti climatici potrebbero avere sulle loro attività, ma anche sulla propria impronta ambientale e sociale.

È una visione fondamentalmente diversa da quella ora perseguita da un importante organismo internazionale di definizione degli standard, in cui le informazioni sul clima saranno più strettamente legate ai profitti di un’azienda.

Il lavoro dell’International Sustainability Standards Board (ISSB), istituito sulla scia della conferenza sul clima COP26, mira a creare una “linea di base globale” sulle divulgazioni sul clima che può poi essere costruita da ciascuna giurisdizione.
Ispirazione dell’UE

La differenza di approccio significa che per alcuni l’UE dovrebbe spingere di più affinché l’ISSB incorpori la sua visione.

“L’Unione Europea non è l’unica potenza coinvolta nell’elaborazione di nuovi standard non finanziari. Se prevalessero altri, lo sviluppo sostenibile sarebbe definito da una visione non europea, rendendo più difficile l’effettiva presa in considerazione dei valori europei”, ha affermato Pascal Durand, legislatore francese dell’UE, che ha guidato il lavoro sulla legislazione in materia di rendicontazione nel Parlamento europeo.

Oltre al divario sulla doppia materialità, l’eurodeputato del gruppo centrista Renew Europe ha sottolineato la mancanza di standard globali per coprire la biodiversità, i fattori sociali e dei diritti umani “che sono valori importanti per i responsabili politici europei”.

L’ONG Finance Watch ha anche invitato lo standard-setter globale ad andare oltre l’approccio “outside-in” e “incorporare il principio della doppia materialità nella linea di base globale”.

Anche l’autorità di regolamentazione dei mercati dell’UE ha avvertito che gli standard globali devono definire meglio il modo in cui le aziende dovrebbero valutare e divulgare il loro impatto sull’ambiente, per assicurarsi che la versione globale e quella dell’UE possano integrarsi.

Un funzionario dell’UE ha affermato che il blocco sostiene gli obiettivi dell’ISSB, ma “l’obiettivo di rendicontazione sulla materialità finanziaria più ristretto dell’ISSB e la copertura finora limitata delle questioni di sostenibilità (solo rendicontazione relativa al clima) significano che gli standard dell’ISSB non possono soddisfare pienamente le esigenze o le ambizioni dell’UE”.

“Dal punto di vista della Commissione, l’ambizione è alta nello sviluppo di standard di rendicontazione sulla sostenibilità anche attraverso la cooperazione con i principali partner come gli Stati Uniti”, ha affermato il funzionario, osservando tuttavia che “l’UE prevede di essere ancora più ambiziosa in patria ed è pronta a ispirare altre giurisdizioni”.
realismo americano

Ma per altri, è tempo che l’UE sia realistica guardando anche il resto del mondo.

La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, ad esempio, sta lavorando ai propri piani per le divulgazioni sul clima, che richiederebbero alle grandi società quotate di pubblicare informazioni sulle loro emissioni di gas serra e su come il cambiamento climatico sta influenzando la loro attività.

Ma questo è solo quando tali divulgazioni rientrano nella definizione più rigida di essere “rilevanti” per la capacità finanziaria di un’azienda.

Questo approccio più limitato è più in linea con le proposte dell’ISSB, ma si è anche rivelato controverso con alcune aziende americane.

Eelco van der Enden, amministratore delegato della Global Reporting Initiative (GRI) – l’organizzazione di definizione degli standard che ha sviluppato il concetto di doppia materialità – ha affermato di non vedere gli Stati Uniti procedere a divulgazioni a doppio taglio entro i prossimi 25 anni.

“Non è nella natura e nella cultura renderlo obbligatorio”, ha detto. Tuttavia, il dirigente ha affermato che i regolatori statunitensi potrebbero dire alle aziende di utilizzare gli standard della sua organizzazione su base volontaria se vogliono andare oltre nella loro rendicontazione pubblica.

Van der Enden ha chiesto la “disponibilità politica” a cercare di raggiungere il maggior allineamento possibile a livello internazionale, che ha descritto come in grado di “scavalcare la propria ombra e capire che non si tratta solo del proprio collegio elettorale”.

“Se vuoi ottenere qualcosa, dovresti anche tenere conto degli interessi di alcuni degli altri collegi elettorali”, ha detto. “Il vincitore ottiene tutto è l’approccio sbagliato nel campo della sostenibilità”.

In caso contrario, ha affermato van der Enden, il rischio è che gli standard europei, internazionali e statunitensi “seguano tutti la loro strada”, così come altre grandi giurisdizioni come Brasile, Cina, India e sud-est asiatico.

“Non vuoi avere concetti diversi e dati diversi là fuori che sono incomparabili, perché letteralmente nessuno ne trae vantaggio”, ha detto.

Gli investitori globali sono anche preoccupati che l’UE possa allontanarsi troppo dalla propria strada da qualsiasi accordo internazionale.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento