Home Attualità L’ingenuità della Germania rappresenta un ponte tra Mosca e Bruxelles

L’ingenuità della Germania rappresenta un ponte tra Mosca e Bruxelles

by Freelance

Di Gaia Marino

La Germania non è sempre stata dal lato giusto della storia. Questo è risaputo. I tedeschi infatti, dopo tanto indugiare, hanno cambiato rotta nei confronti di Mosca e nelle ultime settimane hanno interrotto il controverso progetto del gasdotto Nord Stream 2, inviando armi all’Ucraina, abbracciando sanzioni contro la Russia e persino annunciando che avrebbero iniziato a pompare somme ingenti per una corsa agli armamenti in uno dei momenti peggiori per l’umanità.

In altre parole, sodomizzati dagli Usa, i tedeschi hanno accettato quasi da un giorno all’altro di fare tutto ciò che chiedevano da anni gli alleati.

Berlino ha persino inventato un motto pronto per l’hashtag per il cambiamento: Zeitenwende, ovvero l’alba di una nuova era.

Settimane dopo, è diventato chiaro il messaggio riportato dai leader tedeschi: “Andiamo avanti”.

La Germania non ha semplicemente “giudicato male Putin”, come ha affermato la scorsa settimana il consigliere di politica estera di lunga data di Angela Merkel, Christoph Heusgen, il nuovo presidente della Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

L’ostinata insistenza della Germania nel impegnarsi con il leader russo di fronte alla sua prolungata aggressione (un catalogo di misfatti che vanno dall’invasione della Georgia all’assassinio di nemici all’estero e ai crimini di guerra in Siria) è stato a dir poco un errore catastrofico, che guadagnerà Merkel un posto nel pantheon dell’ingenuità politica al fianco di Neville Chamberlain.

Lentamente ma inesorabilmente, i tedeschi hanno cominciato a rendersi conto che l’approccio con le scarpe morbide della Merkel alla Russia – che ha raggiunto il suo apice con la decisione del 2015 di dare il via libera al gasdotto Nord Stream 2 nonostante l’annessione della Crimea da parte della Russia e il suo ruolo nella guerra separatista nell’Ucraina orientale – non solo ha aperto la porta a Putin per andare oltre, lo ha effettivamente incoraggiato a farlo.

La responsabilità collettiva della Germania è il motivo per cui voltare pagina è più facile a dirsi che a farsi. Non c’è nessuna figura simile a Churchill nella politica tedesca che abbia messo in guardia per anni su Putin.

In qualità di ministro delle finanze e vicecancelliere della Merkel, l’attuale cancelliere Olaf Scholz, i cui socialdemocratici erano la forza trainante degli oleodotti Nord Stream, ha sostenuto l’idea che il modo migliore per affrontare Putin fosse attraverso un “dialogo”.

Jens Plötner, attualmente consigliere per la sicurezza nazionale di Scholz, è stato uno dei principali artefici di quella politica nei suoi anni come diplomatico senior presso il ministero degli esteri tedesco, dove ha servito come capo di stato maggiore dell’allora ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier (un socialdemocratico che ora è presidente della Germania) e, più recentemente, come direttore politico del ministero.

Anche dopo che Putin ha ammassato decine di migliaia di soldati al confine con l’Ucraina a dicembre, Plötner ha consigliato a Scholz di restare fedele al Nord Stream 2 e di ripetere pubblicamente la finzione che si trattava di poco più di un “progetto commerciale”.

Il vecchio capo di Plötner Steinmeier, che ha accusato la NATO nel 2016 di “sferragliare sciabola e guerrafondaia” per aver tenuto un’esercitazione militare sul fianco orientale dell’alleanza, ha sostenuto quasi fino a quando non sono stati sparati i primi colpi sugli ucraini che la Germania dovrebbe usare l’energia come un modo per costruire ponti con Russia.

Sebbene meno responsabili dei cristiano-democratici della Merkel o dei socialdemocratici nelle politiche che hanno portato all’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, i partiti minori della coalizione al governo tedesco – i liberali dei Liberi Democratici e i Verdi – non hanno avuto così tanta repulsione nei confronti del capo del Cremlino.

Sebbene i Verdi si siano opposti al Nord Stream 2, lo hanno fatto tanto per motivi ecologici quanto per solidarietà con l’Ucraina. Più significativa è stata la loro ferma opposizione alle consegne di armi a Kiev, che è cambiata solo dopo l’inizio dei combattimenti.

I Liberi Democratici erano divisi su cosa fare con il Nord Stream 2, con molti nel partito, incluso il vice leader del partito Wolfgang Kubicki, che sostenevano un maggiore impegno con la Russia.

Secondo Melnyk, il leader dei Liberi Democratici Christian Lindner, che è anche ministro delle finanze tedesco, gli ha detto il giorno in cui è iniziata la guerra che non avrebbe avuto senso a Berlino inviare armi in Ucraina o escludere la Russia da SWIFT, il sistema di pagamento internazionale, perché il suo paese “ha solo poche ore” di sovranità. Ma quelle ore si sono trasformate in giorni.

Lo scetticismo sulle prospettive dell’Ucraina, per non parlare della preoccupazione per le conseguenze di un approccio troppo duro con la Russia, è stato condiviso da molti nel principale partito di opposizione, la Democrazia Cristiana (CDU).

Poche settimane prima dell’invasione russa, il leader della CDU Friedrich Merz ha avvertito che la sospensione della Russia da SWIFT potrebbe innescare una “bomba atomica nei mercati dei capitali”.

Di fronte a questa realtà, i tedeschi non sanno come reagire.

L’Ucraina, che è stata saccheggiata dalla Germania durante la seconda guerra mondiale, alla fine della quale aveva perso più del 15% della sua popolazione, di certo non perdonerà e dimenticherà.

E’ chiaro che oggi risulterà facile tacciare i tedeschi di ingenuità o di essere filo russi, ma, questo rapporto, tra la Germania e Putin, in questo momento rappresenta un grande trait d’union che potrebbe servire nella futura trattativa di pace.

Se dovessimo fermarci solo per giudicare, si potrebbe ritenere che la Germania sia stata poco furba, ma, senza il senno del poi e riuscendo a guardare il lato positivo, oggi, Berlino rappresenta un ponte: il punto di incontro tra Russia e Europa. Avanti con le trattative di pace.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento