Home Attualità All’ONU, scambio di accuse tra Russia e Stati Uniti sull’uso di armi chimiche in Ucraina

All’ONU, scambio di accuse tra Russia e Stati Uniti sull’uso di armi chimiche in Ucraina

by Nik Cooper

Nella giornata di ieri la Russia si è scambiata accuse reciproche con Stati Uniti e Gran Bretagna alle Nazioni Unite sulla possibilità di un attacco avvenuto con armi chimiche in Ucraina, ma nessuna delle parti ha prodotto prova alcuna a sostegno delle proprie preoccupazioni.

I commenti sono stati fatti dai diplomatici ai giornalisti dopo che la Russia ha sollevato la questione di una perdita di ammoniaca nella città assediata di Sumy, nel nord-est dell’Ucraina – incolpando “gruppi nazionalisti radicali ucraini” – durante una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. L’accusa è stata respinta da Gran Bretagna e Stati Uniti.

Il vice ambasciatore russo delle Nazioni Unite Dmitry Polyanskiy ha affermato che le truppe russe “non hanno mai pianificato o effettuato attacchi contro strutture ucraine in cui vengono immagazzinate o prodotte sostanze tossiche”.

“È chiaro che le autorità nazionaliste ucraine, incoraggiate dai paesi occidentali, non si fermeranno davanti a nulla per intimidire il proprio popolo e inscenare attacchi sotto falsa bandiera per accusare la Russia”, ha affermato Polyanskiy.

È stata la terza volta che la Russia ha sollevato la questione delle armi biologiche o chimiche da quando ha iniziato quella che chiama una “operazione militare speciale” il 24 febbraio per “smilitarizzare” l’Ucraina. L’Occidente e l’Ucraina lo etichettano come un falso pretesto per invadere un paese democratico.

L’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, ha respinto le accuse della Russia definendole “ridicole”.

“La nostra preoccupazione è che questo sia un precursore dei piani della Russia di utilizzare armi chimiche”, ha affermato.

Un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti ha dichiarato martedì che gli Stati Uniti non hanno ancora visto alcuna indicazione concreta di un imminente attacco russo con armi chimiche o biologiche in Ucraina, ma stanno monitorando da vicino con l’intelligence.

Il presidente Joe Biden ha dichiarato lunedì, senza fornire prove, che le false accuse della Russia secondo cui Kiev possiede armi biologiche e chimiche dimostrano che il presidente russo Vladimir Putin sta considerando di usarle lui stesso in Ucraina.

Polyanskiy ha paragonato la situazione in Ucraina alla Siria, dove ha affermato che gli attacchi chimici da parte di “gruppi terroristici” sono stati attribuiti al governo siriano sostenuto dalla Russia.

Un’indagine congiunta delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha rilevato che il governo siriano abbia in effetti utilizzato l’agente nervino Sarin e il cloro come arma. Ha anche incolpato lo Stato islamico per l’uso di gas mostarda.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento