Home Attualità I negoziati riprendono mentre l’Europa viene ricattata sul gas russo

I negoziati riprendono mentre l’Europa viene ricattata sul gas russo

by Nik Cooper

Gli acquirenti europei di gas russo hanno dovuto affrontare una scadenza per iniziare a pagare in rubli venerdì, mentre i negoziati volti a porre fine alla guerra di cinque settimane erano destinati a riprendere anche se l’Ucraina si preparava a ulteriori attacchi nel sud e nell’est.

L’invasione da parte di Mosca ha ucciso migliaia di persone, mandato milioni di persone in fuga e galvanizzato gli Stati Uniti e gli alleati in tutto il mondo a imporre sanzioni punitive a enti governativi, imprese e oligarchi russi.

La Russia risponderà alle sanzioni dell’Unione Europea, l’agenzia di stampa RIA ha citato venerdì un alto funzionario del ministero degli Esteri.

“Le azioni dell’UE non rimarranno senza risposta… le sanzioni irresponsabili di Bruxelles stanno già incidendo negativamente sulla vita quotidiana degli europei comuni”, ha detto all’agenzia di stampa Nikolai Kobrinets.

Giovedì il presidente russo Vladimir Putin ha giocato una delle sue carte più importanti, chiedendo agli acquirenti di energia europei di iniziare a pagare in rubli da venerdì o di sospendere i contratti esistenti.

I governi europei hanno respinto l’ultimatum di Putin definendolo un “ricatto”. Ma cosa si aspettavano da chi aveva etichettato le sanzioni come una dichiarazione di guerra?

La superficialità dei leader ancora una volta lascia disarmati ma l’Agenzia internazionale per l’energia fa sapere che si terrà una riunione di emergenza venerdì per discutere di un nuovo rilascio di riserve petrolifere strategiche insieme a un piano statunitense per pompare enormi forniture a partire da maggio per raffreddare i prezzi del petrolio che quest’anno erano aumentati di oltre il 30%, in gran parte a causa della Guerra in Ucraina.

La guerra minaccia anche di interrompere le forniture alimentari globali, con un funzionario del governo degli Stati Uniti che condivide le immagini di ciò che secondo loro è stato un danno agli impianti di stoccaggio del grano in Ucraina, uno dei più grandi esportatori di grano al mondo.

Putin ha inviato truppe il 24 febbraio per quella che definisce una “operazione militare speciale” per smilitarizzare l’Ucraina. I paesi occidentali affermano che il vero obiettivo di Putin era quello di rovesciare il governo ucraino che fino ad ora sta facendo una strenue resistenza.

Durante i colloqui di questa settimana, Mosca ha affermato che ridurrà le offensive vicino alla capitale Kiev e nel nord come gesto di buona volontà e si concentrerà sulla “liberazione” della regione sud-orientale del Donbass.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento