Home In evidenza G7 si riunirà oggi, evacuazione sul “piede di guerra”

G7 si riunirà oggi, evacuazione sul “piede di guerra”

by Nik Cooper

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è destinato a subire pressioni durante una riunione del G7 martedì per cercare più tempo per evacuare migliaia di persone che sperano di fuggire dall’Afghanistan mentre crescono i timori che il tempo per la massiccia operazione stia per scadere.

Il caos diffuso punteggiato da sporadiche violenze ha attanagliato l’aeroporto di Kabul da quando i talebani hanno preso il controllo della capitale afghana il 15 agosto, con le forze occidentali e afghane che respingono folle disperate in fuga.

Le evacuazioni sono state condotte sul “piede di guerra” mentre le forze straniere cercano di rispettare la scadenza del 31 agosto concordata in precedenza con i talebani per il ritiro di tutte le forze straniere, ha detto un diplomatico della NATO.

Migliaia di afgani sono tornati alle loro case dopo aver appreso che la situazione era “relativamente calma” nelle province di tutto il paese, però c’è da considerare che dai distretti remoti arrivavano scarsi rapporti di intelligence e di sicurezza.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha affermato che le truppe statunitensi potrebbero rimanere oltre la data di scadenza, ha avvertito che l’evacuazione sarebbe stata “dura e dolorosa” e che molto potrebbe ancora andare storto.

Il rappresentante democratico degli Stati Uniti Adam Schiff, presidente del Comitato per l’intelligence della Camera dei rappresentanti, ha dichiarato ai giornalisti dopo un briefing sull’Afghanistan da parte dei funzionari dell’intelligence che non credeva che l’evacuazione potesse essere completata negli otto giorni rimanenti.

“Penso che sia possibile, ma penso che sia molto improbabile dato il numero di americani che devono ancora essere evacuati”, ha detto Schiff.

Un funzionario talebano ha detto lunedì che non sarebbe stata concessa una proroga, anche se ha affermato che le forze straniere non l’hanno richiesta. Washington ha detto che i negoziati stanno continuando.

Molti afgani temono rappresaglie e un ritorno a una versione dura della legge islamica che i talebani hanno imposto mentre erano al potere dal 1996 al 2001, compresa la repressione delle donne.

Ci sono stati isolati ma numerosi episodi di aggressione e intolleranza talebani riportati sui social media, così come segnalazioni di ricerche talebane di vecchi nemici.

L’Australia ha evacuato più di 50 donne paralimpiche afgane, atlete e persone a loro carico dopo aver ottenuto i visti per loro, ha riferito martedì l’Australian Broadcasting Corp.

I leader di Stati Uniti, Gran Bretagna, Italia, Francia, Germania, Canada e Giappone che si incontreranno virtualmente più tardi potrebbero sfruttare la possibilità di un riconoscimento ufficiale unificato o di rinnovare le sanzioni per spingere i talebani a rispettare gli impegni a rispettare i diritti delle donne e le leggi internazionali.

“I leader del G7 accetteranno di coordinarsi su se e quando riconoscere i talebani”, ha affermato un diplomatico europeo. “E si impegneranno a continuare a lavorare a stretto contatto”.

I leader dei talebani, che hanno cercato di mostrare un volto più moderato dopo la cattura di Kabul, hanno avviato colloqui sulla formazione di un governo, che hanno incluso discussioni con alcuni leader di vecchi governi tra cui un ex presidente, Hamid Karzai.

Il riconoscimento di un governo afghano guidato dai talebani da parte di altri paesi avrebbe importanti conseguenze, inclusa la possibilità per i talebani di accedere agli aiuti esteri da cui dipendevano i precedenti governi afghani.

Biden dovrà affrontare pressioni da altri leader per estendere la scadenza del 31 agosto per le evacuazioni. La Francia ha affermato che è necessario più tempo e il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha affermato lunedì che il G7 deve valutare se rimanere oltre tale data.

Biden ha affrontato critiche diffuse sul ritiro, avviato dal suo predecessore repubblicano, Donald Trump, in base a un accordo concluso con i talebani, e le valutazioni dei suoi sondaggi di opinione sono scivolate.

Da parte sua, le potenti forze armate statunitensi sono alle prese con il crollo delle forze afgane sostenute dagli Stati Uniti dopo 20 anni di addestramento. “Ne è valsa la pena? Sì. Fa ancora male? Sì”, ha scritto il generale David Berger, comandante del Corpo dei Marines, in una nota ai Marines.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento