Home Attualità Crisi Vilnius Pechino: L’UE prende le parti della Lituania ma la Cina avrà la meglio

Crisi Vilnius Pechino: L’UE prende le parti della Lituania ma la Cina avrà la meglio

by Freelance

Di Mirko Fallacia

L’Europa ha dato alla Cina “una carezza” diplomatica per far cadere l’embargo commerciale contro la Lituania, ma Pechino sa che ci sono poche prospettive immediate di una dura rappresaglia da parte di Bruxelles.

Giovedì l’Unione europea ha dichiarato che avrebbe portato il blocco delle merci lituane da parte di Pechino all’Organizzazione mondiale del commercio.

La Cina ha reagito con rabbia alla decisione di Vilnius di approfondire i legami diplomatici con Taiwan e ha bloccato le merci non solo dalla Lituania ma da società di altri paesi dell’UE che utilizzano componenti lituani.

Come gesto diplomatico, la mossa dell’UE è significativa in quanto Bruxelles sta formalmente denunciando la Cina per aver agito illegalmente mentre Pechino non ha nemmeno ammesso di fermare le merci nei porti.

Soprattutto, il passaggio all’OMC mostra che, almeno in termini tecnici, l’UE è disposta a opporsi al fatto che la Cina minacci l’integrità del mercato unico europeo e a protestare contro il fatto che un attacco a un paese membro dell’UE per principio politico rappresenta un attacco su tutto il blocco commerciale.

“L’UE è determinata ad agire all’unisono e ad agire rapidamente contro le misure che violano le regole dell’OMC, che minacciano l’integrità del nostro mercato unico. Stiamo parallelamente portando avanti i nostri sforzi diplomatici per ridurre la situazione”, ha affermato il commissario per il Commercio dell’UE Valdis Dombrovskis dopo aver avviato il caso.

L’Europa sta attualmente progettando un cosiddetto strumento anti-coercizione per rispondere esattamente al tipo di tattica che la Cina sta usando contro Vilnius, ma che potrebbero richiedere anni per entrare in vigore.

Nel frattempo, dimostrare la coercizione economica all’OMC è un processo complicato e rischioso che potrebbe protrarsi per diversi anni.

Il primo passo che probabilmente Pechino e Bruxelles intraprenderanno sono le consultazioni, in cui le due parti cercheranno di dirimere la controversia attraverso il dialogo.

Se la Cina accetta di consultarsi con l’UE, i colloqui possono durare oltre 60 giorni, dopodiché Bruxelles può portare Pechino in tribunale se la questione non viene risolta.

Ma non c’è limite a quei 60 giorni, il che significa che entrambe le parti potrebbero teoricamente continuare a consultarsi presso l’OMC per tutto il tempo che vogliono.

“La prima fase delle consultazioni dell’OMC è esplicitamente intesa a fornire spazio per la risoluzione di una controversia. Solo se ciò fallisce, i membri dell’OMC passeranno alla fase successiva di richiesta di un panel”, ha affermato Dombrovskis.

Se ciò non funziona, tutto diventa molto più complesso. L’UE dovrebbe premere per trasferire il caso in un collegio, dove i giudici dell’OMC si pronunciano su una controversia. I panel dell’OMC dovrebbero deliberare da sei a nove mesi, ma in pratica ci vogliono meno di un anno. Quindi, entrambe le parti potrebbero presentare ricorso contro la decisione, non davanti all’organo d’appello paralizzato dell’OMC, ma in una corte d’appello alternativa, a cui hanno firmato sia l’UE che la Cina. L’appello richiederebbe altri tre o quattro mesi, il che significa che l’intero processo potrebbe richiedere circa un anno e mezzo.

Un problema fondamentale è che le regole del commercio internazionale non sono progettate per affrontare la coercizione economica e dimostrarlo può essere giuridicamente precario.

L’OMC, con le sue rigide procedure e leggi che richiedono un pesante onere della prova, non è abbastanza agile da consentire ai paesi di reagire a una coercizione economica asimmetrica e ibrida.

Questo è esattamente il motivo per cui Bruxelles sta portando avanti il ​​suo strumento anti-coercizione, ma non sarà in tempo per i commercianti lituani.

Anche se il caso dell’UE fosse sufficientemente solido in termini di prove, Pechino potrebbe comunque essere in grado di vincere la controversia, ad esempio invocando motivi di sicurezza nazionale, il che sarebbe un grave imbarazzo per Bruxelles.

“Se porti questo caso, è molto probabile che la Cina faccia due argomenti: uno è l’eccezione per la sicurezza nazionale e la seconda linea di difesa della Cina sarà sul morale pubblico”, ha detto Lee-Makiyama.

“Questa situazione ha ulteriormente sottolineato la necessità di dotarci degli strumenti giusti per rispondere quando l’Ue e i suoi Stati membri sono oggetto di deliberate pressioni economiche. Questo è il motivo per cui esorto gli Stati membri dell’UE e il Parlamento europeo ad accelerare il lavoro sullo strumento anti-coercizione, che abbiamo presentato a dicembre 2021″, ha affermato Dombrovskis.

Pechino nega qualsiasi coinvolgimento politico in quella che dice essere la preferenza delle imprese rispetto al commercio con la Lituania.

Come sempre, il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha spinto un po’ più forte la retorica e ha affermato giovedì che l’UE non dovrebbe consentire alla Lituania di “dirottare” le relazioni con la Cina.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento