Home Attualità L’OMS rassicura sul vaiolo delle scimmie e invita alla cautela

L’OMS rassicura sul vaiolo delle scimmie e invita alla cautela

by Freelance

Di Mirko Fallacia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che si aspetta di identificare più casi di vaiolo delle scimmie poiché espande la sorveglianza nei paesi in cui la malattia non si trova tipicamente.

A partire da sabato, 92 casi confermati e 28 casi sospetti di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati da 12 stati membri che non sono endemici per il virus, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite, aggiungendo che fornirà ulteriori indicazioni e raccomandazioni nei prossimi giorni per i paesi su come mitigare la diffusione del vaiolo delle scimmie.

“Le informazioni disponibili suggeriscono che la trasmissione da uomo a uomo si sta verificando tra persone a stretto contatto fisico con casi sintomatici”, ha aggiunto l’agenzia.

Il vaiolo delle scimmie è una malattia infettiva generalmente lieve ed endemica in alcune parti dell’Africa occidentale e centrale.

Si diffonde per stretto contatto, quindi può essere contenuto in modo relativamente facile attraverso misure come l’autoisolamento e l’igiene.

Un comitato internazionale di esperti si è riunito in videoconferenza per esaminare ciò che doveva essere studiato sull’epidemia e comunicato al pubblico, compreso se esiste una diffusione asintomatica, chi è più a rischio e le varie vie di trasmissione.

Ha detto che la riunione è stata convocata “per l’urgenza della situazione”. Il comitato non è il gruppo che suggerirebbe di dichiarare un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale, la più alta forma di allerta dell’OMS, che si applica alla pandemia di COVID-19.

Il contatto ravvicinato è stata la via di trasmissione chiave, poiché le lesioni tipiche della malattia sono molto infettive.

Ad esempio, i genitori che si prendono cura dei bambini malati sono a rischio, così come gli operatori sanitari, motivo per cui alcuni paesi hanno iniziato a inoculare squadre che curano i pazienti con vaiolo delle scimmie utilizzando vaccini per il vaiolo, un virus correlato.

Molti dei casi attuali sono stati identificati nelle cliniche di salute sessuale.

Il sequenziamento genomico precoce di una manciata di casi in Europa ha suggerito una somiglianza con il ceppo che si è diffuso in modo limitato in Gran Bretagna, Israele e Singapore nel 2018.

Si è sottolineato inoltre che l’epidemia di vaiolo delle scimmie non assomigliava ai primi giorni della pandemia di COVID-19 perché non si trasmette così facilmente.

Coloro che sospettano di essere stati esposti o che mostrano sintomi tra cui eruzioni cutanee irregolari e febbre, dovrebbero evitare il contatto ravvicinato con gli altri, consigliano gli esperti.

Ci sono vaccini disponibili, ma il messaggio più importante è curabile, riferisce l’OMS.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento