Home Estero L’UE sostiene la Francia nella disputa sui sottomarini, chiedendo: l’America è tornata?

L’UE sostiene la Francia nella disputa sui sottomarini, chiedendo: l’America è tornata?

by Freelance

Di Miriam Lestingi

Lunedì, i ministri degli esteri dell’Unione europea hanno espresso sostegno e solidarietà alla Francia durante un incontro a New York per discutere della demolizione da parte dell’Australia di un ordine di sottomarini da 40 miliardi di dollari con Parigi a favore di un accordo tra Stati Uniti e Gran Bretagna.

Parlando dopo l’incontro a porte chiuse a margine del raduno annuale dei leader mondiali delle Nazioni Unite, il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha affermato che “è necessaria più cooperazione, più coordinamento, meno frammentazione” per ottenere una regione indo-pacifica stabile e pacifica in cui la Cina è la grande potenza in ascesa.

L’Australia ha dichiarato la scorsa settimana che annullerà un ordine per sottomarini convenzionali dalla Francia e costruirà invece almeno otto sottomarini a propulsione nucleare con tecnologia statunitense e britannica dopo aver stretto una partnership di sicurezza con quei paesi sotto il nome di AUKUS. “Certamente, siamo stati colti di sorpresa da questo annuncio”, ha detto Borrell.

La decisione ha fatto infuriare la Francia e lunedì a New York il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha accusato l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di continuare le tendenze del suo predecessore Donald Trump di “unilateralismo, imprevedibilità, brutalità e mancato rispetto del proprio partner”.

Gli Stati Uniti hanno cercato di placare la rabbia in Francia, alleata della NATO. Il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbero parlare al telefono nei prossimi giorni.

“Siamo alleati, parliamo e non nascondiamo strategie diverse elaborate. Ecco perché c’è una crisi di fiducia”, ha detto Le Drian. “Quindi tutto ciò ha bisogno di chiarimenti e spiegazioni. Potrebbe volerci del tempo”.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato lunedì che si aspetta che Biden “riaffermi il nostro impegno a lavorare con uno dei nostri partner più antichi e più vicini su una serie di sfide che la comunità globale sta affrontando” quando parla con Macron.

Non è chiaro se la controversia avrà implicazioni per il prossimo round di negoziati commerciali UE-Australia, previsto per il 12 ottobre. Borrell ha incontrato lunedì a New York il ministro degli Esteri australiano Marise Payne.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha affermato di avere difficoltà a comprendere la mossa di Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti.

“Perché? Perché con la nuova amministrazione Joe Biden, l’America è tornata. Questo è stato il messaggio storico inviato da questa nuova amministrazione e ora abbiamo delle domande. Cosa significa: l’America è tornata? L’America è tornata in America o da qualche altra parte? Noi non lo so”, ha detto ai giornalisti a New York.

Se la Cina era l’obiettivo principale di Washington, allora era “molto strano” per gli Stati Uniti collaborare con Australia e Gran Bretagna, ha detto, definendola una decisione che ha indebolito l’alleanza transatlantica.

Alti funzionari degli Stati Uniti e dell’Unione europea dovrebbero incontrarsi a Pittsburgh, in Pennsylvania, alla fine di questo mese per la riunione inaugurale del Consiglio per il commercio e la tecnologia USA-UE, ma Michel ha affermato che alcuni membri dell’UE stanno spingendo per il rinvio.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento