Home Attualità La controffensiva ucraina ha inizio dalla Crimea

La controffensiva ucraina ha inizio dalla Crimea

by Freelance

Di Mirko Fallacia

L’Istituto per lo studio della guerra ha affermato che i funzionari ucraini stavano inquadrando l’attacco della Crimea come l’inizio della controffensiva ucraina nel sud, suggerendo intensi combattimenti in agosto e settembre che potrebbero decidere l’esito della prossima fase della guerra.

Come esattamente sia stato effettuato l’attacco rimane un mistero, ma i crateri da impatto quasi identici e le esplosioni simultanee sembrano indicare che sia stato colpito da una raffica di armi in grado di colpire ed eludere le difese russe anche a chilometri di distanza.

La base è ben oltre la portata dei razzi avanzati che i paesi occidentali riconoscono di aver inviato in Ucraina finora, sebbene entro la portata di versioni più potenti che Kiev ha cercato. L’Ucraina ha anche missili anti-nave che potrebbero teoricamente essere utilizzati per colpire obiettivi a terra.

Nel frattempo, il Dipartimento di Stato americano ha affermato che funzionari russi si sono formati in Iran nelle ultime settimane nell’ambito di un accordo sul trasferimento di droni tra i due paesi.

Funzionari statunitensi hanno affermato il mese scorso che l’Iran si stava preparando a fornire alla Russia fino a diverse centinaia di droni, inclusi alcuni dotati di armi, sollevando preoccupazioni sul fatto che Teheran ora stesse sostenendo la Russia nella sua guerra in Ucraina.

La Russia afferma che la sua “operazione militare speciale” sta per pianificare, per proteggere i russofoni e i separatisti nel sud e nell’est. L’Ucraina e i suoi alleati occidentali affermano che Mosca mira a consolidare la sua presa su più territorio possibile.

Dall’inizio della guerra, decine di migliaia di persone sono morte, milioni sono fuggiti e le città sono state distrutte.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento