Home In evidenza Letta mente agli italiani per spingere sulla corsa agli armamenti

Letta mente agli italiani per spingere sulla corsa agli armamenti

by Romano Franco

E mentre la confusione regna sovrana c’è chi si diverte a mistificare la realtà falsificando i numeri, è il quadro dipinto da Enrico Letta, segretario del Pd, che ha dichiarato che l’Italia è il “ventiduesimo Paese” della Nato per spesa militare, aggiungendo: “Se non mi sbaglio, magari poi verrò corretto”.

Ma la spesa militare italiana l’anno scorso ha raggiunto un valore pari all’1,54% del Pil, equivalenti a 28,5 miliardi di dollari.

Con questa astronomica cifra l’Italia si aggiudica il quinto posto nella forsennata corsa agli armamenti, il quinto paese Nato dietro agli Usa (con 725,7 miliardi di dollari), Regno Unito (69,3 miliardi di dollari), Germania e Francia.

Ma la favola raccontata da Letta ci fa apparire come un Paese disarmato o poco più. Già nell’ottobre dell’anno scorso il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, Pd, aveva già provato a spendere oltre 6 miliardi di euro per comprare nuove armi. E non era ancora emerso il nemico d’Oriente brutto e cattivo.

La dichiarazione di Letta ci mette davanti ad una realtà di per se stessa evidente, le ipotesi son due: o il segretario del Pd non è molto sveglio, tanto da non riuscire a fare conti elementari, oppure la bugia di Letta agli italiani è stata detta in maniera subdola proprio per far accettare all’opinione pubblica una spesa inutile e superficiale; un po’ come Enrico Letta alla guida del Paese.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento