Home In evidenza Israele: Una tragedia al raduno religioso, oltre 40 vittime

Israele: Una tragedia al raduno religioso, oltre 40 vittime

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Sono 44 le vittime schiacciate a morte venerdì durante un affollato festival di falò religioso in Israele, hanno detto i medici, in quello che il primo ministro Benjamin Netanyahu ha descritto come un “grave disastro”.

La tragedia si è verificata quando decine di migliaia di ebrei ultraortodossi si sono affollati alla tomba della Galilea del saggio rabbino Shim Bar Yochai del II secolo per le commemorazioni annuali del Lag B’Omer che includono preghiere notturne, canti mistici e danze.

Testimoni hanno detto che le persone sono state asfissiate o calpestate in un passaggio, alcune sono passate inosservate fino a quando non è stato lanciato un appello a disperdersi, mentre la folla ha riempito il pendio del Monte Meron a dispetto degli avvertimenti del COVID-19.

Gli elicotteri hanno traghettato le persone ferite negli ospedali e le forze armate hanno detto che le truppe di ricerca e soccorso sono state rimescolate.

I medici hanno detto che 103 persone sono state ferite in quella che hanno descritto come una fuga precipitosa. Le vittime includevano bambini, hanno detto i testimoni. Il sito è per lo più segregato per genere e il video degli astanti suggerisce che la cotta sia avvenuta in una delle sezioni maschili.

“Stavamo per entrare per ballare e cose del genere e all’improvviso abbiamo visto i paramedici del servizio di ambulanza che correvano”, ha detto un testimone. Ha poi visto le ambulanze uscire “una dopo l’altra”.

I video pubblicati sui social media hanno mostrato scene caotiche in cui uomini ultraortodossi si arrampicavano attraverso le fessure di fogli di lamiera ondulata strappata per sfuggire alla cotta. I corpi giacevano su barelle in un corridoio, coperti di coperte di alluminio.

Un portavoce della polizia ha detto che la capacità complessiva a Mount Meron era simile a quella degli anni precedenti, ma che questa volta le aree dei falò sono state divise come precauzione COVID-19. Ciò potrebbe aver creato punti di strozzatura inaspettati nel traffico pedonale, hanno detto i media israeliani.

Un pellegrino che ha dato il suo nome come Yitzhak ha detto a Channel 12 TV: “Abbiamo pensato che forse ci fosse un allarme (bomba) su un pacco sospetto. Nessuno immaginava che questo potesse accadere qui. La gioia è diventata lutto, una grande luce è diventata un’oscurità profonda”.

Una volta sgombrato il sito, i soccorritori sono crollati contro le ringhiere, alcuni piangendo mentre i loro colleghi li confortavano.

Netanyahu lo ha definito un “grave disastro”, aggiungendo su Twitter: “Stiamo tutti pregando per il benessere delle vittime”. La Casa Bianca e l’Unione Europea hanno inviato le condoglianze.

Mentre i soccorritori cercavano di districare le vittime, la polizia ha chiuso il sito e ha ordinato ai festaioli di uscire. Il ministero dei Trasporti ha interrotto i lavori stradali nell’area per consentire a decine di ambulanze e autobus dei pellegrini di muoversi senza ostacoli.

La tomba del Monte Meron è considerata uno dei siti più sacri del mondo ebraico ed è un luogo di pellegrinaggio annuale. L’evento è stato uno dei più grandi raduni in Israele dallo scoppio della pandemia di coronavirus più di un anno fa.

I falò privati ​​a Mount Meron sono stati vietati lo scorso anno a causa delle restrizioni sul coronavirus, ma quest’anno le misure di blocco sono state allentate grazie al programma di vaccinazione COVID-19 rapido di Israele che ha visto oltre il 54% della popolazione completamente vaccinata.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento