Home Attualità Incendio in Bangladesh: 34 morti e centinaia feriti nell’esplosione di un deposito

Incendio in Bangladesh: 34 morti e centinaia feriti nell’esplosione di un deposito

by Freelance

Di Mimmo Di Maggio

Centinaia di persone erano arrivate per affrontare l’incendio quando un certo numero di container è esploso nel sito di Sitakunda.

La causa dell’incendio non è nota, ma si pensa che in alcuni contenitori siano state immagazzinate sostanze chimiche.

Gli ospedali della zona sono sopraffatti e hanno fatto appello per le donazioni di sangue.

Molti dei feriti sarebbero in condizioni critiche e si prevede che il numero delle persone uccise aumenterà.

I volontari, alcuni dei quali indossavano solo sandali ai piedi, hanno continuato a portare i corpi dalle macerie fumanti la domenica mattina.

Almeno cinque vigili del fuoco sono rimasti uccisi nell’esplosione e molti altri sono rimasti feriti.

Diversi giornalisti che stavano riportando l’incendio prima dell’esplosione sono dispersi.

L’esplosione è stata così grande che è stata udita a diversi chilometri di distanza e ha mandato in frantumi le finestre degli edifici vicini.

Le immagini delle conseguenze mostrano i resti contorti di container di metallo e il tetto crollato di un magazzino.

I vigili del fuoco stavano ancora lottando per spegnere l’incendio domenica, con continue esplosioni che lo rendevano più difficile, secondo i vigili del fuoco.

L’esercito è stato schierato per impedire che le sostanze chimiche fluiscano in mare.

Sitakunda è a soli 40 km da Chittagong e uno degli ospedali della città è stato inondato di vittime. Le cliniche militari stanno aiutando a curare i feriti.

Circa 4.000 container sono stati immagazzinati nel deposito di Sitakunda, che è un punto di transito per i container che viaggiano attraverso il porto di Chittagong, la seconda città più grande del Bangladesh.

Un funzionario del governo regionale ha affermato che il deposito conteneva milioni di dollari di indumenti in attesa di essere esportati ai rivenditori occidentali.

Il Bangladesh è un importante fornitore di abbigliamento per l’Occidente e ha prosperato negli ultimi dieci anni fino a diventare il secondo esportatore mondiale di indumenti.

Ma le normative permissive e la scarsa applicazione delle regole sono state spesso accusate di incidenti sul lavoro, inclusi diversi grandi incendi che hanno causato centinaia di morti negli ultimi anni.

L’anno scorso, almeno 39 persone sono rimaste uccise dopo che un traghetto ha preso fuoco nel sud del Paese. E all’inizio dello stesso anno, almeno 52 persone sono morte in un incendio in una fabbrica a Rupganj vicino alla capitale, Dhaka.

Anche tre lavoratori sono stati uccisi nel 2020 dopo l’esplosione di un serbatoio di petrolio in un altro deposito di container a Patenga, non lontano da Chittagong.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento