Home Attualità Europa: Accordo non sufficiente sui limiti di emergenza del gas

Europa: Accordo non sufficiente sui limiti di emergenza del gas

by Nik Cooper

Martedì i paesi dell’Unione Europea che si preparano a ulteriori tagli alla fornitura di gas russa hanno approvato un piano di emergenza indebolito per frenare la domanda, dopo aver raggiunto accordi di compromesso per limitare le riduzioni per alcuni paesi.

L’Europa si trova ad affrontare una stretta pressione del gas da mercoledì, quando la russa Gazprom ha dichiarato che taglierà i flussi attraverso il gasdotto Nord Stream 1 verso la Germania a un quinto della capacità.

Con una dozzina di paesi dell’UE che stanno già affrontando un calo delle forniture russe, Bruxelles sta esortando gli Stati membri a risparmiare gas e immagazzinarlo per l’inverno, temendo che la Russia interromperà completamente i flussi in risposta alle sanzioni sulla guerra in Ucraina.

I ministri dell’Energia hanno approvato una proposta per tutti i paesi dell’UE di ridurre volontariamente il consumo di gas del 15% nel periodo agosto-marzo dalla media 2017-2021.

I tagli potrebbero essere vincolanti in un’emergenza di approvvigionamento, a condizione che la maggioranza dei paesi dell’UE sia d’accordo. Ma i membri hanno deciso di esentare numerose industrie dal taglio vincolante del 15%.

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha affermato che l’accordo mostrerà al presidente russo Vladimir Putin che l’Europa è rimasta unita. “Non ci dividerai”, ha detto Habeck.

L’Ungheria è stato l’unico paese che si è opposto all’accordo, hanno affermato due funzionari dell’UE.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha affermato che la Russia sta tagliando le forniture per imporre il “terrore sui prezzi” contro l’Europa.

“Utilizzando Gazprom, Mosca sta facendo tutto il possibile per rendere il prossimo inverno il più rigido possibile per i paesi europei. Bisogna rispondere al terrore, imporre sanzioni”, ha detto martedì in un discorso video.

Gazprom ha attribuito la sua ultima riduzione alla necessità di interrompere il funzionamento di una turbina. Il capo dell’energia dell’UE Kadri Simson ha respinto questa motivazione, definendola una mossa “motivata politicamente”.

Simson ha affermato che l’accordo dovrebbe garantire ai paesi di risparmiare abbastanza gas per sopravvivere a un inverno medio se la Russia tagliasse completamente le forniture ora, ma un inverno insolitamente freddo richiederebbe misure più severe.

La Russia ha fornito il 40% del gas dell’UE prima di invadere l’Ucraina il 24 febbraio.

L’accordo dell’UE esonererebbe dal taglio vincolante del gas del 15% Irlanda, Malta e Cipro. Questi paesi non sono collegati alle reti del gas di altri Stati membri e quindi non potrebbero condividere il gas di riserva se necessario.

I paesi con una capacità limitata di esportare gas verso altri paesi dell’UE possono richiedere un obiettivo più basso, a condizione che esportino ciò che possono. Ciò potrebbe includere la Spagna, che non fa affidamento sul gas russo e inizialmente si era opposta al piano.

“Tutti capiscono che quando qualcuno chiede aiuto, devi aiutare”, ha detto il ministro dell’Energia spagnolo Teresa Ribera.

I paesi che superano l’obiettivo dell’UE per il riempimento dello stoccaggio di gas entro agosto potrebbero anche affrontare obiettivi più deboli, potenzialmente ammorbidendo i tagli per circa una dozzina di stati con uno stoccaggio relativamente pieno, tra cui Germania e Italia.

Gli Stati possono esentare il gas utilizzato in settori critici, come la produzione di acciaio ad alta intensità energetica.

Il ministro per la transizione ecologica Roberto Cingolani ha affermato che l’obiettivo vincolante del Paese sarebbe più vicino al 7% del 15%, una volta prese in considerazione le riduzioni di gas che ha realizzato rispetto agli anni precedenti.

La notizia dell’ultimo calo dell’offerta ha fatto aumentare i prezzi del gas, aumentando il costo del riempimento dello stoccaggio e creando incentivi per un utilizzo inferiore.

Martedì, il contratto olandese del mese anteriore di riferimento è aumentato di oltre il 10% ed è di circa il 430% in più rispetto a un anno fa.

Il piano ha messo alla prova la solidarietà dei paesi. La Polonia ha approvato l’accordo, ma il ministro del clima Anna Moskwa ha affermato che l’industria di un paese non dovrebbe essere costretta a utilizzare meno gas per aiutare altri stati.

Altri sono stati più positivi, tra cui Malta e Portogallo, che hanno vinto obiettivi più morbidi. Il ministro dell’Energia maltese Miriam Dalli ha affermato che l’accordo riflette le diverse situazioni energetiche dei paesi.

“Siamo riusciti a trasmettere un forte messaggio di solidarietà”, ha detto.

Alcuni hanno espresso la preoccupazione che i risparmi non sarebbero ancora sufficienti per evitare una carenza invernale. I livelli variano da paese a paese, ma l’UE ha ridotto il consumo combinato di gas solo del 5%, nonostante mesi di prezzi in aumento e forniture russe.

“Il quindici percento probabilmente non sarà sufficiente, visto ciò che i russi hanno appena annunciato”, ha affermato il ministro dell’Ambiente irlandese Eamon Ryan.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento