Home Estero Centinaia di proteste contro l’aumento degli attacchi omofobici a Madrid

Centinaia di proteste contro l’aumento degli attacchi omofobici a Madrid

by Freelance

Di Mario Lerio

Centinaia di persone si sono radunate sabato nel centro di Madrid per chiedere una migliore protezione dei diritti LGBT dopo una serie di attacchi omofobici che hanno scioccato la Spagna negli ultimi mesi.

La gente ha sventolato bandiere arcobaleno e ha portato striscioni con la scritta: “giustizia”, ​​”tocca uno di noi, toccaci tutti”, “ci stanno uccidendo”.

“Siamo qui per protestare contro i continui attacchi omofobici e le continue aggressioni che si verificano fine settimana dopo fine settimana”, ha affermato un manifestante.

Venerdì il primo ministro Pedro Sanchez ha presieduto una riunione urgente di ministri, leader della comunità e polizia per discutere su come ridurre i crimini d’odio, che sono cresciuti di circa il 9% all’anno dal 2014, secondo il ministero dell’Interno.

Il ministro dell’Interno Fernando Grande-Marlaska ha dichiarato mercoledì che i crimini d’odio sono in aumento e stanno diventando più violenti.

Ci sono state crescenti richieste al governo di agire dopo l’uccisione dell’assistente infermieristico Samuel Luiz, che è stato picchiato a morte a luglio nella regione nord-occidentale della Galizia, a causa del suo orientamento sessuale.

La Spagna è stata a lungo elogiata come destinazione LGBT-friendly ed è stata una pioniera dei diritti dei gay, diventando solo il terzo paese al mondo a legalizzare il matrimonio gay nel 2005.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento