Home Estero I tedeschi sono chiamati al voto per decidere il successore di Angela Merkel

I tedeschi sono chiamati al voto per decidere il successore di Angela Merkel

by Freelance

Di Mirko Fallacia

I tedeschi sono andati alle urne domenica per le elezioni nazionali. I socialdemocratici di centrosinistra (SPD), in vantaggio sui sondaggi, hanno lanciato una sfida ai conservatori del cancelliere Angela Merkel, da domani in pensione.

La Merkel è al potere dal 2005, ma ha intenzione di dimettersi dopo le elezioni, rendendo il voto un evento che cambia epoca per stabilire il corso futuro della più grande economia europea.

Un elettorato fratturato significa che dopo le elezioni, i partiti principali si sondano a vicenda prima di intraprendere negoziati di coalizione più formali che potrebbero richiedere mesi, lasciando la Merkel, 67 anni, in carica con un ruolo di custode.

Sabato, il candidato conservatore ArminLaschet ha dichiarato che un’alleanza di sinistra guidata dall’SPD con i Verdi e il partito di estrema sinistra Linke destabilizzerebbe l’Europa.

“Vogliono tirarci fuori dalla NATO, non vogliono questa alleanza, vogliono un’altra repubblica”, ha detto Laschet, che ha 60 anni. “Non voglio che la Linke sia nel prossimo governo”.

A correre contro Laschet c’è Olaf Scholz dell’SPD, il ministro delle finanze della coalizione destra-sinistra della Merkel che ha vinto tutti e tre i dibattiti televisivi tra i principali candidati.

Scholz, 63 anni, non ha escluso un’alleanza di sinistra con The Left, ma ha affermato che l’adesione alla NATO è stata una linea invalicabile per l’SPD.

Dopo una campagna elettorale incentrata sul mercato interno, gli alleati di Berlino in Europa e oltre potrebbero dover aspettare mesi prima di poter vedere se il nuovo governo tedesco è pronto ad affrontare le questioni estere nella misura in cui vorrebbero.

Il panorama politico frammentato significa che è probabile una coalizione a tre. I sondaggi finali hanno dato ai socialdemocratici un piccolo vantaggio, ma i conservatori hanno ridotto il divario negli ultimi giorni e molti elettori erano ancora indecisi.

Gli scenari di coalizione più probabili vedono l’SPD o il blocco conservatore CDU/CSU – chiunque arrivi per primo – allearsi con i Verdi e i Liberali Democratici (FDP).

Scholz ha detto ai sostenitori nel suo collegio elettorale a Potsdam, vicino a Berlino, che sperava ancora che SPD e Verdi si assicurassero una maggioranza per governare da soli senza un terzo partner.

“Più forte è l’SPD, più facile sarà formare una coalizione”, ha detto Scholz. “Non so cosa sarà possibile ma forse è possibile ad esempio formare una coalizione Spd-Verdi. Credo che sia possibile. Vedremo”.

Sia i conservatori che l’FDP respingono una “unione del debito” europea e vogliono garantire che il prestito congiunto dell’Unione europea per finanziare il pacchetto di recupero del coronavirus del blocco rimanga una tantum. L’SPD ha parlato di compiere passi verso un’unione fiscale.

I Verdi sono favorevoli a una politica fiscale europea comune per sostenere gli investimenti nell’ambiente, nella ricerca, nelle infrastrutture e nell’istruzione.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento