Home Cronaca Alluvioni in aumento in tutta l’Europa occidentale, sale a oltre 110 il numero dei morti

Alluvioni in aumento in tutta l’Europa occidentale, sale a oltre 110 il numero dei morti

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Più di 1.000 persone sono scomparse venerdì nelle regioni colpite dalle inondazioni della Germania occidentale e del Belgio. Nella regione le acque stanno ancora aumentando mentre il bilancio delle vittime si aggira già ben oltre le 100 persone e le comunicazioni in alcune aree sono interrotte.

Intere comunità giacevano in rovina dopo che i fiumi in piena hanno travolto città e villaggi negli stati tedeschi occidentali del Nord Reno-Westfalia e della Renania-Palatinato, in Belgio e nei Paesi Bassi.

Nella sola Germania, 103 persone sono morte in quella che è la peggiore perdita di vite di massa del Paese da anni. Dodici dei morti erano residenti in una casa per disabili a Sinzig, a sud di Colonia, che sono stati sorpresi dalle improvvise inondazioni durante la notte.

Si prevede che il bilancio delle vittime aumenterà ulteriormente poiché più case sono crollate, mentre in Belgio, i media hanno affermato che almeno 14 sono morti.

Venerdì, circa 114.000 famiglie in Germania erano senza elettricità e le reti di telefonia mobile erano crollate in alcune regioni allagate, il che significava che famiglie e amici non erano in grado di rintracciare i loro cari.

In Renania-Palatinato, circa 1.300 persone sono state segnalate disperse nel distretto di Ahrweiler a sud di Colonia, ha detto il governo distrettuale su Facebook.

Più a nord, a Erftstadt, venerdì mattina diverse case sono crollate e le autorità hanno temuto vittime.

Le strade intorno alla città erano impraticabili dopo essere state spazzate via dalle inondazioni. Le squadre di soccorso hanno cercato di raggiungere i residenti in barca e hanno dovuto comunicare tramite walkie-talkie.

“La rete è completamente crollata. L’infrastruttura è crollata. Gli ospedali non possono accogliere nessuno. Le case di cura hanno dovuto essere evacuate”, ha detto una portavoce del governo regionale di Colonia.

L’esercito tedesco ha schierato oltre 700 soldati per sostenere gli sforzi di soccorso.

Le autorità temevano che ulteriori dighe potessero traboccare, riversando inondazioni incontrollate nelle comunità sottostanti, e stavano cercando di allentare la pressione rilasciando più acqua da esse.

Circa 4.500 persone sono state evacuate a valle della diga di Steinbachtal, nella Germania occidentale, che durante la notte era stata a rischio di una breccia, e un tratto di autostrada è stato chiuso.

La devastazione delle inondazioni, attribuite dai meteorologi a un cambiamento climatico nella corrente a getto che ha portato in terra l’acqua che un tempo rimaneva in mare, potrebbe scuotere un’elezione che fino ad ora ha visto poco parlare di clima.

Le proposte dei Verdi, in seconda posizione nei sondaggi contro i conservatori della cancelliera Angela Merkel, di introdurre limiti di velocità autostradali per ridurre le emissioni di carbonio hanno suscitato indignazione. Ma questa drammatica illustrazione del potere grezzo della natura disprezzato potrebbe riorientare la campagna in vista del voto di settembre.

Uno dei candidati alla successione della Merkel, Armin Laschet del suo partito, era al centro della scena come premier del Nord Reno-Westfalia, dove 23 città e distretti rurali hanno subito gravi danni.

“È una triste certezza che eventi così estremi determineranno la nostra vita quotidiana sempre più frequentemente in futuro”, ha affermato Laschet, aggiungendo che erano necessarie più misure per combattere il riscaldamento globale.

Il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che la portata e l’intensità delle inondazioni sono una chiara indicazione del cambiamento climatico e hanno dimostrato l’urgente necessità di agire, facendo eco a un precedente messaggio della stessa Merkel.

Migliaia di residenti nel nord della provincia del Limburgo, nei vicini Paesi Bassi, hanno ricevuto l’ordine di lasciare le loro case venerdì presto, a causa dell’alluvione.

I servizi di emergenza erano in allerta e le autorità stavano anche rinforzando gli argini lungo i tratti vulnerabili dove le inondazioni continuano a salire.

Le acque si stavano ritirando nella città meridionale di Maastricht, dove non ci sono state inondazioni e nella città di Valkenburg, dove i danni sono stati ingenti, ma nessuno è rimasto ferito.

In Belgio mancavano almeno quattro persone. Il centro di crisi belga ha esortato le persone in gran parte del sud e dell’est del paese a non viaggiare.

La Francia ha inviato 40 militari e un elicottero a Liegi in Belgio per aiutare con la situazione delle inondazioni, ha detto su Twitter il primo ministro Jean Castex.

Nella città di Maaseik, al confine con l’Olanda, il fiume Mosa si era innalzato al di là di un muro di contenimento e traboccava dai sacchi posti sopra.

Diverse città e villaggi erano già stati sommersi, tra cui Pepinster vicino a Liegi, dove circa 10 case sono crollate parzialmente o completamente.

Il bilancio delle vittime in Germania è il più alto di qualsiasi catastrofe naturale dall’alluvione mortale del Mare del Nord nel 1962 che uccise circa 340 persone. Lo schianto di un treno ICE ad alta velocità nel 1998 ha ucciso 101 persone.

Le inondazioni del fiume Elbe nel 2002, che all’epoca furono annunciate dai media come “inondazioni avvenute una volta nel secolo”, uccisero 21 persone nella Germania orientale e più di 100 in tutta la più ampia regione dell’Europa centrale.

Il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer ha dichiarato alla rivista Spiegel che il governo federale mira a fornire sostegno finanziario alle regioni colpite il più rapidamente possibile, aggiungendo un pacchetto di misure che dovrebbe andare al governo per l’approvazione mercoledì.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento