Home Approfondimenti 29 marzo 1973: Gli Stati Uniti si ritirano dal Vietnam

29 marzo 1973: Gli Stati Uniti si ritirano dal Vietnam

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Due mesi dopo la firma dell’accordo di pace del Vietnam, le ultime truppe da combattimento statunitensi lasciano il Vietnam del Sud mentre Hanoi libera i restanti prigionieri di guerra americani detenuti nel Vietnam del Nord. L’intervento diretto di otto anni dell’America nella guerra del Vietnam era giunto al termine. A Saigon, circa 7.000 dipendenti civili del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sono rimasti indietro per aiutare il Vietnam del Sud a condurre quella che sembrava essere una guerra feroce e in corso con il Vietnam del Nord comunista.

Nel 1961, dopo due decenni di aiuti militari indiretti, il presidente degli Stati Uniti John F.Kennedy inviò in Vietnam la prima grande forza di personale militare statunitense per sostenere l’inefficace regime autocratico del Vietnam del Sud contro il nord comunista. Tre anni dopo, con il crollo del governo del Vietnam del Sud, il presidente Lyndon B. Johnson ordinò bombardamenti limitati sul Vietnam del Nord e il Congresso autorizzò l’uso delle truppe statunitensi. Nel 1965, le offensive del Vietnam del Nord lasciarono al presidente Johnson due scelte: intensificare il coinvolgimento degli Stati Uniti o ritirarsi. Johnson ordinò il primo e il livello delle truppe salì presto a più di 300.000 quando le forze aeree statunitensi iniziarono la più grande campagna di bombardamenti della storia.

Negli anni successivi, la lunga durata della guerra, l’elevato numero di vittime statunitensi e l’esposizione del coinvolgimento degli Stati Uniti in crimini di guerra, come il massacro di My Lai, contribuirono a trasformare un opposizione popolare contro la guerra del Vietnam. L’offensiva Tet dei comunisti del 1968 schiacciò le speranze degli Stati Uniti di una fine imminente del conflitto e galvanizzò l’opposizione degli Stati Uniti alla guerra. In risposta, Johnson annunciò nel marzo 1968 che non avrebbe cercato la rielezione, citando quella che percepiva essere una sua responsabilità nel creare una pericolosa divisione nazionale sul Vietnam. Ha inoltre autorizzato l’inizio dei colloqui di pace.

Nella primavera del 1969, con l’escalation delle proteste contro la guerra negli Stati Uniti, la forza delle truppe statunitensi nel paese dilaniato dalla guerra raggiunse il suo picco di quasi 550.000 uomini. Richard Nixon, il nuovo presidente degli Stati Uniti, iniziò quell’anno il ritiro delle truppe statunitensi e la “vietnamizzazione” dello sforzo bellico, ma intensificò i bombardamenti. I grandi ritiri di truppe statunitensi continuarono nei primi anni ’70 quando il presidente Nixon estese le operazioni aeree e di terra in Cambogia e Laos nel tentativo di bloccare le rotte di rifornimento nemiche lungo i confini del Vietnam. Questa espansione della guerra, che ha ottenuto pochi risultati positivi, ha portato a nuove ondate di proteste negli Stati Uniti e altrove.

Infine, nel gennaio 1973, i rappresentanti degli Stati Uniti, del Vietnam del Nord e del Sud e dei Vietcong firmarono un accordo di pace a Parigi, ponendo fine al coinvolgimento militare diretto degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam. Le sue disposizioni chiave includevano un cessate il fuoco in tutto il Vietnam, il ritiro delle forze statunitensi, il rilascio di prigionieri di guerra e la riunificazione del Vietnam del Nord e del Sud con mezzi pacifici. Il governo del Vietnam del Sud sarebbe rimasto in carica fino a quando non si sarebbero tenute nuove elezioni e le forze del Vietnam del Nord nel sud non avrebbero dovuto avanzare ulteriormente né essere rafforzate.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento