Home Attualità Putin intraprende un viaggio alla ricerca di consenso

Putin intraprende un viaggio alla ricerca di consenso

by Nik Cooper

Vladimir Putin visiterà due piccoli stati dell’ex Unione Sovietica nell’Asia centrale questa settimana, secondo quanto riferito domenica dalla televisione di stato russa. Per il presidente russo sarebbe il primo viaggio all’estero da quando ha ordinato l’invasione dell’Ucraina.

L’invasione russa del 24 febbraio ha fatto migliaia di vittime, ha fatto migrare milioni di persone e ha portato a severe sanzioni finanziarie da parte dell’Occidente, che secondo Putin sono una ragione per costruire legami commerciali più forti con altre potenze come Cina, India e Iran.

Pavel Zarubin, corrispondente del Cremlino della televisione di stato Rossiya 1, ha detto che Putin visiterà il Tagikistan e il Turkmenistan e poi incontrerà il presidente indonesiano Joko Widodo per colloqui a Mosca.

A Dushanbe, Putin incontrerà il presidente tagiko Imomali Rakhmon, uno stretto alleato russo e il sovrano più longevo di un ex stato sovietico.

Ad Ashgabat parteciperà a un vertice delle nazioni del Caspio, inclusi i leader di Azerbaigian, Kazakistan, Iran e Turkmenistan, ha affermato Zarubin.

Putin prevede anche di visitare la città bielorussa di Grodno il 30 giugno e il 1 luglio per prendere parte a un forum con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, come ha detto domenica alla televisione bielorussa l’agenzia di stampa RIA Valentina Matviyenko, la presidente della camera alta del parlamento russo.

L’ultimo viaggio noto di Putin fuori dalla Russia è stata una visita a Pechino all’inizio di febbraio, dove lui e il presidente cinese Xi Jinping hanno svelato di avere un’amicizia “senza limiti” poche ore prima che entrambi partecipassero alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali.

La Russia afferma di aver inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio per degradare le capacità militari del suo vicino, impedire che venga utilizzato dall’Occidente per minacciare la Russia, sradicare i nazionalisti e difendere i russofoni nelle regioni orientali. L’Ucraina chiama l’invasione una presa di terra in stile imperialista.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento