Home Attualità La visita di Blinken al papa ripristinerà i legami USA-Vaticano dopo l’Era Trump

La visita di Blinken al papa ripristinerà i legami USA-Vaticano dopo l’Era Trump

by Nik Cooper

L’ultima volta che un segretario di Stato americano ha visitato il Vaticano, le scintille diplomatiche sono volate e papa Francesco ha rifiutato di ricevere Mike Pompeo.

Dopo quella vicenda grottesca, Antony Blinken lunedì incontrerà il papa e gli alti funzionari vaticani, la visita del nuovo segretario di Stato metterà le relazioni tra Washington e la Santa Sede su nuove basi.

Farà anche da sfondo alla visita al papa di Joe Biden, solo il secondo presidente cattolico degli Stati Uniti, prevista per ottobre.

La visita segue una conferenza in cui i vescovi cattolici degli Stati Uniti hanno votato per redigere una dichiarazione sulla Comunione che potrebbe ammonire i politici cattolici, tra cui Biden, che sostengono i diritti all’aborto nonostante si oppongano personalmente alla pratica. La visita di Pompeo lo scorso settembre è stata ampiamente vista come un errore diplomatico.

Ha irritato il Vaticano prima di arrivare, dicendo su Twitter e in un editoriale che stava “mettendo in pericolo la sua autorità morale” continuando un accordo bilaterale con la Cina sulla nomina dei vescovi lì.

Pompeo ha pubblicato l’editoriale su un giornale cattolico conservatore che è stato molto critico nei confronti di papa Francesco e il cui editore nel 2019 ha scritto una lunga critica intitolata “Un papato fallito”.

Un funzionario vaticano ha rimproverato Pompeo per aver violato “una delle regole della diplomazia” facendo richieste pubbliche. Un altro ha affermato che la sua richiesta di udienza con il papa è stata negata perché era troppo vicina alle elezioni presidenziali statunitensi e il Vaticano non voleva che fosse utilizzata per scopi di politica interna.

Dopo che la NATO ha preso una linea dura nei confronti della Cina al vertice di debutto di Biden, Washington potrebbe spingere il Vaticano a essere più schietto sui diritti umani in Cina e Hong Kong, ha affermato Alberto Melloni, storico della Chiesa italiana e consigliere della Commissione europea.

La domanda è ‘gli Stati Uniti lasceranno che il Vaticano sia esentato dal criticare la Cina solo per il suo accordo sui vescovi’?

CAMBIAMENTO CLIMATICO

Uno dei principali punti di contesa tra il Vaticano e la Casa Bianca mentre Donald Trump era presidente degli Stati Uniti era il cambiamento climatico. Trump è stato sprezzante nei confronti del problema mentre smantellava le politiche climatiche e i regolamenti sui combustibili fossili.

Il papa ha criticato il ritiro di Trump degli Stati Uniti dall’accordo di Parigi del 2015 per limitare il riscaldamento globale. Il Vaticano ha accolto con favore il ritorno di Biden all’accordo.

Francis, che a maggio ha ricevuto l’inviato per il clima di Biden, il cattolico romano John Kerry, ha esortato le nazioni a lavorare insieme per salvare il pianeta.

“Vediamo lavorare insieme (con il Vaticano) come un’opportunità per aumentare l’ambizione collettiva dei paesi e affrontare la crisi climatica aumentando e attuando obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni, ad esempio”, ha affermato Philip Reeker, assistente segretario di Stato per l’Europa affari eurasiatici.

Il Vaticano ospiterà leader religiosi e scienziati mondiali prima della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) a novembre in Gran Bretagna, alla quale molti si aspettano la partecipazione del papa.

In un altro momento irritante, il papa ha criticato l’impegno di Trump a costruire un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico definendolo “non cristiano”. Trump ha detto che è “vergognoso” che il papa metta in dubbio la sua fede, ma in seguito lo ha definito “un ragazzo meraviglioso”. Si sono conosciuti in Vaticano nel 2017.

Si prevede inoltre che i funzionari di Blinken e del Vaticano discutono i modi per combattere la tratta di esseri umani e incoraggiare la riduzione del debito per i paesi poveri.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento