Home In evidenza La NATO mette in guardia la Russia sull’aumento delle forze armate in Ucraina

La NATO mette in guardia la Russia sull’aumento delle forze armate in Ucraina

by Freelance

Di Gaia Marino

Lunedì il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha avvertito la Russia che l’alleanza militare occidentale è al fianco degli ucraini, in mezzo a una grande e insolita concentrazione di truppe russe al confine con l’Ucraina.

Stoltenberg ha sottolineato che l’importante ora era impedire che le situazioni sfuggissero al controllo e ha esortato la Russia a essere trasparente sulle attività militari, a ridurre le tensioni e prevenire un’escalation.

“Dobbiamo essere lucidi, dobbiamo essere realistici riguardo alle sfide che dobbiamo affrontare. E quello che vediamo è un significativo, grande accumulo militare russo”, ha detto Stoltenberg in una conferenza stampa con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba a Bruxelles.

Ha detto che non voleva speculare sulle intenzioni della Russia, ma ha aggiunto: “Vediamo un’insolita concentrazione di truppe e sappiamo che la Russia è stata disposta a usare questo tipo di capacità militari prima di condurre azioni aggressive contro l’Ucraina”.

I movimenti delle truppe russe negli ultimi giorni hanno alimentato i timori di un possibile attacco. Mosca ha respinto tali suggerimenti come provocatori e si è lamentata della crescente attività nella regione da parte dell’alleanza transatlantica della NATO.

La Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014 e afferma che le acque intorno ad essa appartengono ora a Mosca, nonostante la maggior parte dei paesi continui a riconoscere la penisola come ucraina.

Nello stesso anno, i separatisti sostenuti dalla Russia hanno preso il controllo della regione orientale del Donbass in Ucraina e i soldati di entrambe le parti continuano a essere regolarmente uccisi nel conflitto.

L’accumulo di truppe al confine – che l’Ucraina la scorsa settimana ha stimato a 100.000 – è stato pericoloso, ha affermato Stoltenberg, perché ha ridotto la quantità di tempo di allerta, se la Russia decidesse di “condurre un’azione militare aggressiva contro l’Ucraina”.

“Si tratta in parte di forze vicine al confine tra Russia e Ucraina, ma in parte anche di truppe e capacità che si trovano all’interno dell’Ucraina, nel senso che sono in Crimea, che è annessa illegalmente, e vediamo anche i militanti, i separatisti in Donbass, che fa anche parte dell’Ucraina, sostenuta e aiutata dalla Russia”, ha affermato.

Una fonte della NATO, a cui è stato chiesto di descrivere come la Russia sta dispiegando il suo equipaggiamento militare verso l’Ucraina, ha detto: “Grandi equipaggiamenti come carri armati, artiglieria semovente e veicoli da combattimento di fanteria vengono spostati di notte per evitare che le immagini rivelatrici appaiano sui social media come hanno fatto durante la formazione militare russa in primavera”.

L’Occidente non può di certo escludere un attacco russo all’Ucraina ma, mentre l’attenzione internazionale è tutta puntata su quella regione, non è escluso che Putin concentri truppe anche in Bielorussia dove è in corso una crisi migratoria.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento