Home Cronaca La miniera cinese di Mojiang e il suo ruolo nelle origini del COVID-19

La miniera cinese di Mojiang e il suo ruolo nelle origini del COVID-19

by Nik Cooper

Il principale esperto statunitense di malattie infettive, il dottor Anthony Fauci, ha esortato la Cina a rilasciare informazioni su sei lavoratori che si sono ammalati dopo aver lavorato in una miniera nella provincia dello Yunnan nel 2012 e sono ora considerati una parte fondamentale degli sforzi per trovare le origini di COVID-19.

I lavoratori, di età compresa tra 30 e 63 anni, stavano ripulendo una cucitura di rame dalle feci dei pipistrelli nell’aprile 2012. Settimane dopo, sono stati ricoverati in un ospedale nella capitale provinciale di Kunming con tosse persistente, febbre, dolori alla testa e al petto e difficoltà respiratorie. Tre alla fine sono morti.

La miniera si trova a Mojiang, nel sud-ovest della Cina, a circa 1.500 chilometri da Wuhan, dove è stato identificato per la prima volta il COVID-19.

COSA SAPPIAMO DEI SEI MINERARI?

Sebbene i dettagli biografici completi dei sei lavoratori non siano stati rilasciati, i loro cognomi, età e cartelle cliniche sono stati pubblicati in una tesi del 2013 scritta da uno studente post-laurea della Kunming Medical University di nome Li Xu.

Lo studio di Li, ancora disponibile nell’archivio di articoli scientifici cinesi su cnki.net, esamina i sintomi di ciascun paziente e conclude che sono stati vittime di un coronavirus “simile alla SARS” contratto da pipistrelli a ferro di cavallo.

Gli scienziati che sono tornati nella miniera alla fine del 2012 hanno trovato campioni di un agente patogeno che è diventato noto come “virus Mojiang”, trovato nei ratti e non correlato alla SARS-CoV-2. La ricerca successiva non è stata in grado di confermare se ha causato la malattia dei minatori.

Secondo Shi Zhengli dell’Istituto di virologia di Wuhan, il miglior ricercatore cinese sul coronavirus dei pipistrelli, i sintomi simili alla polmonite dei lavoratori sono stati causati da un’infezione fungina. Shi e il suo team hanno anche affermato in una ricerca pubblicata lo scorso novembre di aver ritestato 13 campioni di siero di quattro dei pazienti e di non aver trovato alcun segno di infezione da SARS-CoV-2.

PERCHÉ I CASI SONO ALL’OCCHIO DEL PUBBLICO?

Dalla metà dello scorso anno, la tesi post-laurea di Li è circolata online come presunta prova che un coronavirus molto simile al SARS-CoV-2 avrebbe potuto infettare gli esseri umani già nel 2012.

Alcuni credono anche che il documento fornisca prove circostanziali per accuse più ampie secondo cui WIV aveva catturato, studiato e condotto esperimenti di “guadagno di funzione” sui virus trovati nella miniera, incluso RaTG13.

Identificato per la prima volta nel 2016, RaTG13 condivide il 96,2% del suo genoma con SARS-CoV-2, secondo un documento pubblicato da Shi e altri ricercatori all’inizio di febbraio 2020, poche settimane dopo l’identificazione dei primi casi di COVID-19 a Wuhan.

QUALI ALTRI VIRUS SONO STATI TROVATI NELLA MINIERA?

Dal 2012 al 2015, i ricercatori del WIV hanno identificato fino a 293 coronavirus all’interno e intorno alla miniera. L’istituto nel novembre 2020 ha rivelato l’esistenza di altri otto campioni di coronavirus “tipo SARS” prelevati dal sito.

In una prestampa del mese scorso, Shi e altri ricercatori hanno affermato che nessuno degli otto era una corrispondenza più vicina a SARS-CoV-2 rispetto a RaTG13. Fondamentalmente, nessuno di loro possedeva il dominio di legame del recettore chiave che consente a SARS-CoV-2 di infettare gli esseri umani in modo così efficiente.

Il documento ha concluso che “le prove sperimentali non possono supportare” le affermazioni secondo cui SARS-CoV-2 è trapelato dal laboratorio e ha richiesto “un campionamento più sistematico e longitudinale di pipistrelli, pangolini o altri possibili animali intermedi” per capire meglio dove ha avuto origine la pandemia.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento