Home Attualità La crisi economica mette a nudo le divisioni dell’Europa

La crisi economica mette a nudo le divisioni dell’Europa

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Una svendita dei mercati ha riportato alla mente i ricordi della crisi del debito della zona euro più di un decennio fa, evidenziando le divisioni che hanno afflitto gli sforzi del blocco valutario per creare un legame più stretto.

Mentre gli anni trascorsi dalla crisi del debito hanno visto 19 paesi dell’area euro europea centralizzare e rafforzare i controlli bancari, molte riforme economiche pianificate in Italia e altrove sono state annacquate poiché l’enorme stampa di denaro ha sostenuto l’economia.

Spinti dai timori che l’aumento dei costi finanziari soffocherà la crescita economica, la disfatta dei mercati ha messo in luce le crepe nella difficile alleanza che, a differenza degli Stati Uniti, è tenuta insieme in gran parte dalla banca centrale piuttosto che da un governo con potere di tassare e spendere.

Due eventi di questa settimana espongono la fragilità dell’unione: gli sforzi della BCE per ripristinare la fiducia negli stati più deboli che devono far fronte all’aumento dei costi dei prestiti alla fine del suo programma di acquisto del debito e il fallimento decennale dei ministri nel mettere su solide basi i risparmiatori del blocco.

Dopo un raro incontro di emergenza mercoledì, la BCE ha promesso nuove misure per mitigare il selloff del mercato, ma la mancanza di un piano concreto per aiutare paesi carichi di debiti come Italia e Grecia ha deluso alcuni.

Ciò era in netto contrasto con il 2012, quando l’allora presidente della BCE Mario Draghi ha affrontato una crisi di fiducia nel futuro della valuta con l’impegno a fare “tutto ciò che serve”, seguito da un vasto programma di stampa di denaro.

Ora, tuttavia, l’aumento dei prezzi, innescato da quella stampa di denaro, così come l’aumento dei costi energetici sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina e del blocco della pandemia in Cina, rende difficile ripetere questa impresa.

“Era facile fare tutto il necessario quando l’inflazione era bassa”, ha affermato Guntram Wolff del think tank Bruegel, aggiungendo che l’aumento dei prezzi avrebbe spinto la BCE a invertire la rotta.

“L’incontro di emergenza ha creato molte aspettative che la BCE non può alla fine soddisfare”, ha affermato. “Solo i governi possono affrontare la reale divergenza economica e la creazione incompleta della zona euro”.

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha messo in guardia contro una frammentazione del blocco, il tipo di avviso pubblico un tempo comune ma che in gran parte è scomparso poiché l’enorme stampa di denaro ha alleviato la crisi del debito.

Parlando con gli studenti a Londra, Lagarde non ha fornito ulteriori indizi su come potrebbe essere l’azione della BCE, parlando invece del cambiamento climatico e dell’impatto della guerra sulle forniture globali di grano.

È probabile che le divisioni nella zona euro emergano in primo piano in una riunione dei ministri giovedì per discutere un piano in stallo per rafforzare il sistema finanziario del blocco.

I ministri dovrebbero ritardare ulteriormente i piani per la rete di sicurezza unica per i depositi bancari, a lungo osteggiata dalla Germania che non ha voluto essere agganciata per problemi altrove, prolungando la spinta decennale all’unificazione del settore per resistere meglio alle crisi.

Il dibattito dei ministri si svolge sullo sfondo di un aumento degli oneri finanziari dell’Italia, esacerbato dai piani della BCE di aumentare i tassi di interesse e ridurre l’acquisto di debito per moderare l’aumento dei prezzi. Le obbligazioni spagnole, portoghesi e greche sono più o meno nella stessa situazione. Il modo in cui l’Europa risponde è seguito da vicino da banchieri e investitori.

Ma con la BCE che è fuori strada per soddisfare gli investitori, la palla è tornata nel campo dei politici per agire.

E sebbene la BCE possa accontentare i mercati con un bazooka, sta diventando più difficile farlo in un momento in cui deve combattere l’inflazione. Questo lascia ai governi il compito di riunire finalmente le loro azioni per trovare una vera unione. Ma questa rimane una pia illusione.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento