Home In evidenza Incubo Nord Stream: La Russia chiuderà definitivamente il gas all’Europa?

Incubo Nord Stream: La Russia chiuderà definitivamente il gas all’Europa?

by Nik Cooper

I leader dell’UE sono in affanno poiché dovranno affrontare una crisi dell’approvvigionamento di gas e materie prime senza precedenti. La chiusura dei rifornimenti da parte della Russia potrebbe congelare interi settori dell’economia del blocco mentre crescono i timori che un importante gasdotto che traghetta il gas russo in Europa venga chiuso per sempre, il Nord Stream.

Lo scenario in cui i paesi più ricchi dell’Europa devono razionare il proprio consumo di energia – e dover decidere di chiudere le grandi industrie – si è palesato lunedì quando il flusso di gas naturale verso l’Europa attraverso il gasdotto più grande si è azzerato.

L’interruzione faceva parte di un’interruzione pianificata di 10 giorni, ma analisti e funzionari temono che la Russia, possa utilizzare il gasdotto per strozzare l’economia europea e per far esplodere all’interno del vecchio continente grandi rivolte sociali.

I leader europei, armati di superficialità e di principi distorti, stanno mandando allo sfracelo i Paesi europei più soggetti alle materie prime russe. Non aver previsto uno scenario così ovvio è sia un demerito per la classe dirigente che una condanna per l’intera popolazione d’Europa che adesso è chiamata a grandi sacrifici e ad una recessione senza precedenti.

La situazione economica era già difficile e dover rinunciare al gas russo, con l’inverno che diventa sempre più vicino, rappresenta una vera catastrofe sociale per l’Europa.

Sono 12 i paesi dell’Ue che verrebbero sacrificati per aver preso parte in maniera netta alla guerra tra Russia e Ucraina e, a maggior ragione del fatto che Putin sia da molti considerato un tiranno, averlo sottovalutato è sinonimo di stupidità e negligenza.

La chiusura definitiva del Nord Stream 1 porterebbe la prima economia europea, quella tedesca, sull’astrico; con i funzionari a Berlino che avvertono che le industrie ad alta intensità energetica potrebbero essere pagate per ridurre i consumi in quello che domenica il vicecancelliere tedesco Robert Habeck ha definito uno “scenario politico da incubo”.

“Cosa succede dopo la manutenzione? A cosa torna dopo? Questo è ciò che tutti seguiranno”, ha affermato Ed Cox, capo del gas naturale liquefatto globale (GNL) presso la società di intelligence delle materie prime ICIS.

Alcuni analisti sostengono che è improbabile che la Russia riapra il gasdotto e troverebbe scuse per mantenerlo chiuso oltre i 10 giorni di interruzione della manutenzione.

Una mossa del genere costerebbe tanti soldi a Mosca, ma il gioco varrebbe la candela se l’Europa un domani tornasse a pregare la Russia per un po’ di gas in pieno inverno.

Questo scenario è “abbastanza probabile”, secondo Alexander Gabuev, ricercatore presso il Carnegie Endowment for International Peace di Washington, sostenendo che la chiusura totale della fornitura di gas all’Europa era uno strumento chiave nell’arsenale del presidente russo Vladimir Putin per dividere l’Europa e l’Ucraina prima dell’inverno, quando si sarebbero fatti sentire i peggiori effetti di una carenza di gas.

Il Gas rappresenta l’arma più forte di Mosca al momento e mentre il presidente Putin gioca a scacchi con una leadership europea debole e superficiale, i cittadini potrebbero affrontare un’economia di guerra senza esserci mai entrati in maniera ufficiale.

Il ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire, ha espresso questa paura domenica, dicendo che la chiusura totale del gas russo in Europa era “l’opzione più probabile” e che i paesi dovevano “mettersi in ordine di battaglia fin da ora”.

Il 20 luglio, i funzionari dell’UE a Bruxelles pubblicheranno un piano di preparazione invernale che tenterà di garantire che i paesi abbiano abbastanza gas per superare l’inverno. Ma i dettagli del piano sono finora vaghi e velleitari.

“La situazione è chiaramente grave e dobbiamo essere adeguatamente preparati per qualsiasi evenienza”, ma prepararsi oggi in piena crisi presenta una forte ammissione di incompetenza.

Altre opzioni in esame includono salvataggi per società energetiche, stati che assumono il controllo delle centrali elettriche e razionamento del gas per l’industria.

Popolazione in ostaggio per il gas

Lo stato di allarme a Parigi e Berlino è ben lontano dallo stato d’animo più ottimista di tre mesi fa a Bruxelles, quando gli alti funzionari hanno annunciato un’allontanamento coordinato dal gas russo e l’obiettivo di ridurre di due terzi la dipendenza quest’anno.

“Non è facile, ma è fattibile”, ha detto in quel momento Frans Timmermans, vicepresidente esecutivo della Commissione europea. Ma tra il dire e il fare, l’Europa si è buttata a capofitto in un’impresa senza mezzi e senza neanche una via d’uscita.

L’Unione europea ha già fallito l’obiettivo ambizioso: entro il 16 giugno aveva già importato più gas russo di quanto aveva preventivato per l’anno. Questo tenendo conto del fatto che Mosca abbia interrotto di sua sponte la fornitura ad alcuni paesi dell’UE e abbia rallentato le consegne ad altri.

Per ora, i commercianti di gas europei stanno trattenendo il respiro mentre Nord Stream si spegne per il suo check annuale.

Lunedì il panico è esploso brevemente quando Eni, la seconda azienda energetica italiana, ha affermato che le sue consegne da Gazprom sono scese da 32 milioni di metri cubi al giorno a 21 milioni.

Ma la riduzione dell’offerta era legata alla chiusura del Nord Stream e non, come alcuni avevano temuto, a un ulteriore taglio dei flussi russi attraverso altri gasdotti che attraversano l’Ucraina o attraverso il ramo del gasdotto Turkstream, che passa attraverso la Bulgaria.

Anche così, negli anni precedenti, la Russia ha compensato la riduzione dell’offerta durante la manutenzione del Nord Stream instradando più gas attraverso altre rotte. Quest’anno non è stato così.

Con la sua invasione dell’Ucraina che prosegue, la Russia sta già utilizzando l’approvvigionamento energetico come merce di scambio per cercare di rompere l’unità occidentale e ottenere la revoca delle sanzioni contro Mosca.

Venerdì, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha messo in dubbio la possibilità di “aumentare” i volumi di gas attraverso il Nord Stream a partire dal 21 luglio, ma solo se il Canada consentirà la restituzione di una turbina a gas fondamentale per il funzionamento del Nord Stream, che è attualmente in riparazione a Montréal.

Il ministero delle risorse naturali del Canada ha confermato che il paese rilascerà un totale di sei turbine a Nord Stream tramite un’eccezione una tantum per le sanzioni.

“La decisione sull’eccezione alle sanzioni sarà percepita a Mosca esclusivamente come una manifestazione di debolezza”, ha affermato lunedì il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy.

“Non c’è dubbio che la Russia cercherà non solo di limitare il più possibile, ma di chiudere completamente la fornitura di gas all’Europa nel momento più acuto. Questo è ciò che dobbiamo prepararci a fare per ora, questo è ciò che è essere provocati”.

Le alternative

Se Mosca non riavvia il Nord Stream, le opzioni dell’Europa per ottenere una fornitura alternativa di gas sono limitate.

All’inizio di quest’anno, il gas naturale liquefatto marittimo in arrivo nell’UE, principalmente dagli Stati Uniti, ha raggiunto livelli record. Ma l’esplosione e l’interruzione di giugno in un importante impianto di esportazione del Texas hanno messo in pericolo i piani del blocco di fare affidamento sugli americani.

Gli stati del Golfo si sono offerti di aumentare la produzione, ma queste proposte sono legate a vincoli politici, come con la richiesta dell’Oman di viaggiare senza visto nell’UE per i suoi cittadini.

Il gas convogliato dai vicini regionali come l’Azerbaigian e la Norvegia è aumentato e questo mese Oslo ha approvato un aumento della produzione per sostenere le esportazioni. Ma il governo norvegese ha avvertito che “le aziende sulla piattaforma norvegese oggi producono al loro livello massimo”.

I Paesi Bassi hanno annunciato di essere riusciti a ridurre di un terzo il consumo di energia già quest’anno, consentendo potenzialmente di reindirizzare un po’ di gas in più ai vicini. Ma il ministro del clima olandese Rob Jetten ha avvertito che aumentare il campo di Groningen, il più grande d’Europa, soggetto a terremoti, per salvare la situazione sarebbe “l’ultima spiaggia”.

Fatih Birol, direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia, ha descritto la situazione in termini schietti all’inizio di quest’anno: “O i governi o i servizi pubblici dovranno razionarsi da soli – tagliare l’energia ai consumatori – oppure lo facciamo noi stessi, premendo il pulsante dell’efficienza energetica”.

Secondo un’analisi del think tank Bruegel, i paesi dell’UE dovranno ridurre la domanda del 15% nei prossimi 10 mesi se la Russia interromperà tutta la fornitura di gas. Negli stati baltici e in Finlandia, i governi potrebbero dover effettuare riduzioni fino al 54%.

Mentre l’atmosfera si oscura, leader e dirigenti stanno facendo pubblici appelli per un razionamento che sarebbe stato impensabile solo pochi mesi fa.

In Francia, gli amministratori delegati di tre delle più grandi compagnie energetiche del paese hanno chiesto alle persone di risparmiare energia in un editoriale congiunto.

I politici olandesi hanno esortato i cittadini a fare docce più brevi e a ridurre il riscaldamento per combattere la crisi.

Le autorità locali in Germania stanno ricorrendo a misure tra cui l’oscuramento dei lampioni e la riduzione delle temperature nelle piscine all’aperto, dopo che il mese scorso il paese ha attivato un allarme di emergenza di fase due.

E mentre i legislatori dell’UE hanno incoraggiato i progressi su una nuova regolamentazione obbligatoria sulla fornitura di gas che richiederebbe il riempimento dello stoccaggio all’80% entro novembre, i negoziatori stanno ancora litigando ferocemente su chi paga per il gas e chi ottiene l’accesso prioritario in caso di emergenza.

I livelli di archiviazione attuali sono al 61,6%, secondo i dati in tempo reale.

Quando è pieno, lo stoccaggio del blocco può contenere circa un quinto del suo consumo annuale, ma le strutture non sono progettate per essere ridotte a zero e sono distribuite in modo non uniforme in tutto il continente, rendendo tutt’altro che certa la parità di accesso in caso di crisi.

Finora almeno 10 paesi dell’UE hanno attivato la prima fase di “allarme rapido” dei loro piani di emergenza, che Bruxelles ha richiesto ai membri di avere in vigore dal 2017.

Fortemente dipendente dal gas russo, la Germania è l’unico paese ad aver attivato la seconda fase. L’attivazione della terza fase consentirebbe a Berlino di intervenire sul mercato e di diventare il coordinatore nazionale dell’approvvigionamento energetico, determinando chi merita il gas e chi no.

In uno scenario del genere, i politici probabilmente inizierebbero tagliando settori non essenziali come il settore automobilistico, seguito da altre industrie, quindi servizi sociali e infine riscaldamento residenziale.

Lunedì, Germania e Repubblica Ceca si sono impegnate congiuntamente a rimanere unite per fornire cooperazione operativa e coordinamento in caso di interruzione completa delle forniture di gas che potrebbe verificarsi nelle prossime settimane.

Ma molti temono uno scenario a sé stante in cui i paesi mantengono il gas all’interno dei propri confini.

Ecco perché la Commissione Europea incoraggia i Paesi a definire “accordi di solidarietà” transfrontalieri volontari per condividere il gas nei momenti di bisogno.

Finora sono stati stabiliti solo sei accordi di questo tipo e “il problema è che potrebbe non essere abbastanza forte” perché questi accordi bilaterali non hanno un meccanismo di applicazione.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento