Home Attualità La Corte Suprema degli Stati Uniti rimane in attesa delle dichiarazioni dei redditi di Trump

La Corte Suprema degli Stati Uniti rimane in attesa delle dichiarazioni dei redditi di Trump

by Nik Cooper

Donald Trump ha subito una grave battuta d’arresto lunedì nella sua lunga battaglia legale che lo vede indagato per aver, presumibilmente, nascosto i dettagli delle sue finanze mentre la Corte Suprema degli Stati Uniti ha aperto la strada a un pubblico ministero di New York City per ottenere le dichiarazioni dei redditi e altri documenti dell’ex presidente come parte di un’indagine penale accelerata.

I giudici senza commenti hanno respinto la richiesta di Trump di sospendere una sentenza del tribunale di grado inferiore del 7 ottobre che ordinava alla società di contabilità di lunga data dell’uomo d’affari repubblicano diventato politico, Mazars USA, di conformarsi a una citazione per consegnare i materiali a un gran giurì convocato da Manhattan. Il procuratore distrettuale Cyrus Vance, un democratico.

“Il lavoro continua”, ha detto Vance in una dichiarazione rilasciata dopo l’azione del tribunale.

Trump ha rilasciato una dichiarazione descrivendo l’indagine di Vance come parte della “più grande caccia alle streghe politica nella storia del nostro paese”, accusando i democratici di New York di spendere le loro energie per abbattere un avversario politico invece di affrontare crimini violenti.

“Questo è fascismo, non giustizia – ed è esattamente quello che stanno cercando di fare nei miei confronti, tranne per il fatto che la gente del nostro Paese non lo sopporterà”, ha aggiunto Trump.

L’azione della Corte Suprema non richiede a Trump di fare nulla. I documenti coinvolti nella controversia sono stati richiesti da una terza parte, Mazars, non dallo stesso Trump. Vance in precedenza aveva detto agli avvocati di Trump che il suo ufficio sarebbe stato libero di applicare immediatamente la citazione se i giudici avessero respinto la richiesta di Trump.

Un portavoce di Mazars ha affermato che la società “resta impegnata a soddisfare tutti i nostri obblighi professionali e legali”.

A differenza di tutti gli altri recenti presidenti degli Stati Uniti, Trump si è rifiutato di rendere pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi. I dati potrebbero fornire dettagli sulla sua ricchezza e sulle attività della sua società immobiliare di famiglia, la Trump Organization.

L’azione della Corte Suprema, che ha seguito l’assunzione questo mese da parte di Vance di un importante avvocato con una profonda esperienza in casi di colletti bianchi e criminalità organizzata, potrebbe stimolare le indagini del procuratore distrettuale sull’Organizzazione Trump a seguito di una raffica di recenti citazioni in giudizio.

L’ufficio di Vance aveva citato in giudizio un’agenzia per le tasse sulla proprietà di New York City, suggerendo che i pubblici ministeri stanno esaminando gli sforzi di Trump per ridurre le sue tasse sugli immobili commerciali per possibili prove di frode.

La Corte Suprema, la cui maggioranza conservatrice 6-3 comprende tre nominati Trump, si era già pronunciata una volta nella disputa di citazione, lo scorso luglio respingendo l’ampia argomentazione di Trump secondo cui era immune da indagini penali come presidente in carica.

Trump, che ha lasciato l’incarico il 20 gennaio dopo aver perso le elezioni del 3 novembre contro il democratico Joe Biden, continua ad affrontare una serie di questioni legali riguardanti la condotta personale e professionale.

Vance ha citato Mazars nel 2019 chiedendo le dichiarazioni dei redditi societari e personali di Trump dal 2011 al 2018. Gli avvocati di Trump hanno fatto causa per bloccare la citazione, sostenendo che un presidente in carica ha un’immunità assoluta dalle indagini penali statali.

La Corte Suprema di luglio ha respinto tali argomenti, ma ha affermato che Trump potrebbe sollevare altre obiezioni in merito alla citazione. Gli avvocati di Trump hanno poi detto ai tribunali inferiori che il mandato di comparizione era eccessivamente ampio e equivaleva a molestie politiche. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Victor Marrero in agosto e la seconda corte d’appello del circuito degli Stati Uniti con sede a New York in ottobre hanno respinto tali affermazioni.

L’indagine di Vance si è inizialmente concentrata sui soldi pagati dall’ex avvocato e fixer di Trump Michael Cohen prima delle elezioni del 2016 per l’attrice di film per adulti Stormy Daniels e l’ex modella di Playboy Karen McDougal. Le due donne hanno detto di aver avuto rapporti sessuali con Trump, cosa che lui ha negato.

In recenti documenti giudiziari, Vance ha suggerito che l’indagine è ora più ampia e potrebbe concentrarsi su potenziali frodi bancarie, fiscali e assicurative, nonché sulla falsificazione di documenti aziendali.

“La Corte Suprema ha ora proclamato che nessuno è al di sopra della legge. Trump, per la prima volta, dovrà assumersi la responsabilità delle proprie azioni sporche”, ha detto Cohen in una dichiarazione.

Lunedì la corte ha respinto separatamente l’offerta di Daniels di rilanciare la sua causa per diffamazione contro Trump.

In un contenzioso separato, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti a guida democratica sta cercando record simili a Trump da Mazars e Deutsche Bank.

Il New York Times ha riferito l’anno scorso che Trump avesse pagato solo $ 750 in tasse federali sul reddito sia nel 2016 che nel 2017, e nessuna imposta sul reddito in 10 dei 15 anni precedenti, riflettendo le perdite croniche di affari che aveva usato per evitare di pagare le tasse. Trump ha contestato il rapporto del Times. Ma dove è la verità?

Trump, molto probabilmente, ha molti scheletri nell’armadio, come molti altri suoi colleghi arrivati a quei livelli. Ma cosa sta succedendo? La persecuzione Dem è lampante nei confronti del tycoon e fra un po’ si vedranno, in tribunale, anche multe per eccesso di velocità pur di far fuori Pumpkin Trump, sempre più solo.

Chi sbaglia deve pagare, questo è certo. E se Trump avesse sbagliato, qui nessuno chiederebbe l’amnistia. Ma, siamo proprio sicuri del fatto che Trump, essendo un personaggio scomodo, non sia vittima di un accanimento giudiziario che vada ben oltre la normale prassi? Vengono utilizzati gli stessi parametri utilizzati con tutti gli altri cittadini statunitensi?!? Non credo proprio.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento