Home Approfondimenti I bambini dello Yemen muoiono di fame

I bambini dello Yemen muoiono di fame

by Freelance

L’ONU alla ricerca di fondi per evitare una vasta carestia “provocata dall’uomo”

Di Ginevra Lestingi

Gli occhi di Ahmadiya Juaidi sono spalancati mentre beve un frullato nutritivo da una grande tazza arancione, le sue dita sottili afferrano il manico. I suoi capelli sono tirati indietro e intorno al collo è appesa una collana d’argento con un cuore e la lettera A.

Tre settimane fa la tredicenne pesava solo nove chilogrammi quando è stata ricoverata all’ospedale al-Sabeen nella capitale dello Yemen Sanaa per la malnutrizione che l’ha ammalata per almeno gli ultimi quattro anni. Ora pesa 15 chilogrammi.

“Temo che quando torneremo in campagna le sue condizioni peggioreranno di nuovo a causa della mancanza di cibo nutritivo. Non abbiamo entrate”, ha detto suo fratello maggiore, Muhammad Abdo Taher Shami.

Sono tra i circa 16 milioni di yemeniti – più della metà della popolazione del paese della penisola arabica – che secondo le Nazioni Unite stanno soffrendo la fame. Di questi, cinque milioni sono sull’orlo della carestia, avverte Mark Lowcock, capo degli aiuti delle Nazioni Unite.

Lunedì le Nazioni Unite sperano di raccogliere circa 3,85 miliardi di dollari in un evento virtuale di impegno per evitare quella che Lowcock dice sarebbe una carestia “provocata dall’uomo” su larga scala, la peggiore che il mondo avrà visto per decenni.

Più di sei anni di guerra in Yemen – ampiamente visto come un conflitto per procura tra Arabia Saudita e Iran – hanno spinto il paese impoverito in quella che le Nazioni Unite descrivono come la più grande crisi umanitaria del mondo.

Circa l’80% degli yemeniti ha bisogno di aiuto, con 400.000 bambini sotto i cinque anni gravemente malnutriti, secondo i dati delle Nazioni Unite. Per gran parte del suo cibo, il paese fa affidamento sulle importazioni che sono state gravemente interrotte nel corso degli anni da tutte le parti in guerra.

“Prima della guerra lo Yemen era un paese povero con un problema di malnutrizione, ma aveva un’economia funzionante, un governo che forniva servizi a un bel po’ di persone, un’infrastruttura nazionale e una base di esportazione”, ha detto ai giornalisti Lowcock. “La guerra ha in gran parte distrutto tutto questo”.

FAME VS PANDEMIA

Una coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita è intervenuta nello Yemen nel 2015 dopo che il gruppo Houthi, alleato dell’Iran, ha estromesso il governo del paese da Sanaa. Gli Houthi dicono che stanno combattendo un sistema corrotto. La sofferenza della gente è stata aggravata da un crollo economico e valutario e dalla pandemia COVID-19.

I funzionari delle Nazioni Unite stanno cercando di rilanciare i colloqui di pace e il nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che lo Yemen è una priorità, dichiarando l’interruzione del sostegno degli Stati Uniti alla campagna militare guidata dai sauditi e chiedendo che la guerra “debba finire”.

Dodici gruppi umanitari, tra cui Oxfam, Save the Children e Care International, hanno avvertito che 2,3 milioni di bambini sotto i cinque anni nello Yemen soffriranno la fame quest’anno se i governi non aumenteranno i finanziamenti lunedì.

Muhsin Siddiquey, direttore nazionale di Oxfam nello Yemen, ha raccontato una conversazione con una donna di 18 anni, sfollata a causa del conflitto e che vive in un campo nel nord dello Yemen.

“Ha detto che la pandemia di coronavirus ci offre due scelte crudeli: o restiamo a casa e moriamo di fame, oppure usciamo e poi moriamo a causa della malattia”, ha detto Siddiquey.

Secondo le Nazioni Unite e le agenzie umanitarie, i dati ufficiali sottovalutano ampiamente la diffusione del COVID-19 nello Yemen.

Nel 2018 e nel 2019, le Nazioni Unite hanno impedito la carestia grazie a un appello di aiuti ben finanziato, che includeva ingenti donazioni dall’Arabia Saudita, dagli Emirati Arabi Uniti e dal Kuwait.

Nel 2020 le Nazioni Unite hanno ricevuto solo poco più della metà dei 3,4 miliardi di dollari di cui avevano bisogno, che secondo Lowcock erano in gran parte dovuti ai contributi minori dei paesi del Golfo. Li ha esortati a impegnarsi generosamente per il 2021 e a pagare rapidamente. Gli Emirati Arabi Uniti hanno dichiarato venerdì che avrebbero promesso 230 milioni di dollari per il 2021.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento