Home Attualità Guerra in Ucraina: Putin pronto ad utilizzare la forza al di fuori della Russia

Guerra in Ucraina: Putin pronto ad utilizzare la forza al di fuori della Russia

by Freelance

Di Mimmo Di Maggio

Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato truppe in due regioni controllate dai ribelli nell’Ucraina orientale, dopo averle riconosciute come stati indipendenti.

La Russia ha affermato che le truppe non sono ancora state dispiegate, ma che manterranno la pace nelle regioni, cosa che sostiene dal 2014.

Gli Stati Uniti hanno detto che chiamarli peacekeeper era “una sciocchezza” e hanno accusato la Russia di creare un pretesto per la guerra.

Diversi paesi hanno annunciato sanzioni in risposta.

Il presidente dell’Ucraina ha affermato che il suo Paese “non ha paura di niente e di nessuno”.

In un discorso televisivo a tarda notte alla nazione, il presidente Volodymyr Zelensky ha chiesto “azioni di sostegno chiare ed efficaci” da parte degli alleati internazionali dell’Ucraina.

“È molto importante vedere ora chi è il nostro vero amico e partner e chi continuerà a spaventare la Federazione Russa solo a parole”, ha aggiunto.

I timori per un’invasione sono aumentati negli ultimi mesi, poiché la Russia ha ammassato circa 150.000 soldati lungo i confini dell’Ucraina, secondo le stime degli Stati Uniti.

In una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l’ambasciatrice statunitense Linda Thomas-Greenfield ha respinto le affermazioni della Russia secondo cui le truppe avrebbero assunto un ruolo di “mantenimento della pace”, dicendo: “Sappiamo cosa sono veramente”.

Riconoscere Luhansk e Donetsk come indipendenti faceva parte del tentativo della Russia di creare una ragione per invadere l’Ucraina, ha affermato.

La Russia ha sostenuto una sanguinosa ribellione armata nell’Ucraina orientale negli ultimi otto anni. Da allora circa 14.000 persone, tra cui molti civili, sono morte nei combattimenti.

Negli ultimi anni, i passaporti russi sono stati rilasciati a un gran numero di persone a Donetsk e Luhansk.

Le aree controllate dai ribelli hanno evacuato donne, bambini e anziani in Russia dalla fine della scorsa settimana.

In un discorso di un’ora lunedì, Putin ha affermato che l’Ucraina è parte integrante della storia del suo paese e ha descritto l’Ucraina orientale come “antiche terre russe”.

L’ambasciatore russo delle Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha sostenuto la necessità di difendere le aree controllate dai ribelli nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, da quella che ha definito l’aggressione ucraina. “Consentire un nuovo bagno di sangue nel Donbas è qualcosa che non intendiamo fare”, ha detto.

Ma Zelensky ha affermato che il riconoscimento da parte di Mosca delle regioni controllate dai ribelli rappresentava una minaccia per la sicurezza dell’Ucraina e di altre nazioni europee.

“Se avessimo un’escalation su vasta scala… i nostri vicini sarebbero messi a rischio”, ha detto.

“Una raffica di sanzioni”

Le potenze occidentali si sono radunate dietro l’Ucraina, promettendo severe sanzioni contro la Russia in caso di invasione, anche se non è ancora chiaro quanto possa essere efficace questa mossa.

Gli Stati Uniti hanno prontamente condannato la mossa di Putin e il presidente Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo che vieta nuovi investimenti, scambi e finanziamenti da parte degli americani nelle regioni separatiste. La Casa Bianca ha affermato che le misure sono separate dalle più ampie sanzioni occidentali che sono pronte ad andare “se la Russia dovesse invadere ulteriormente l’Ucraina”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che la Russia ha violato la sovranità ucraina e “completamente lacerato” il diritto internazionale. Ha detto che Putin è apparso “intenzionato a un’invasione su vasta scala” e ha promesso una “sbarra di sanzioni”.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che stava interrompendo il processo di certificazione del controverso gasdotto Nord Stream 2 a causa delle azioni della Russia.

Il gasdotto tra Russia e Germania è stato completato lo scorso settembre ma non è ancora operativo. Correndo sotto il Mar Baltico, raddoppierebbe le esportazioni di gas di Mosca verso la Germania e eluderebbe l’Ucraina, che per il suo reddito fa affidamento sui gasdotti esistenti.

L’Unione europea si è impegnata a “reagire con unità, fermezza e determinazione in solidarietà con l’Ucraina”.

Sia Scholz che il presidente francese Emmanuel Macron hanno parlato con il leader russo prima del suo annuncio.

Intanto Putin chiede il permesso ai legislatori di usare la forza al di fuori della Russia. Ciò potrebbe aprire la strada a un attacco più ampio contro l’Ucraina.

Il ministero della Difesa russo afferma che intende “difendere i residenti delle repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk”. Mentre uno dei viceministri della difesa russo ha affermato che alla Russia “non era rimasta altra scelta”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento