Home Cronaca Guerra in Siria: esplosioni mortali di bombe hanno colpito un autobus militare a Damasco

Guerra in Siria: esplosioni mortali di bombe hanno colpito un autobus militare a Damasco

by Freelance

Di Miriam Lestingi

Un attentato dinamitardo su un autobus militare nel centro di Damasco ha ucciso 14 persone, affermano i media statali siriani.

Due ordigni attaccati al veicolo sono esplosi mentre passava sotto il ponte Jisr al-Rais durante l’ora di punta mattutina, ha riferito l’agenzia di stampa Sana.

Sebbene la Siria sia coinvolta nella guerra civile da un decennio, tali attacchi nella capitale sono sempre più rari.

Poco dopo, secondo quanto riferito, i proiettili dell’esercito hanno ucciso almeno 10 persone nel nord-ovest detenuto dall’opposizione.

La regione è l’ultima roccaforte dei gruppi ribelli e jihadisti che dal 2011 cercano di rovesciare il presidente Bashar al-Assad.

La guerra ha causato la morte di almeno 350.000 persone e ha costretto la metà della popolazione a fuggire dalle proprie case, compresi quasi sei milioni di rifugiati all’estero.

Secondo quanto riferito, l’attentato di mercoledì a Damasco è stato il più mortale in città dal marzo 2017, quando 31 persone sono state uccise in un attacco suicida al complesso giudiziario principale rivendicato dal gruppo jihadista Stato islamico (IS).

Il video della scena mostrava i resti carbonizzati dell’autobus, con il fumo che usciva dai finestrini rotti mentre i vigili del fuoco spegnevano le fiamme. Inoltre è stato riferito che gli artificieri militari hanno disinnescato un terzo ordigno esplosivo caduto dal veicolo. Il comandante della polizia di Damasco Maj Gen Hussein Jumaa ha definito l’attacco un “atto codardo”.

Nessun gruppo ha ancora affermato di essere dietro l’attentato, ma i sospetti ricadranno sull’IS, che quest’anno ha attaccato veicoli militari nell’est del Paese.

Quattro bambini e una donna sono tra le 10 persone uccise nella città di Ariha, nella provincia nord-occidentale di Idlib, secondo la Protezione civile siriana, i cui soccorritori sono ampiamente conosciuti come i Caschi Bianchi.

Altre 20 persone sono rimaste ferite, alcune delle quali in modo grave, quando i proiettili hanno colpito aree residenziali e un mercato affollato in un momento in cui i bambini stavano andando a scuola, ha detto l’organizzazione, accusando le forze filo-governative.

La Siria nord-occidentale ha visto violenze sporadiche da quando un cessate il fuoco mediato nel marzo 2020 da Turchia e Russia ha posto fine a un’offensiva del governo.

La Turchia, che sostiene l’opposizione, e la Russia, un alleato chiave di Assad, hanno dispiegato truppe nella regione nel tentativo di prevenire una grave escalation.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento