Home Attualità Cosa cova dietro le perquisizioni delle “carte” di Report

Cosa cova dietro le perquisizioni delle “carte” di Report

by Freelance
Di Mario Ravidà, Commissario della Polizia di Stato in quiescenza e per 20 anni in servizio alla DIA.

Come può un atto giudiziario dare la possibilità di fare una perquisizione per ricercare le “carte” di Paolo Mondani dopo la trasmissione di lunedì scorso di Report, in cui venivano mostrate determinate e gravissime connessioni tra la mafia e l’eversione nera?

I Magistrati che hanno firmato quel decreto di perquisizione e poi, peggio ancora, hanno accusato Mondani di “imboccare” gli intervistati prima della messa in onda del programma, senza alcuna denuncia per questa grave accusa, ( per quanto risulti da organi di stampa) per poi “ritirare” anche il decreto di perquisizione.

Che impressione hanno dato al paese e ai cittadini di questa Nazione che dovrebbe riporre la loro fiducia verso chi indaga?

E’ da 30 anni che si aspettano le collusioni e connessioni Istituzionali con “Cosa nostra” che determinarono stragi e omicidi eccellenti di fedeli servitori dello Stato e non solo?

Vi dico l’impressione che ho avuto io, che per 40 anni ho fatto il Poliziotto in settori antimafia e che pertanto a seguito di tale esperienza lavorativa di una vita, mi intendo quanto basta di iniziative come il decreto di perquisizione in argomento:
se si fosse voluto acquisire gli atti della trasmissione Report, senza dietrologie e senza alcun presupposto di reato, avreste dovuto richiederle e sono sicuro che Report, Ranucci e Mondani, avrebbero volentieri e con enorme piacere fornito tutto quello che era in loro possesso per favorire la ricerca della verità; se si fosse ritenuto che vi erano dei reati nel rappresentare all’opinione pubblica quello che hanno mostrato nella puntata di Report dello scorso lunedì, unitamente al decreto di perquisizione, doveva scattare una denuncia indicando il reato per cui si procedeva alla perquisizione, al fine di ricercare ulteriori elementi per supportare quel reato provato o supposto.

Da quello che risulta da notizie apprese pubblicamente, nessuno dei tali presupposti giustificava l’emissione di quell’atto apparso estremamente aggressivo nei confronti, ripeto, di chi ha sempre dimostrato di voler ricercare la verità!

Pertanto, anche alla luce del ritiro dell’atto di perquisizione che cosa ha voluto dimostrare la Procura di Caltanissetta? E quale impressione è stata data all’opinione pubblica?

Credo (ma questo è un mio parere che può anche non essere condiviso) che sia aumentata in coloro che attendono da 30 anni tutta la verità, una diffidenza verso chi sta indagando per appurare diverse e altre responsabilità nelle stragi e negli omicidi eclatanti accaduti in quegli anni.

Non è questo il tipo di atteggiamento che gli onesti e coloro che attendono pazientemente da 30 anni si aspettano!

Quello che si spera è che finalmente qualcuno si prenda la briga di valutare quello che è gravemente emerso durante il processo stato-mafia; che si contestino a chi devono essere contestati, i reati di omissione in ordine a mancate perquisizioni, mancate indagini e mancate catture!

Credo sia ora di fare piena luce su tutto e si spera che finalmente si appurino e si contestino gli assurdi e le incomprensibili omissioni sui fatti emersi e su cui nessuno, per quanto mi risulti, ha effettuato perquisizioni o atti similari come quelle effettuate a carico di Mondani e di Report.

Sono troppi anni, ora basta!

Credo che tutti gli appartenenti alle Forze dell’Ordine, tutti i parenti delle vittime e tutta l’opinione pubblica di questo Paese, vuole immediatamente sapere perché e per cosa hanno sacrificato la propria vita i propri colleghi e i propri congiunti, pretendendo immediata verità e giustizia, attesa da troppi, tanti, tantissimi anni!!

Perché questa perquisizione?

Si sono valutate le connessioni con quanto emerso al Processo stato-mafia in ordine alle dichiarazioni dell’ex appartenente ai Servizi Segreti Col. CC Massimo Giraudo che si incastrano perfettamente con quanto scoperto da Report? E su cui si é sempre avuta la presenza del Col. Mario Mori!

Potrebbe interessarti

Lascia un commento