Home Attualità Armi Usa: Cos’è l’NRA e per quale motivo influenza così tanto la politica?

Armi Usa: Cos’è l’NRA e per quale motivo influenza così tanto la politica?

by Nik Cooper

Dopo la terribile tragedia consumata in Texas, che ha provocato la morte di 19 bambini e due adulti, il presidente Biden improvvisa il suo teatrino e, dopo aver venduto armi a più di mezzo mondo creando escalation e conflitti, dice in farsesco: “Quando ci opporremo alla lobby delle armi?”

La National Rifle Association (NRA) è un gruppo di difesa delle armi che ha un’influenza significativa nella politica degli Stati Uniti.

Il gruppo spende ufficialmente circa $ 3 milioni all’anno per influenzare la politica sulle armi, con notevoli somme aggiuntive spese indirettamente.

Ad ogni ciclo elettorale, l’NRA assegna voti in lettere (tra A e F) a ciascun politico statunitense in corsa per la carica.

I voti si basano sul record di difesa delle armi da parte di un politico, compreso quanto sono stati espliciti sui diritti sulle armi e come hanno votato in passato sulle leggi sulle armi.

Nell’ultimo decennio, queste valutazioni sono diventate sempre più suddivise in linee di partito.

Nel 2020, il 94% dei repubblicani in corsa per una carica ha ricevuto un voto A dall’NRA (la più alta categoria pro-armi).

Questo è cambiato in modo significativo nel tempo, fortunatamente. Nel 2010, più di un quarto dei democratici in corsa per una carica ha ricevuto un voto A. Entro il 2020, c’era solo un democratico rimasto in questo gruppo.

L’elenco completo dei voti dell’NRA per i midterm statunitensi del 2022 deve ancora essere pubblicato, ma il divario ideologico mostra pochi segni di restringimento.

NRA sta per National Rifle Association. Il gruppo è stato fondato nel 1871 da due veterani della guerra civile statunitense come gruppo ricreativo progettato per “promuovere e incoraggiare il tiro con la carabina su base scientifica”.

Il percorso dell’NRA nel lobbismo politico iniziò nel 1934 quando iniziò a scrivere ai membri con informazioni sulle imminenti proposte di legge sulle armi da fuoco.

L’associazione ha sostenuto due importanti atti di controllo delle armi, il National Firearms Act del 1934 (NFA) e il Gun Control Act del 1968 (GCA), ma è diventata più attiva politicamente in seguito all’approvazione del GCA negli anni ’70.

Nel 1975 iniziò a tentare di influenzare la politica direttamente attraverso un braccio di lobby di nuova formazione, l’Institute for Legislative Action.

Nel 1977 ha formato il proprio Comitato di azione politica (PAC), per convogliare fondi ai legislatori.

L’NRA è ora tra i più potenti gruppi di interesse speciale negli Stati Uniti, con un budget sostanzioso per influenzare i membri del Congresso sulla politica delle armi. È gestito dal vicepresidente esecutivo Wayne LaPierre.

I pubblici ministeri di New York e Washington DC stanno attualmente combattendo una battaglia legale per sciogliere l’organizzazione, a causa delle accuse secondo cui la dirigenza senior ha abusato di un fondo di beneficenza, reindirizzando i soldi per sontuose spese personali.

Ma quanto è grande il suo budget?

Nel 2020, l’NRA ha speso circa $ 250 milioni all’anno, molto più di tutti i gruppi di difesa del controllo delle armi del paese messi insieme. Ma l’NRA ha un numero di membri molto più ampio di qualsiasi di questi gruppi e usa i suoi fondi per cose come poligoni di tiro e programmi educativi.

In termini di lobby, l’NRA spende ufficialmente circa 3 milioni di dollari all’anno per influenzare la politica sulle armi: l’importo registrato speso per lobbismo nel 2014 è stato di 3,3 milioni di dollari. Tuttavia, questi sono solo i contributi registrati ai legislatori e somme considerevoli vengono spese altrove tramite PAC e contributi indipendenti, fondi difficili da rintracciare.

Gli analisti sottolineano che l’NRA esercita anche una notevole influenza indiretta attraverso i suoi membri politicamente impegnati, molti dei quali voteranno in un modo o nell’altro sulla base di questa singola questione.

L’NRA valuta pubblicamente i membri del Congresso degli Stati Uniti da A a F in base alla loro percepita cordialità nei confronti dei diritti delle armi. Tali valutazioni possono avere un grave effetto sui numeri dei sondaggi e persino costare un seggio ai candidati pro-gun control.

Dopo l’elezione di Donald Trump nel 2016, la spesa dell’ANR per le campagne politiche è diminuita. Ciò è avvenuto durante l’ascesa dei gruppi pro-controllo, che hanno ricevuto milioni di dollari da sostenitori che si oppongono alla maggior parte delle politiche dell’NRA.

È stato stimato che i gruppi di controllo delle armi potrebbero aver speso più dell’NRA per questa misura per la prima volta in assoluto nel 2018.

Le stime dei membri dell’NRA hanno variato ampiamente per decenni. L’associazione ha affermato che i membri sono saliti a quasi cinque milioni in risposta alla sparatoria di massa alla scuola di Sandy Hook nel 2012, ma alcuni analisti hanno stimato che la cifra si avvicini a tre milioni.

L’NRA ha vantato nel corso degli anni alcuni membri di alto profilo, incluso il defunto ex presidente George HW Bush.

Si è dimesso dal gruppo nel 1995 dopo che LaPierre ha definito gli agenti federali “delinquenti con gli stivali” sulla scia di un attentato a un edificio governativo a Oklahoma City.

I membri attuali includono l’ex candidata alla vicepresidenza Sarah Palin e gli attori Tom Selleck e Whoopi Goldberg.

Il defunto attore Charlton Heston è stato presidente della NRA tra il 1998 e il 2003. Heston notoriamente tenne un fucile sopra la testa a una convention della NRA dopo la sparatoria di massa della Columbine High School nel 1999, dicendo ai sostenitori del controllo delle armi che avrebbero dovuto prenderlo “dalle mie mani fredde e morte”.

L’NRA fa forti pressioni contro tutte le forme di controllo delle armi e sostiene la folle teoria che più armi rendono il paese più sicuro.

Si basa e difende strenuamente un’interpretazione controversa del Secondo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, che conferisce ai cittadini statunitensi il diritto di portare armi senza alcun controllo del governo.

L’associazione ha dovuto affrontare critiche da entrambi i lati dello spettro politico sulla scia della sparatoria a Sandy Hook, quando il signor LaPierre ha affermato che la colpa della tragedia era la mancanza di una guardia armata nella scuola.

Si oppone fermamente alla maggior parte delle leggi locali, statali e federali che limiterebbero il possesso di armi.

Ad esempio, ha fatto pressioni affinché le armi confiscate dalla polizia venissero rivendute, sostenendo che distruggere le armi fosse, in effetti, uno spreco di armi perfettamente buone.

Allo stesso modo, sostiene fermamente la legislazione che amplia i diritti sulle armi come le leggi “open-carry”, che consentono ai proprietari di armi di portare le loro armi, non nascoste, nella maggior parte dei luoghi pubblici.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento