Home Attualità Afghanistan: I combattimenti di strada infuriano mentre i talebani attaccano le città

Afghanistan: I combattimenti di strada infuriano mentre i talebani attaccano le città

by Freelance

Di Mimmo Di Maggio

Feroci combattimenti sono in corso in una grande città afghana, nel timore che possa essere la prima capitale di provincia a cadere nelle mani dei talebani.

Lashkar Gah, nella provincia meridionale di Helmand, è sotto pesante assalto dei militanti, nonostante i persistenti attacchi aerei statunitensi e afgani.

Si dice che i talebani abbiano sequestrato una stazione televisiva. Migliaia di persone in fuga dalle zone rurali si sono rifugiate negli edifici. “Ci sono combattimenti tutt’intorno”, ha detto un medico dal suo ospedale.

Centinaia di rinforzi afgani sono stati schierati per combattere i militanti. I talebani hanno compiuto rapidi progressi negli ultimi mesi poiché le forze statunitensi si sono ritirate dopo 20 anni di operazioni militari nel paese.

Helmand è stato il fulcro della campagna militare statunitense e britannica, e le conquiste dei talebani sarebbero state un duro colpo per il governo afghano.

Se Lashkar Gah cadesse, sarebbe il primo capoluogo di provincia conquistato dai talebani dal 2016. È uno dei tre capoluoghi di provincia sotto attacco.

Un comandante militare afghano nella città ha avvertito che una vittoria dei talebani avrebbe “un effetto devastante sulla sicurezza globale”.

“Questa non è una guerra in Afghanistan, questa è una guerra tra libertà e totalitarismo”, ha detto il maggiore generale Sami Sadaat.

Lunedì, il ministero dell’informazione afghano ha annunciato che 11 reti radiofoniche e quattro reti televisive nella provincia di Helmand hanno interrotto le trasmissioni a causa di quelli che ha descritto come “attacchi e minacce” dei talebani.

I tentativi dei militanti di catturare Kandahar, la seconda città più grande dell’Afghanistan, sono continuati dopo che i missili hanno colpito il suo aeroporto domenica.

Prendere il controllo di Kandahar sarebbe una vittoria enormemente simbolica per i talebani, che darebbe loro una presa sul sud del paese.

In una terza città assediata, Herat, a ovest, i commando governativi stanno combattendo gli insorti dopo giorni di aspri combattimenti. Le forze governative hanno ripreso alcune aree dopo che venerdì è stato attaccato un complesso delle Nazioni Unite.

I video condivisi sui social media sembravano mostrare i residenti per le strade e sui tetti di Herat gridare “Allahu akbar” (“Dio è il più grande”) a sostegno dei guadagni del governo.

Mentre le forze governative lottavano per contenere l’avanzata dei talebani, il presidente Ashraf Ghani ha incolpato l’improvviso ritiro delle truppe statunitensi per l’aumento dei combattimenti.

“La ragione della nostra situazione attuale è che la decisione è stata presa all’improvviso”, ha detto al parlamento.

Ghani ha detto di aver avvertito Washington che il ritiro avrebbe avuto “conseguenze”.

Sebbene quasi tutte le sue forze militari se ne siano andate, gli Stati Uniti hanno continuato la loro offensiva aerea a sostegno delle truppe governative. Gli scioperi contro Lashkar Gah sono proseguiti nella tarda serata di lunedì.

L’amministrazione del presidente Biden ha annunciato lunedì che, a causa dell’aumento della violenza, ci sarebbero altre migliaia di rifugiati afgani che hanno lavorato con le forze statunitensi.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno accusato i talebani di aver commesso possibili crimini di guerra “massacrando civili” in una città catturata vicino al confine con il Pakistan.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato di aver visto rapporti di atrocità talebane “profondamente inquietanti e totalmente inaccettabili”, però come al solito tanta vuota retorica e nessun fatto.

I video raccapriccianti emersi da Spin Boldak apparentemente mostravano omicidi per vendetta. I talebani hanno respinto le accuse.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento