Home In evidenza Salvini e Letta duellano a colpi di fango e arroganza

Salvini e Letta duellano a colpi di fango e arroganza

by Romano Franco

E’ ancora guerra fredda tra Letta e Salvini. L’ennesimo volo di stracci e fango si è verificato questa volta dopo l’ennesimo invito/sfida del segretario della Lega per la tanto agognata modifica al ddl Zan. Così Salvini provoca dicendo: “Propongo a Enrico Letta, per l’ennesima volta, una mediazione come chiesto anche dalla Santa Sede. Vediamoci martedì, prima che il testo arrivi in Aula, per togliere i punti critici degli articoli 1, 4 e 7. Se Letta non accettasse, la legge Zan finirebbe male e tutta la responsabilità cadrebbe sulle spalle del Pd”, è questo il messaggio del leader della Lega.

La replica testarda di Letta non vede ritrattazioni o discussioni extra, e così risponde al Carroccio: “Il Pd prosegue per la sua strada, di disegno di legge Zan si parla in Parlamento. Con chi ha 2 facce semplicemente non ci discuto: non è immaginabile che sul tema dei diritti il nostro interlocutore sia una persona che nello stesso giorno chiede a noi di trattare e sostiene che sia fatta bene la legge ungherese anti lgbtqi+.  E’ un interlocutore inaffidabile, se Salvini vuole parlare con noi condanni pubblicamente la legge ungherese”.

Ad un’accusa mirata, Salvini risponde in maniera quasi infantile: “Letta preferisce lo scontro al buonsenso, la Lega ha raccolto l’invito al dialogo proposto dal Vaticano e da tante associazioni, spiace che invece Letta e il Pd non vogliano ascoltare nessuno e preferiscano lo scontro al buonsenso”, in effetti è difficile prevedere una trattativa giusta e corretta con chi sostiene la legge omofoba di Orban.

“Invito Salvini a vaccinarsi e a dare il buon esempio, a fare un gesto utile”, aggiunge il segretario del Pd. Poi, con fare da dittatorino ribadisce: “Il green pass dobbiamo farlo, punto. Dobbiamo fidarci della regole, essere irresponsabili e sottovalutare il green pass significa voler male all’Italia e agli italiani”.

Peccato che dopo quasi due anni di sacrifici e con tanti errori fatti, per non parlare della crisi economica e sociale scaturita, si parla ancora con arroganza e saccenza. Un vaccino che contrasta al 30% il virus di per sé non è molto efficace caro segretario del Pd. Per non parlare delle varianti che verranno.

Se venissero distribuiti tamponi gratis e se ci fosse un servizio pubblico che non si arricchisce dai tamponi, si potrebbe essere pure d’accordo con il segretario del Pd; dare il green pass solo a chi ha fatto il tampone potrebbe essere una soluzione per riuscire a rintracciare subito i focolai.

Ma non si può obbligare la popolazione a iniettarsi un vaccino che non è già più efficace. I morti di covid sono sempre gli stessi dall’anno scorso, non sono diminuiti nonostante la vaccinazione. Perché gli esperti non spiegano questo dato piuttosto che imporre regole e dettare restrizioni da monarca francese.

Quanto dura le protezione del vaccino? Quali sono gli effetti collaterali nel tempo? Sono domande alle quali nessuno può rispondere, neanche i più esperti. Certo ci possono essere teorie e speculazioni, positive o negative, ma per avere la certezza c’è bisogno di più tempo.

Tra quelle speculazioni c’è anche la teoria più inquietante. A causa del disequilibrio creato dall’uomo si assistono a virus e malattie sempre più forti che ristabiliscono equilibrio sulla terra. Che il Covid sia diventata la nuova influenza del terzo millennio? Anche a questo nessuno sa rispondere.

Proprio in virtù di ciò, molti esperti ritengono che il vaccino contro il Covid19, poiché poco efficace e poco preparato sulle mutazioni, non ha fatto altro che rinforzare e far mutare più velocemente un virus che di per sé ci aveva già messo in ginocchio.

Sia chiaro, i vaccini sono un miracolo della scienza, e quando ben testati e ben fatti hanno aiutato la razza umana a non subire estinzioni o decimazioni. Però devono avere un’efficacia notevole e certificata. Non si può imporre di iniettare vaccini, anche a minori, senza prima capire l’efficacia e la sicurezza a lungo termine.

Tra Letta e Salvini, al solito, la verità sta nel mezzo. Se uno è troppo libertino e fanfarone, l’altro è troppo rigoroso e intransigente; peccato che l’arroganza gli accomuni entrambi. Si spera che una sintesi venga fatta al più presto. Non se ne può più dei continui screzi opportunistici della nostra classe dirigente.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento