Home DIRITTI CIVILI L’Ungheria promise la legge a tutela degli LGBTQ+, poi è arrivato Orbán

L’Ungheria promise la legge a tutela degli LGBTQ+, poi è arrivato Orbán

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

Non molto tempo fa, c’era motivo di credere che l’Ungheria stesse emergendo come uno dei luoghi più amichevoli per le persone LGBTQ+ nell’ex blocco orientale.

Nei primi due decenni dopo la fine della Guerra Fredda, molte delle leggi discriminatorie del paese sono state cancellate dai libri quando uno dei più grandi movimenti LGBTQ+ della regione è venuto allo scoperto. I progressi hanno raggiunto l’apice quando le unioni civili per le coppie dello stesso sesso sono state legalizzate nel 2007 dopo che Gábor Szetey, un segretario di stato, si è dichiarato pubblicamente in un discorso di apertura del festival dell’orgoglio di quell’anno.

“È stato fantastico dirlo ad alta voce”, ha detto Szetey, che con il suo annuncio è diventato il primo membro apertamente gay del governo ungherese. “Fu un grosso affare. Allora, nel 2007, l’Ungheria sembrava essere il paese più progressista dell’Europa centro-orientale”.

Ma negli anni successivi, quel progresso duramente conquistato ha dovuto affrontare ostacoli crescenti. I manifestanti della parata del Budapest Pride sono stati violentemente aggrediti nel 2007 e nel 2008, costringendo le future parate dietro le linee della polizia.

Nel 2010, il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il suo partito Fidesz sono saliti al potere e nel giro di un anno hanno approvato una nuova costituzione che vietava esplicitamente il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Successivamente, il documento è stato modificato per impedire alle coppie dello stesso sesso di adottare bambini.

Ora, la retrocessione dell’Ungheria sui diritti LGBTQ+ è entrata nel dibattito globale dopo che il paese ha approvato una nuova legge che vieta i contenuti per minori che descrivono l’omosessualità o la divergenza di genere alla nascita, inclusi film, programmi televisivi, pubblicità e programmi di educazione sessuale nelle scuole.

La legge ha puntato duramente i riflettori su oltre un decennio di politiche e retorica politica che secondo gli attivisti LGBTQ+ mira a stigmatizzarli e costringere la loro comunità a tornare nell’ombra. Per le minoranze sessuali ungheresi sono stati due passi avanti e chissà quanti indietro.

È una preoccupazione che si sta diffondendo nella comunità LGBTQ+ ungherese, che è stata in grado di organizzarsi formalmente nel paese dal 1988, quando László Láner ha co-fondato il primo gruppo di difesa LGBTQ+ ufficiale del paese.

L’omosessualità è legale in Ungheria dal 1961, ma la stigmatizzazione sociale e la sorveglianza da parte delle forze di sicurezza dello stato comuniste hanno fatto sì che le minoranze sessuali vivessero in segreto, nascoste da una società che considerava l’omosessualità un tabù.

Nel 1988, in mezzo all’aumento dei casi di HIV in Ungheria, Láner ha co-fondato il primo gruppo LGBTQ+, l’Associazione Homerosz. L’anno successivo è diventato editore fondatore di Mások, una rivista mensile clandestina progettata per raggiungere la comunità LGBTQ+ ungherese fuori dalla capitale Budapest.

Nel 1992, Láner ha anche aiutato a organizzare il primo “Pink Picnic”, un raduno di ungheresi LGBTQ+ sulle colline fuori dalla capitale, lontano dagli occhi di una società che i partecipanti sentivano non essere ancora pronti ad accettarli. Il picnic annuale ha portato alla prima marcia del Pride di Budapest nel 1997, un evento che oggi attira fino a 20.000 persone ogni anno.

“Abbiamo sentito per anni dopo il cambio di regime [nel 1990] che stavamo andando avanti. Sempre più cose sono state ottenute, anche in campo legale”, ha detto Láner, ora 65enne, della transizione post-socialista dell’Ungheria.

La comunità LGBTQ+ è riuscita a presentare una petizione alla corte costituzionale ungherese per esaminare le leggi sull’età del consenso, che sono state fissate a 14 per gli eterosessuali ma a 18 per le persone dello stesso sesso. La corte ha stabilito nel 2002 che la disparità era discriminatoria e oggi l’età del consenso dell’Ungheria è di 14 anni sia per gli individui opposti che per quelli dello stesso sesso.

Nel 2007, Szetey, che allora prestava servizio come segretario di stato nel precedente governo socialista-liberale ungherese, si è dichiarato pubblicamente. Mentre contemplava la mossa storica, Szetey ha affermato di sperare di utilizzare il momento come “una scintilla per un risultato politico”.

In pochi mesi, il parlamento ungherese ha approvato una legge che crea unioni civili per le coppie dello stesso sesso.

Ma poi Orbán è stato portato al potere con una clamorosa vittoria elettorale che ha dato al suo partito una maggioranza parlamentare di due terzi, ponendo le basi per importanti cambiamenti alla legge elettorale, alla magistratura, ai media e a una nuova costituzione.

“Da quel momento in poi, c’è stata una tendenza politica piuttosto omofoba”, ha detto Láner.

Oltre al divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso, le revisioni alla costituzione hanno anche sancito il matrimonio eterosessuale come unità familiare propria.

“La base della famiglia è il matrimonio e/o il rapporto genitore-figlio. La madre è una donna e il padre è un uomo”, recita ora la costituzione.

Tali disposizioni stanno ora ricevendo un nuovo esame sulla scia della recente legge ungherese anti-LGBTQ+.

I gruppi per i diritti umani hanno condannato la misura come uno stratagemma consapevole di Fidesz per confondere le persone LGBTQ+ con i pedofili, poiché le misure sono state allegate a un disegno di legge volto a creare punizioni più dure per la pedofilia.

Orbán e il suo governo negano a gran voce che la legge sia rivolta alle minoranze sessuali. In vista di un vertice dei leader dell’UE a Bruxelles il mese scorso, Orbán ha insistito sul fatto che le misure fossero necessarie per garantire che i genitori abbiano voce in capitolo nello sviluppo sessuale dei loro figli.

“Non si tratta di omosessualità, si tratta di bambini e genitori”, ha detto Orbán. “Sto difendendo i diritti dei ragazzi omosessuali, ma questa legge non riguarda loro”.

Ma Láner afferma che la legge è un tentativo deliberato di emarginare ulteriormente la comunità gay e stigmatizzarla agli occhi dell’opinione pubblica.

“Ora dicono che dobbiamo proteggere i bambini sotto i 18 anni, non dagli omosessuali, ma dalla consapevolezza che l’omosessualità esiste”, ha detto. “Questo è un messaggio molto chiaro”.

La legislazione – che è stata paragonata alla legge russa sulla “propaganda gay” del 2013 – è arrivata sulla scia di altre recenti misure del governo che sono state viste come attacchi ai diritti LGBTQ+. L’anno scorso, nuove leggi hanno effettivamente impedito alle coppie dello stesso sesso di adottare bambini e hanno impedito alle persone transgender di cambiare legalmente il proprio nome o genere nei registri governativi.

Orbán e il suo partito affronteranno elezioni nazionali competitive il prossimo anno, e i critici sostengono che le recenti mosse contro le persone LGBTQ+ sono un tentativo di creare un nemico comune come mezzo per mobilitare il sostegno degli elettori, simile al modo in cui Orbán ha precedentemente preso di mira i migranti, l’America e l’UE durante le elezioni.

“Questa è un’arma politica che stanno usando, ma il fatto che osano usarla dimostra che l’unica cosa che gli interessa è mantenere il potere, con ogni mezzo”, ha detto Szetey.

“È giunto il momento che l’UE inizi a parlare”, ha aggiunto, rilevando di essere lieto di vedere il rifiuto vocale della legislazione da parte di leader europei come il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il primo ministro olandese Mark Rutte.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento