Home In evidenza L’azione per il clima del G7 è una chance che non può essere sprecata

L’azione per il clima del G7 è una chance che non può essere sprecata

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

A ottobre 2021, il G7 – che comprende Canada, Germania, Francia, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – rappresentava un quarto delle emissioni mondiali di carbonio e quasi il 40% dell’economia globale.

In quanto alcune delle potenze più ricche e influenti del mondo, queste nazioni hanno sia una chiara opportunità che una responsabilità essenziale per riconoscere l’impatto sempre più negativo della crisi climatica e, soprattutto, devono agire, a partire da ora.

Gli Stati hanno poteri unici per utilizzare la politica fiscale e monetaria per accelerare la transizione verso l’emissione zero e in pochi sono così potenti in questo senso come i paesi del G7. Esclusa Cina e India.

Dalle implementazioni nazionali di energia rinnovabile al potenziamento del trasporto pubblico locale, ogni politica che riduca le emissioni di carbonio ha bisogno del sostegno dell’intero governo per funzionare in modo più efficace e il punto di partenza è smettere di fare attivamente danni.

Alla COP26, il G7 si è impegnato a porre fine a tutti i sussidi “inefficienti” ai combustibili fossili entro il 2025, eppure questo pone una domanda ovvia: tutti i combustibili fossili accelerano la crisi climatica, quindi qual è l’uso efficiente del denaro pubblico?

La creazione di un ambiente economico in cui le riduzioni delle emissioni sono attivamente incentivate è spesso inquadrata come un “costo” da coloro che si oppongono a una seria azione per il clima, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Nel Regno Unito, il taglio delle politiche per l’energia verde ha aggiunto miliardi alle bollette energetiche e in Germania ogni anno vengono spesi 65,4 miliardi di euro per sussidi dannosi per l’ambiente.

L’azione per il clima non è un costo, è il più grande investimento che potremmo fare. A livello globale, l’energia rinnovabile non è mai stata così efficace o conveniente: il costo del passaggio dal carbone alle energie rinnovabili è diminuito del 99% dal 2010 e le Nazioni Unite hanno affermato che il passaggio alle energie rinnovabili e alle economie a basse emissioni di carbonio potrebbe valere trilioni di dollari.

C’è anche la questione non quantificabile ma fondamentale della vasta sofferenza umana che la crisi climatica causerà.

Un clima stabile, sicurezza alimentare, aria e acqua pulite, una salute pubblica ancora migliore: porre fine all’era dei combustibili fossili aiuta a fornire tutti questi vantaggi.

Tuttavia, la misura in cui possono essere garantiti dipende dal ritmo e dalla portata di come ci occupiamo della riduzione delle emissioni.

Le Nazioni Unite hanno affermato nel 2019 che dobbiamo ridurre le emissioni del 7,6% per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi dell’accordo di Parigi.

I discorsi altisonanti che promettono “zero netto” entro il 2050 e la tecnologia proiettile d’argento ancora inesistente non funzioneranno e stanno attivamente minando la possibilità di un’azione per il clima significativa, dando alle aziende inquinanti un pass gratuito per nuocere all’ambiente.

In questo prossimo incontro del G7 di giugno, ospitato dalla Germania, i membri devono impegnarsi per un’azione per il clima migliore, più rapida e più forte per un futuro più sostenibile per tutti noi.

Devono anche riconoscere il fatto che storicamente hanno beneficiato delle economie ad alto contenuto di carbonio e che le loro emissioni di carbonio fuori misura guidano l’ingiustizia climatica in tutto il mondo.

Le nazioni che hanno fatto meno per causare la crisi climatica sono quasi invariabilmente quelle che hanno subito i peggiori impatti: il 99% di tutti i decessi causati da disastri meteorologici si verificano nei 50 paesi meno sviluppati del mondo, paesi che hanno contribuito con meno dell’1% del emissioni globali di carbonio.

Coloro che sopravvivono sono spesso costretti a trasferirsi. Questa è una tragedia umana di dimensioni quasi inimmaginabili e conosciamo le aziende, i governi e i leader mondiali che ne sono responsabili.

Il G7 può e deve spingere per obiettivi forti e giuridicamente vincolanti per un’azione per il clima decisiva, con responsabilità per coloro che non agiscono.

È anche chiaro che le nazioni ricche possono e devono fornire forti finanziamenti per l’adattamento, nonché per perdite e danni, per compensare coloro che sono già stati colpiti dalla crisi climatica.

Ma ci sono alcuni cambiamenti a cui semplicemente non possiamo adattarci.

Per fare un pronostico, gli scienziati usano una misura del calore e dell’umidità combinati chiamata “temperatura a bulbo umido”.

Quando questa supera i 35 gradi Celsius, gli esseri umani non sopportano di stare fuori per più di qualche ora, anche in perfetta salute, all’ombra e con accesso all’acqua, i nostri corpi semplicemente non riescono a raffreddarsi abbastanza velocemente e rischiano la morte insufficienza d’organo.

La frequenza delle temperature pericolosamente elevate del bulbo umido sta aumentando rapidamente, superando le proiezioni e ricordandoci che c’è solo così tanto che possiamo ottenere attraverso l’adattamento.

Non possiamo più ritardare. Solo nelle ultime settimane si sono verificate devastanti inondazioni che hanno ucciso centinaia di persone in Sud Africa, la sesta grande alluvione in pochi mesi nel Queensland, in Australia, e un’ondata di caldo che ha esposto oltre un miliardo di persone a un caldo pericoloso in India e Pakistan, e questo continuerà.

Se vogliamo un pianeta abitabile e sostenibile, in definitiva il passo più importante è mitigare la crisi climatica portando una rapida transizione verso economie a zero emissioni di carbonio, estraendo al contempo il carbonio esistente dall’atmosfera ripristinando ecosistemi naturali ricchi di carbonio.

Essendo composto dai paesi con il maggior potere e responsabilità, il G7 non può perdere l’occasione di iniziare seriamente questo processo durante la riunione di giugno: è un’opportunità per un’azione decisiva a favore del clima e dell’ambiente circostante che semplicemente non possiamo permetterci di perdere.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento