Home In evidenza La Polonia vede Putin dietro il ricatto del confine

La Polonia vede Putin dietro il ricatto del confine

by Freelance

Di Mirko Fallacia

La Polonia non ha dubbi su chi sta orchestrando un’amara crisi umanitaria al confine: il presidente russo Vladimir Putin.

Dall’estate, il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko ha portato migliaia di migranti mediorientali nel suo paese e li ha spinti a tentare di attraversare il confine polacco nell’UE.

La crisi si è intensificata lunedì quando un gruppo di circa 1.500 migranti ha abbattuto le recinzioni e tagliato il filo spinato vicino al villaggio di Kuźnica, nel nord-est della Polonia.

Gli uomini non sono riusciti a farsi strada attraverso, ma è probabile che ci riprovino. In effetti, colonne di migranti sono state fatte marciare verso il confine dai soldati bielorussi senza possibilità di tornare indietro.

Ciò solleva lo spettro di un’emergenza umanitaria, con i migranti catturati in una boscosa terra di nessuno mentre le temperature scendono sotto lo zero di notte.

Mentre molti dei migranti sono giovani, tra loro ci sono anche anziani, donne e bambini. Varsavia ha inviato 12.000 soldati per sorvegliare il confine.

Il governo polacco ha identificato il colpevole dietro questa minaccia al rischio di vite umane nel Cremlino, la sua eterna nemesi.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki si è affrettato a nominare Putin come il burattinaio dietro quella che Varsavia vede come una forma di guerra ibrida.

“Questo è l’ultimo attacco di Lukashenko, che è un esecutore testamentario, ma ha un abilitatore, e questo abilitatore è a Mosca, questo abilitatore è il presidente Putin, che mostra una determinazione a realizzare uno scenario di ricostruzione dell’impero russo, lo scenario al quale noi tutti, i polacchi, dobbiamo opporci con forza”, ha detto Morawiecki in parlamento martedì.

Per le forze di sicurezza polacche, la priorità è respingere quello che vede come un attacco e sigillare il confine. Il governo sta persino progettando di sostituire le recinzioni di filo spinato con un muro di cemento.

Le autorità hanno anche dichiarato lo stato di emergenza nella regione di confine, esclusi giornalisti, operatori umanitari e medici.

Fondamentalmente, la Polonia ha un ampio sostegno per mantenere la linea al confine. Il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer è stato citato dal quotidiano Bild per chiedere la solidarietà dell’UE a Varsavia e ha anche puntato il dito contro Mosca.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha anche affermato che “le autorità bielorusse devono capire che fare pressioni sull’Unione europea in questo modo attraverso una cinica strumentalizzazione dei migranti non le aiuterà a raggiungere i loro scopi”. Mercoledì il presidente del Consiglio europeo Charles Michel incontrerà Morawiecki a Varsavia.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento