Home Attualità L’Italia erode lentamente il diritto all’aborto, cavalcando l’onda degli Usa

L’Italia erode lentamente il diritto all’aborto, cavalcando l’onda degli Usa

by Freelance

Di Miriam Lestingi

L’Italia sta lentamente stringendo l’accesso all’aborto in una campagna accelerata alimentata dalla guerra culturale roboante americana sui diritti riproduttivi.

Le autorità regionali, responsabili dell’assistenza sanitaria in Italia, stanno finanziando e dando sempre più spazio alle organizzazioni contro l’aborto negli ospedali e nelle cliniche di pianificazione familiare.

I funzionari si rifiutano di rispettare le linee guida nazionali che facilitano gli aborti non chirurgici. Alcuni governi locali hanno persino offerto incentivi in ​​denaro alle donne che abbandonano i piani per abortire.

L’estrema destra ha alimentato questa spinta a limitare l’accesso all’aborto poiché ha preso il controllo di più amministrazioni locali e sono sulla buona strada per guadagnare terreno nelle imminenti elezioni italiane. Ma anche i cattolici conservatori di sinistra hanno rafforzato lo sforzo.

Ora, con la Corte Suprema degli Stati Uniti pronta ad annullare il diritto all’aborto garantito dell’America, gli attivisti anti-aborto italiani sentono che il loro momento è arrivato.

Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, movimento cristiano conservatore che si oppone all’aborto, ha affermato che il suo gruppo è “pronto a cavalcare l’onda dagli Stati Uniti, in una feroce battaglia contro il diritto di uccidere un bambino nel grembo materno”.

È esattamente ciò che i sostenitori dei diritti dell’aborto hanno temuto a lungo.

C’è “una preoccupante e doppia ascesa di un movimento potente e ultraconservatore”, ha affermato la senatrice Alessandra Maiorino, che guida il comitato per i diritti umani del Movimento 5 stelle.

“Non solo negli Stati Uniti, ma in Europa… che rischia di sferrare un serio attacco ai diritti duramente conquistati, a cominciare dall’aborto”.

L’Italia ha legalizzato l’aborto nel 1978, con alcune limitazioni.

Gli aborti sono disponibili gratuitamente durante i primi 90 giorni di gravidanza con un periodo di attesa di sette giorni: la donna deve solo ricevere una dichiarazione che la gravidanza rappresenta un rischio per la sua salute mentale o fisica.

Dopodiché, gli aborti sono consentiti solo se esiste un serio rischio per la salute della madre o anomalie fetali.

L’accesso è stato a lungo complicato anche a causa del ruolo influente della Chiesa cattolica nel sistema sanitario italiano, nonché dell’alto numero di obiettori di coscienza tra i medici.

Il Consiglio d’Europa, l’organismo che difende la Convenzione europea dei diritti dell’uomo, ha rilevato nel 2016 che in Italia “le donne che chiedono l’accesso ai servizi di aborto continuano ad incontrare notevoli difficoltà nell’accesso a tali servizi”.

Sette ginecologi su 10 in Italia si rifiutano di abortire, secondo il ministero della Salute, con il livello più alto, l’85 per cento, in Sicilia.

La chiesa ha anche stretto forti legami con le autorità sanitarie regionali, dirottando cospicui finanziamenti sanitari dagli ospedali pubblici secolari agli ospedali cattolici, che non praticano aborti.

“Per via del Vaticano, l’Italia è sempre stata considerata dalla Chiesa cattolica come il suo territorio”, ha detto Elisabetta Canitano, ginecologa e presidente della Ong per i diritti dell’aborto Vita di Donna.

Secondo Canitano, la chiesa si oppone all’aborto non solo per opposizione ideologica, ma per garantire la continua richiesta dei suoi servizi.

“La chiesa vuole che i poveri continuino ad avere figli poiché dipende dai contratti statali per svolgere attività di beneficenza”, ha detto.

Con il nazionalismo in aumento in tutta Europa negli ultimi dieci anni, l’estrema destra si è unita ai cattolici nella sua crociata contro l’aborto, integrando il suo passo anti-immigrati e contro l’ordine pubblico con messaggi sui valori sociali conservatori.

Secondo quelli di destra, i “valori liberali” hanno eroso la struttura familiare tradizionale e sono responsabili del tasso di natalità record in Italia, un argomento inteso ad alimentare la paura per i migranti recenti che alla fine superano gli italiani multigenerazionali.

Man mano che i politici di estrema destra ottengono il potere in più regioni e città, hanno preso di mira i diritti delle donne consolidati da tempo.

Diverse regioni, tra cui l’Umbria e le Marche, si rifiutano di applicare le linee guida nazionali emesse dal ministero della Salute italiano nel 2020 che consentono ai pazienti di abortire chirurgicamente in regime ambulatoriale, il che ridurrebbe il tempo necessario alle donne per assentarsi dal lavoro o dalla famiglia.

Il movimento della Meloni, Fratelli d’Italia, ha spesso alimentato la spinta.

L’anno scorso, i meloniani hanno presentato una mozione che designa Roma una “città per la vita”, con finanziamenti per incoraggiare “la natalità e la maternità”, consentendo ai gruppi anti-aborto di accedere alle cliniche di pianificazione familiare.

E in Abruzzo l’estrema destra ha spinto lo scorso novembre su una legge regionale che richiederebbe una sepoltura tombale per tutti i feti abortiti, anche contro la volontà della donna. Solo i feti di età superiore alle 26 settimane vengono solitamente seppelliti dal servizio sanitario.

Canitano, responsabile di Vita di Donna, ha affermato che la misura non ridurrà effettivamente gli aborti, ma creerà solo un “modo di punire le donne, facendole soffrire”.

Ma il partito della Meloni non si ferma qui e sono anche dietro un fondo anti-aborto di 400.000 euro approvato dalla Regione Piemonte il mese scorso, con l’obiettivo di corrompere donne che abbandonano i loro piani di aborto.

Elisa Ercoli, presidente dell’Ong per i diritti delle donne Differenza Donna, descrive le misure come “un tentativo di confondere le donne e ridurre la questione dell’aborto a una questione economica”.

Ma Lucio Malan, senatore di Fratelli d’Italia, ha affermato che il suo partito sta semplicemente cercando di attuare una parte della legge che legalizza l’aborto nel 1978, che ordinava agli enti statali di offrire alle donne alternative all’aborto. E ha difeso il diritto dei gruppi antiabortisti di essere presenti negli ospedali.

“L’Italia ha il peggior tasso di natalità in Occidente”, ha detto. “Anche se ovviamente non può essere permesso loro di molestare le persone, dovremmo consentire loro di essere presenti, per dimostrare che l’aborto non è l’unica soluzione”.

Malan ha difeso l’iniziativa di dare una tomba e una sepoltura agli embrioni abortiti, dicendo che era una questione di “dignità umana”.

Ha aggiunto: “Se lo Stato stabilisce che ciò che ha un battito cardiaco, cioè il Dna, dovrebbe essere trattato in modo diverso dalla spazzatura. Non capisco perché una donna o una coppia, che voleva essere libera dal bambin dovrebbe avere un problema con esso”.

Se la Corte Suprema degli Stati Uniti alla fine abbatterà il diritto all’aborto di lunga data la decisione potrebbe dare nuovo slancio ai difensori dell’aborto in Europa, anche in Italia.

Fratelli d’Italia hanno guadagnato tanto consenso e potrebbero arrivare primi alle prossime elezioni italiane, previste per la primavera del 2023. Anche il partito di destra della Lega è terzo, creando la possibilità di una coalizione di destra che vada contro i diritti delle donne.

Ma mentre Lega e Fratelli d’Italia hanno entrambi insistito sul fatto che non intendono mettere fuori legge l’aborto, Ercoli è certo che cercheranno di imporre più ostacoli.

“Sono sicura che cercheranno di toccare quest’area dei diritti e ristabilire il controllo”, ha detto. “Non hanno bisogno di cambiare la legge. Proveranno a limitare l’accesso. L’applicazione della legge è già molto ridotta, ostacolando la libertà di scelta in molte regioni. È facile attaccare un sistema che è già ingombrante”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento