Home Cronaca La Bielorussia sgombera i campi di migranti al confine dell’UE, ma la crisi non è ancora finita

La Bielorussia sgombera i campi di migranti al confine dell’UE, ma la crisi non è ancora finita

by Freelance

Di Miriam Lestingi

Le autorità bielorusse giovedì hanno sgomberato i principali campi in cui i migranti si erano accalcati al confine con la Polonia, in un cambio di rotta che potrebbe aiutare a calmare una crisi che nelle ultime settimane si è trasformata in un grande scontro est-ovest.

In un altro potenziale segnale di allentamento della crisi, centinaia di iracheni hanno fatto il check-in all’aeroporto di Minsk per tornare in Iraq, il primo volo di rimpatrio da agosto.

Tuttavia, la Commissione europea e la Germania hanno respinto una proposta della Bielorussia secondo cui i paesi dell’UE accettano 2.000 dei migranti attualmente sul suo territorio e gli Stati Uniti hanno accusato Minsk di rendere i migranti “pedine nei loro sforzi per essere dirompenti”, segnalando che le tensioni con l’Occidente erano tutt’altro che finite.

In ogni caso, il passo della Bielorussia di spostare i migranti in un gigantesco magazzino, compresi bambini piccoli, riposati sui materassi, significava che non erano più all’aperto a temperature gelide.

I paesi europei hanno accusato per mesi la Bielorussia di aver organizzato la crisi facendo volare migranti dal Medio Oriente e spingendoli a tentare di attraversare illegalmente i suoi confini in Polonia e Lituania.

Minsk, appoggiata da Mosca, respinge queste accuse, ma il presidente lituano Gitanas Nauseda ha affermato che la dura posizione assunta dall’UE sta dando i suoi frutti.

“Stiamo vedendo i primi risultati: i voli organizzati dal regime dal Medio Oriente vengono fermati e i migranti in Bielorussia stanno tornando a casa”, ha detto dopo aver parlato con il suo omologo polacco.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento