Home Attualità HK sospende le operazioni a Taiwan a causa dell’aumento delle tensioni

HK sospende le operazioni a Taiwan a causa dell’aumento delle tensioni

by Nik Cooper

Martedì il governo di Hong Kong ha sospeso le operazioni presso il suo ufficio di rappresentanza a Taiwan in segno di una crescente tensione diplomatica tra l’hub finanziario globale e l’isola governata democraticamente che Pechino sostiene.

Le tensioni tra il governo di Hong Kong sostenuto da Pechino e Taiwan sono aumentate da quando sono scoppiate le proteste a favore della democrazia a Hong Kong nel 2019 e la Cina ha risposto imponendo una legge radicale sulla sicurezza nazionale nella città che ha spinto molti attivisti a partire, alcuni per Taiwan.

Un rappresentante del governo di Hong Kong non ha fornito una spiegazione per la decisione di interrompere le operazioni presso l’Ufficio economico, commerciale e culturale di Hong Kong, aggiungendo solo che la decisione non era correlata al recente aumento dei casi di coronavirus a Taiwan.

“La sospensione non è correlata alla situazione pandemica a Taiwan. Non abbiamo altro da aggiungere”, ha detto il rappresentante in una nota. Il governo di Taiwan ha affermato che, pur rispettando la decisione, si è anche pentito.

“Esprimiamo profondo rammarico per la decisione unilaterale odierna del governo di Hong Kong”, ha affermato in una dichiarazione il Consiglio per gli affari continentali di Taiwan.

Taiwan ha criticato la legge sulla sicurezza che Pechino ha imposto a Hong Kong e ha aperto un ufficio a Taipei per aiutare le persone che potrebbero voler andarsene.

Nell’agosto dello scorso anno, la Cina ha intercettato una barca che trasportava 12 persone da Hong Kong, che avevano tutte subito accuse legate alle proteste antigovernative e apparentemente stavano cercando di fuggire a Taiwan.

L’anno scorso, ai funzionari di Taiwan a Hong Kong è stato detto che i loro visti non sarebbero stati rinnovati a meno che non avessero firmato un documento a sostegno della rivendicazione di Pechino a Taiwan secondo la sua politica “una sola Cina”.

Il Consiglio per gli affari continentali di Taiwan ha dichiarato questo mese che al consolato de facto di Hong Kong erano rimasti solo otto membri del personale taiwanese e che tutti i loro visti sarebbero scaduti quest’anno.

L’Ufficio per gli affari costituzionali e continentali di Hong Kong ha affermato che la sospensione delle operazioni significa che le richieste di assistenza da parte della popolazione di Hong Kong a Taiwan sarebbero state gestite tramite hotline e tramite un sito web del governo di Hong Kong.

Pechino vede Taiwan come parte di “una sola Cina” e non ha mai rinunciato all’uso della forza per portare l’isola sotto il suo controllo.

La Cina ha proposto che Taiwan fosse sottomessa al dominio cinese in base a un accordo simile “un paese due sistemi” che offrì a Hong Kong quando tornò al dominio cinese nel 1997. Tutti i principali partiti politici di Taiwan hanno rifiutato l’idea.

Hong Kong è stata a lungo un importante canale commerciale e di investimento tra Taiwan e la Cina, che non hanno relazioni diplomatiche.

La legge sulla sicurezza di Hong Kong punisce ciò che la Cina definisce ampiamente come sovversione, secessione, terrorismo e collusione con forze straniere fino all’ergastolo.

I critici della legge temono che schiaccerà le libertà ad ampio raggio promesse quando tornerà al dominio cinese. I sostenitori affermano che ha ripristinato la stabilità essenziale per il suo successo economico.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento