Home Attualità Djokovic vince la battaglia legale per rimanere in Australia

Djokovic vince la battaglia legale per rimanere in Australia

by Nik Cooper

Un giudice australiano ha stabilito lunedì che Novak Djokovic sarà rilasciato immediatamente dalla detenzione per immigrati, trovando “irragionevole” la decisione del governo di revocare il visto per entrare nel Paese.

Il giudice Anthony Kelly ha ordinato la liberazione di Djokovic entro 30 minuti e il suo passaporto e altri documenti personali gli sono stati restituiti, riproponendo al numero uno del mondo l’opportunità di vincere il 21esimo titolo del Grande Slam, per stabilire un nuovo record ai prossimi Australian Open.

Kelly, che in precedenza aveva criticato le ore di interrogatorio di Djokovic all’aeroporto di Melbourne quando è atterrato mercoledì, ha affermato che sia l’intervista che la cancellazione del visto “erano irragionevoli”.

Djokovic non ha avuto abbastanza tempo per parlare con gli organizzatori del tennis e gli avvocati per rispondere completamente dopo che gli è stata notificata l’intenzione di annullare il suo visto, ha detto il giudice.

Gli avvocati del governo federale hanno detto alla corte che il ministro dell’immigrazione del paese si stava riservando il diritto di esercitare il suo potere personale per revocare nuovamente il visto di Djokovic.

Dopo aver confermato che un tale passo, se preso, escluderebbe Djokovic dal Paese per tre anni, Kelly ha avvertito gli avvocati del governo che “la posta in gioco è ora aumentata, piuttosto che diminuita”.

Il portavoce del ministro, Alex Hawke, non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

La difficile situazione di Djokovic è stata seguita da vicino in tutto il mondo, creando tensioni politiche tra Belgrado e Canberra e scatenando un acceso dibattito sui mandati nazionali di vaccinazione.

Djokovic, 34 anni, è stato trattenuto in un hotel di detenzione per immigrati insieme a detenuti richiedenti asilo a lungo termine da giovedì.

Lunedì si è recato nelle camere dei suoi avvocati per ascoltare la sentenza, che includeva la condanna del governo a pagare le sue spese.

I suoi avvocati hanno sostenuto che una recente infezione da COVID-19 ha qualificato Djokovic per l’esenzione medica dall’obbligo per i cittadini non australiani che entrano nel paese di essere doppiamente vaccinati.

Il governo australiano, tuttavia, aveva sostenuto che i non cittadini non avevano il diritto di ingresso garantito in Australia e aveva messo in dubbio la sua pretesa esenzione.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento